7 May, 2021
HomePosts Tagged "Roberta Pinotti"

[bing_translator]

«Il ritorno ai sardi della spiaggia di Porto Tramatzu a Teulada deve essere il punto di partenza per una nuova politica sulle servitù militari in Sardegna.»

Lo afferma il candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Sardegna Francesco Desogus, secondo cui «l’accordo firmato nel 2017 tra il presidente Francesco Pigliaru e l’allora ministro della Difesa Roberta Pinotti è, infatti, lacunoso e poco ambizioso. Al ministro Elisabetta Trenta chiederemo invece un cambio di passo, perché il tema delle servitù militari è centrale nell’idea di sviluppo che vogliamo per l’isola e che proporremo ai sardi in occasione delle elezioni regionali del 24 febbraio». 

Per Francesco Desogus «c’è voluta tutta la determinazione della signora ministro Elisabetta Trenta, incalzata fin dal suo insediamento dai nostri parlamentari e in particolare da Emanuela Corda, per accelerare il ritorno ad un uso turistico della bellissima spiaggia di Porto Tramatzu, a Teulada. Perché è facile firmare gli accordi, molti più difficile attuarli». 

«Il ministro Elisabetta Trenta si è mostrata invece vicina ai cittadini e ha rispettato i patti – conclude il candidato governatore del Movimento 5 Stelle – accelerando un processo di dismissione che con il precedente Governo sembrava essere destinato ad essere, è proprio il caso di dirlo, insabbiato.»

[bing_translator]

Oggi il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, parteciperà, alle 16:00, alla cerimonia di premiazione della 30esima edizione del Premio Marisa Bellisario “Donne ad alta quota”, presso l’Auditorium del Foro Italico di Roma. Il Presidente Tajani, membro del comitato d’onore, consegnerà le “Mele d’Oro” alle donne che si sono distinte in vari ambiti professionali, dalla scienza al mondo accademico, dall’economia al sociale, a livello nazionale e internazionale. 

Il premio, dedicato alla memoria di Marisa Bellisario, prima top manager italiana, è stato assegnato in passato a personalità di altissimo livello. Tra queste, Fabiola Gianotti, Margherita Hack, Samantha Cristoforetti, Roberta Pinotti, Aung San Suu Kyi, Rania di Giordania, Tara Gandhi, Ségolène Royal.

Alla vigilia dell’evento il presidente Antonio Tajani ha dichiarato: «E’ un onore per me prendere parte a questo prestigioso evento, nato per premiare il talento femminile. Il grande sviluppo economico, tecnologico e sociale degli ultimi decenni è dovuto soprattutto al ruolo crescente delle donne in questi settori. La parità di genere si sta sempre più affermando, ma servono ancora molti sforzi per arrivare ad una vera uguaglianza. A livello globale, solo il 24% dei manager è donna. Gli uomini occupano 655 milioni di posti di lavoro in più rispetto alle donne. E’ uno spreco di potenzialità, talenti e risorse che davvero non possiamo permetterci».

Quest’anno, a ricevere il premio saranno l’Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la Politica di Sicurezza, Federica Mogherini; il Commissario europeo per l’Economia e la Società digitali, Marija Gabriel; la Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati; le giornaliste Lucia Annunziata e Anna Maria Broggiato; l’attrice Paola Cortellesi; la virologa Ilaria Capua; le imprenditrici e manager, Elena Miroglio e Carla De Maria; il prefetto di Milano, Luciana Lamorgese; la fotografa Letizia Battaglia; l’astrofisica Marica Branchesi e la campionessa olimpica di snowboard Michela Moioli.

La cerimonia di premiazione verrà trasmessa su Raidue il 19 giugno.

[bing_translator]

Mauro Pili (Unidos), deputato uscente del gruppo Misto, ha annunciato poco fa con un intervento in diretta su Facebook, che «il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ormai a fine mandato, ha firmato un atto con il quale ha deciso, contro il parere del Comitato Misto Paritetico della Regione Sardegna, di autorizzare la realizzazione a Teulada, di due mega villaggi mediorientali e mittle-europei che, sostanzialmente verranno utilizzati per quelle che vengono chiamate guerre simulate, ma che in realtà sono una speculazione immobiliare cementizia, un affare di Stato senza precedenti del valore di 20 milioni di euro, attribuiti ad una sostanziale trattativa privata tra il ministero della Difesa e la società Vitrociset».

