23 June, 2024
Home2023Aprile (Page 2)

Sono quattro i candidati in corsa per succedere a Daniele Serra, giunto al termine del secondo mandato consecutivo, nella carica di sindaco del comune di Teulada. Quattro liste in un paese di 3.348 abitanti, in questi anni è difficile trovarle ai nastri di partenza di una campagna elettorale.

Alessandro Serafini, 49 anni, vicesindaco e assessore dei Lavori pubblici, Attività produttive, Programmazione del Territorio della Giunta uscente, sottufficiale dell’Esercito, guida la lista “Alessandro Serafini – Teulada in testa”. I candidati alla carica di consigliere comunale: Daniela Arrus, Valentina Carta, Andrea Cinus, Beatrice Mura, Giacomo Piras, Stefano Pittalis, Cristina Pisano, Silvia Selis, Vanessa Selis, Pietro Tanas, Massimo Zedda, Alfredo Zuddas.

Antonello Tanas, 63 anni, avvocato, funzionario di un ente pubblico, guida la lista “Teulada futura”. I candidati alla carica di consigliere comunale: Gianni Angioni, Massimiliano Arrus, Iole Deidda, Efisio Donazio, Angelo Farci, Nella Lentini, Salvatore Melis, Nicola Meloni, Salvatore Mocci, Alessandra Serrenti, Amos Vacca, Giorgio Virdis.

Angelo Milia, 53 anni, ingegnere libero professionista, guida la lista “sìAmo Teulada – Angelo Milia sindaco”. I candidati alla carica di consigliere comunale: Pietrino noto Pietro Albai, Francesca Bernardini, Susanna Boi, Ruggero Cossu, Federica De Liso, Egidio Didu, Anna Rita Loi, Daniele Luciani, Simona Montisci, Giuseppe noto Bepi