«Stiamo parlando – aggiunge Mauro Pili – di una cementificazione di 20 milioni di euro che deve essere realizzata all’interno di un sito di importanza comunitaria, di un’area che è comunque censita sul piano ambientale con il massimo rispetto.»

«E’ evidente che si tratta di un atto gravissimo, unilaterale, con il silenzio totale del presidente della Regione Autonoma della Sardegna che sa anche lui da qualche ora della firma di questo provvedimento del Ministro – ha attaccato Mauro Pili -. Dov’è Pigliaru, dove la maggioranza, dov’è la Giunta regionale di fronte ad un atto così violento del ministro della Difesa che, in contrasto con tutto quello è stato detto in questi mesi dal Comitato Misto Paritetico, approva un atto in totale dispregio del rapporto istituzionale con la Regione. Perché Pigliaru non reagisce, perché non dichiara, perché non ha annunciato questa firma ed il suo ricorso al Tribunale amministrativo regionale, per esempio, per impugnare quell’atto che è in violazione totale delle norme urbanistiche, paesaggistiche, della competenza primaria ed esclusiva della Regione sul paesaggio e sulla governance del territorio. Il governo del territorio è materia esclusiva di pertinenza e competenza della Regione Autonoma della Sardegna.»

«E’ vietato per chiunque costruire nel Sulcis qualsiasi tipo di albergo a Teulada, si è fatta una battaglia contro gli insediamenti turistici, si sono contrapposti poteri forti, poteri interessati, hanno fatto di tutto, hanno fatto persino demolire alcune realtà già realizzate – ha detto ancora Mauro Pili – tutto questo è successo soltanto lì, ed oggi però di fronte a questo divieto di sviluppo economico per Teulada, per il Sulcis, per tutto quel territorio, c’è chi con un atto d’imperio, autorizza la realizzazione di questi due mega villaggi mittle-europei e mediorientali, per fare guerre, per combattere guerre simulate, come se l’Italia avesse nella sua Costituzione l’elemento autorizzativo per fare delle guerre.»

[bing_translator]

Al via i pagamenti degli indennizzi ai pescatori di Capo Frasca penalizzati dalle esercitazioni militari.

«Un ultimo, importantissimo, tassello in una vicenda che dura da più di vent’anni e per troppo tempo rimasta senza risposte, che garantisce equità e certezza di diritti ai pescatori che non hanno mai ricevuto le misure di indennizzo riconosciute ad altri che si trovano nella stessa situazione.»
Così il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, informato della comunicazione che il Comando militare ha inviato ai Sindaci dei Comuni interessati, sull’avvio del pagamento della prima parte di indennizzi ai pescatori di Capo Frasca per le limitazioni subite nelle attività di pesca a causa delle esercitazioni militari.
«Teniamo fede a un impegno che io e la ministra Roberta Pinotti abbiamo assunto il 19 giugno 2014, data della seconda Conferenza nazionale sulle servitù militari. Da allora siamo stati al fianco dei Sindaci e dei pescatori: non abbiamo fatto proclami ma lavorato per ottenere risultati concreti. Questo è uno dei nostri risultati. A breve tornerò a Capo Frasca – ha concluso Francesco Pigliaru – per condividere con i Sindaci e i pescatori delle marinerie questa bella notizia.»

[bing_translator]

«Abbiamo lavorato a lungo e con grande impegno per quest’intesa, che riduce concretamente, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo gli impatti della presenza militare sul nostro territorio». Lo ha detto il presidente della Regione Francesco Pigliaru, a Roma, dopo aver firmato con il ministro della Difesa Roberta Pinotti il protocollo d’intesa sulle servitù militari.
«Sono problemi aperti da oltre quarant’anni – ha aggiunto il presidente Pigliaru -, a causa di uno Stato centrale che per troppo tempo è stato colpevolmente distratto nei confronti della Sardegna. Con questo accordo, frutto di un’intensa collaborazione tra noi e il Governo, abbiamo cambiato la prospettiva su questo fronte, e abbiamo posto le basi per un nuovo rapporto con la Difesa. È il primo passo concreto, senza alcuna contropartita da parte della Regione, verso il riequilibrio che avevamo chiesto fin da principio, forti anche del mandato ricevuto dal Consiglio regionale. Lungo il percorso è stato fondamentale il sostegno dei Deputati sardi, così come quello dei Sindaci dei Comuni maggiormente oberati dalle servitù, con cui abbiamo condiviso subito i risultati ottenuti, e che infatti oggi erano con noi a Roma. Altri accordi sono stati scritti in passato – ha sottolineato ancora il presidente della Regione -, ma nessuno aveva affrontato la questione della presenza militare nel suo complesso, senza esclusione alcuna. In più questa intesa contiene un cronoprogramma che definisce i tempi certi entro i quali le parole devono diventare atti concreti. Ecco, queste sono le differenze: oggi ci siamo impegnati, Governo e Regione, a realizzare questa trasformazione con regole chiare e tempi certi così che tutti possano verificare, giorno dopo giorno, ogni fase del processo. Da parte nostra – ha concluso Francesco Pigliaru -, faremo di tutto perché ogni virgola di quanto abbiamo sottoscritto venga realizzata nei tempi più rapidi possibile.»
L’intesa firmata a Roma dal presidente della Regione Francesco Pigliaru ed il ministro della Difesa Roberta Pinotti, segna un passo concreto verso la soluzione di problemi aperti da oltre 40 anni. È l’accordo sulle servitù militari per ridurne quantitativamente e qualitativamente gli impatti nell’Isola. L’obiettivo è il riequilibrio, la cui necessità il presidente Francesco Pigliaru ha fatto presente al Governo fin dal 2014. In particolare, durante i lavori della Seconda Conferenza nazionale sulle servitù militari, Francesco Pigliaru fece valere il mandato politico del Consiglio regionale sul tema della presenza militare in Sardegna, espresso nell’ordine del giorno del 17 giugno 2014, votato all’unanimità. Hanno affiancato il presidente Pigliaru, a Roma, i sindaci dei Comuni che maggiormente risentono degli impatti della presenza militare e sui cui territori ricadranno più direttamente i risultati concreti ottenuti attraverso l’intesa.
I sindaci presenti a Roma erano: Arbus, Antonio Arca; Decimomannu, Annapaola Marongiu; La Maddalena, Luca Montella; Nuoro, Andrea Soddu; Perdasdefogu, Mariano Carta: Teulada, Daniele Serra; Villaputzu, Sandro Porcu. 

[bing_translator]

Ministero della Difesa, Francesco Pigliaru e Roberta Pinotti firmano l'intesa sulle servitù militari

Il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, ed il ministro della Difesa Roberta Pinotti hanno firmato questo pomeriggio l’intesa che segna un passo concreto verso la soluzione di problemi aperti da oltre 40 anni. È l’accordo sulle servitù militari per ridurne quantitativamente e qualitativamente gli impatti nell’Isola.
L’obiettivo è il riequilibrio, la cui necessità il presidente Francesco Pigliaru ha fatto presente al Governo fin dal 2014. In particolare, durante i lavori della Seconda Conferenza nazionale sulle servitù militari, Francesco Pigliaru fece valere il mandato politico del Consiglio regionale sul tema della presenza militare in Sardegna, espresso nell’ordine del giorno del 17 giugno 2014, votato all’unanimità.
A Roma hanno affiancato il governatore i sindaci dei Comuni che maggiormente risentono degli impatti della presenza militare e sui cui territori ricadranno più direttamente i risultati concreti ottenuti attraverso l’intesa.

[bing_translator]

Una nuova richiesta di conclusione dell’iter di trasferimento delle risorse spettanti ai Comuni gravati da servitù militari in Sardegna previsti dalla legge 104 del 1990 e dalle successive modifiche ed integrazioni, è stata avanzata dai sindaci Antonello Ecca di Arbus, Anna Paola Marongiu di Decimomannu, Luca Montella di La Maddalena, Mariano Carta di Perdasdefogu, Teresa Pintus di Sant’Anna Arresi, Daniele Serra di Teulada, Gian Luigi Serra di Ulassai, Giuseppe Loi di Villanova Strisaili e Sandro Porcu di Villaputzu, al ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, al ministro della Difesa Roberta Pinotti, al presidente della Giunta regionale Francesco Pigliaru e, per conoscenza, al presidente dell’Anci Sardegna Emiliano Deiana.

«Nel mese di marzo i sindaci dei comuni sardi interessati da servitù militari hanno scritto una lettera al ministro della Difesa, al presidente della giunta regionale e al presidente dell’ANCI Sardegna per significare gli interminabili ritardi nell’erogazione dei fondi a ristoro dei disagi e dei vincoli per la presenza dei poligoni e delle esercitazioni. Risorse destinate ai Comuni e da questi utilizzate per la realizzazione di opere pubbliche e politiche sociali a beneficio dell’intera comunità – scrivono i sindaci -. In data 9 maggio un comunicato a firma della Presidenza della Giunta regionale riportava la notizia dell’avvenuta sottoscrizione da parte del ministro Padoan del decreto che quantifica i parametri per l’erogazione del contributo ai Comuni e si stimava un tempo di conclusione dell’iter pari a circa un mese. Ad oggi però non si hanno notizie dell’effettiva conclusione dell’iter e questo è oggetto di forte preoccupazione dei sindaci scriventi visto il termine ultimo del 15 luglio quale obbligo per tutti i comuni di trasmissione della richiesta di acquisizione o di cessione degli spazi finanziari annuali (di cui all’art. 4 del D.P.C.M. 21/02/2017, n. 21). Un ulteriore ritardo nell’erogazione dei fondi in oggetto non solo rischia di compromettere la corretta programmazione delle risorse entro tale data, ma in caso di trasferimento tardivo essi rischiano di finire in avanzo di amministrazione rendendoli di fatto inutilizzabili.»

«Per questi motivi, considerati anche i tempi tecnici necessari per il trasferimento dei fondi dallo Stato alla Regione e da questa ai Comuni è assolutamente necessario concludere l’iter nei prossimi giorni, in caso contrario tali risorse saranno di fatto del tutto vane. Oltre al danno, la beffa. Chiediamo quindi notizie sull’avanzamento dell’iter procedurale necessario e, nel caso in cui questo non sia di immediata conclusione, chiediamo una pronta e decisa presa di posizione – concludono i sindaci – per scongiurare il sopraccitati rischi e dare finalmente seguito agli impegni presi, nell’esclusivo interesse delle nostre comunità.»

 

[bing_translator]

I sindaci dei Comuni oberati dalle servitù militari, Antonello Ecca di Arbus, Anna Paola Marongiu di Decimomannu, Luca Montella di La Maddalena, Mariano Carta di Perdasdefogu, Teresa Pintus di Sant’Anna Arresi, Daniele Serra di Teulada, Gian Luigi Serra di Ulassai, Giuseppe Loi di Villagrande Strisaili, Sandro Porcu di Villaputzu e Walter Marongiu di Villasor, hanno inviato una lettera al ministro della Difesa Roberta Pinotti e al presidente della Giunta regionale Francesco Pigliaru e, per conoscenza al presidente dell’Anci Sardegna Emiliano Deiana, contenente la richiesta di un incontro urgente sul tema degli indennizzi ai Comuni gravati da servitù militari, legge 104/90 e successive modifiche e integrazioni.

«I sindaci dei comuni di Arbus, Decimomannu, La Maddalena, Perdasdefogu, Sant’Anna Arresi, Teulada, Ulassai, Villagrande Strisaili, Villaputzu e Villasor rimarcano il forte e non più sostenibile ritardo nei trasferimenti dallo Stato delle risorse previste dalla legge 104/90 e successive modifiche e integrazioni (Dlgs 66/2010) – si legge nella lettera -. Tali disposizioni di legge prevedono per i Comuni oberati da servitù militari dei fondi a ristoro dei disagi e dei vincoli per la presenza dei poligoni e delle esercitazioni. Risorse destinate ai Comuni e da questi utilizzate per la realizzazione di opere pubbliche e politiche sociali a beneficio dell’intera comunità.

Gli ultimi versamenti risalgono ormai al lontano 2012 e riguardavano le annualità 2005-2009, il ritardo accumulato e quindi di 8 annualità per una cifra che, a solo titolo di esempio, ammonta a circa 1,3 milioni di euro Arbus, 600mila euro Decimomannu, 2,4 milioni di euro La Maddalena, 450mila euro Sant’Anna Arresi, 3 milioni di euro Teulada, 2,2 milioni di euro Villaputzu, 1,3 milioni di euro Villasor, etc. Risorse fresche, importanti e quanto mai utili in un periodo di forte crisi e difficoltà come quello che stiamo attraversando, che consentirebbero l’immediato avvio di opere e cantieri con indubbi benefici anche per l’occupazione.»

«La problematica non è nuova e negli anni è più volte stata sollevata dai Sindaci e dalla Regione Sardegna sia attraverso l’invio di documenti ufficiali e delibere di consiglio votate all’unanimità, sia durante incontri a vari livelli, in tutte le sedi possibili – aggiungono i sindaci -. Tutte le richieste indirizzate sono rimaste inascoltate. Oltre al versamento del pregresso e alla puntualità nei pagamenti abbiamo sempre chiesto la corresponsione delle cifre per annualità e non più per quinquennio e il fatto che siano stralciate dai vincoli di bilancio affinché tali risorse siano effettivamente e facilmente programmabili e spendibili per il territorio e per le comunità con tempistiche certe. Ci preme ricordare che la tematica non può essere ritenuta oggetto di negoziazione tra le varie vertenze sulle servitù militari. Essa, infatti, è già disciplinata da una legge dello Stato e in quanto tale va applicata senza indugio.»

Ritenendo non più rinviabile la conclusione della vicenda, i sindaci chiedono al ministro della Difesa la convocazione di un incontro urgente per affrontare e risolvere la problematica e l’autorevole intervento della Regione Sardegna, nella persona del presidente della Giunta, affinché si faccia portavoce e promotore di quanto possa occorrere per la tematica in oggetto.

[bing_translator]

Un centinaio di persone hanno partecipato questo pomeriggio, negli spazi del Museo della Grande Miniera di Serbariu, alla presentazione del libro dell’ex sindaco di Roma Ignazio Marino “Un marziano a Roma”, Feltrinelli Editore, organizzata dall’associazione “Zorba il Gatto”.

Dopo i due incontri molto partecipati avuti ieri a Iglesias, prima con gli studenti del Liceo Scientifico, poi al Teatro Electra, Ignazio Marino ha raccontato la sua esperienza di primo cittadino della Capitale, rispondendo alle domande di Umberto Aime, giornalista de La Nuova Sardegna.

Un’esperienza difficile quella vissuta da Ignazio Marino, caratterizzata da un percorso molto accidentato nel tentativo di cambiare volto alla gestione dell’amministrazione della capitale d’Italia. Il chirurgo di origine genovese, 62 anni il prossimo 10 marzo, ha raccontato tanti episodi, grandi e piccoli, partendo dalla situazione debitoria creata negli anni dalle diverse amministrazioni che è arrivata alla fine del 2008 a 22,4 miliardi di euro, sanata con una legge dello Stato che prevede la distribuzione del debito su tutti gli italiani che dal 2009 e fino al 2044 dovranno pagare mezzo miliardo all’anno. Situazione debitoria che ha ripreso poi a crescere praticamente senza controllo.

Ignazio Marino ha raccontato degli ostacoli incontrati nel porre fine ad un certo andazzo, sia all’interno dell’amministrazione sia nelle partecipate e dei rapporti tra maggioranze e opposizioni nella gestione del potere. Non sono mancate le bordate all’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi ma l’obiettivo principale delle sue critiche è stato l’intero Partito Democratico che ha decretato la fine della sua esperienza nelle segrete stanze, negandogli il confronto più volte sollecitato nell’aula del Consiglio comunale.

Ha parlato anche della vicenda al centro del confronto politico a Roma in questi giorni, il progetto per il nuovo stadio della Roma, sul quale si è detto sostanzialmente favorevole, e d’altronde non avrebbe potuto dire diversamente, considerato che il progetto ha iniziato il suo percorso proprio sotto la sua amministrazione. Ha ripetuto praticamente i concetti espressi in una sua lettera pubblicata due giorni fa dal quotidiano La Repubblica, sottolineando che la delibera della sua Giunta dichiarò il pubblico interesse dell’opera, condizionandolo, ovviamente, non allo stadio privato, ma alle opere connesse all’impianto sportivo e utili alla qualità della vita dei romani. In particolare ha sottolineato che prevede il potenziamento del trasporto pubblico su ferro, l’adeguamento di via Ostiense/via del Mare fino allo svincolo con il Grande Raccordo Anulare, il collegamento con l’autostrada Roma Fiumicino attraverso un nuovo ponte sul Tevere, l’intervento di mitigazione del rischio idraulico e di messa in sicurezza dell’area. Il progetto – ha sottolineato ancora – prevede un investimento di un miliardo e mezzo di euro a carico del privato, al quale non credo si possa rinunciare a cuor leggero. Il progetto, come abbiamo già riportato stamane, ieri ha ricevuto lo stop del MIBACT e la sua realizzazione è tornata fortemente a rischio.

Conclusa l’intervista, è stato dato spazio al pubblico e, rispondendo alla domanda di un osservatore, Ignazio Marino, che in precedenza aveva ricordato che quando si è candidato alle primarie, vinte senza stampare neppure un manifesto, ha strabattuto l’attuale presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e l’europarlamentare David Sassoli, e di essersi dimesso preventivamente da senatore (esempio successivamente mai seguito da nessuno dei colleghi), ha detto di essere convinto che l’esperienza di un parlamentare dovrebbe durare due mandati, quindi dieci anni, anche se poi l’affermazione risulta in contraddizione con la sua esperienza personale che riporta tre candidature e altrettante elezioni al Senato (anche se la terza non l’ha portata a termine. come detto, volontariamente).

Ha poi ironizzato sui candidati alle primarie e gli attuali componenti del Governo. «Non conviene vincere le primarie del PD – ha sottolineato – se si hanno ambizioni di arrivare al Governo, perché come si è visto Paolo Gentiloni ha perso nettamente le primarie per la candidatura di sindaco di Roma ed oggi è Capo del Governo, così come Roberta Pinotti è arrivata terza alle primarie per la candidatura a sindaco di Genova ed oggi è ministro della Difesa».

«Sono sempre stato un testardo. E i testardi possono vincere o perdere ma non riescono a galleggiare: emergono o affondano.» E’ questa una delle frasi contenute nel libro che più colpiscono. Ed effettivamente Ignazio Marino è affondato, ritornando al suo lavoro e alla sua università, negli Stati Uniti, dove ha trascorso oltre 20 anni della sua vita.

Alleghiamo un album fotografico della serata e un video con la prima parte dell’intervento di Ignazio Marino.

                                                                    

[bing_translator]

Francesco Pigliaru 4

In una lettera inviata martedì sera al sottosegretario della Difesa, Domenico Rossi, e per conoscenza al ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il presidente della Regione Francesco Pigliaru esprime apprezzamento per la risoluzione approvata all’unanimità dalla IV Commissione Difesa della Camera e con il parere positivo del Governo, sul riconoscimento degli indennizzi relativamente alle ordinanze di sgombero a mare lungo la costa di Capo Frasca.
«È un passo importante, che arriva dopo un comune lavoro volto ad assicurare certezza di diritti ed equità di trattamento anche ai pescatori di Capo Frasca – scrive Francesco Pigliaru -. Adesso si tratta di trasformare in fatti concreti quanto deciso oggi. A questo fine ti chiedo di voler indicare i nominativi dei rappresentanti della Difesa in seno al gruppo di lavoro che dovrà procedere alla definizione tecnica dei criteri di riparto delle misure di indennizzo.»

«Obiettivo prioritario comune dovrà essere quello di ricercare tutte le misure possibili per la riduzione delle limitazioni dovute dalle ordinanze di sgombero a mare e consentire così ai pescatori di svolgere le proprie attività – conclude il presidente Pigliaru -. Ciò, peraltro, coerentemente con quanto richiesto in questi giorni dagli operatori della pesca e dai rappresentanti delle associazioni di categoria».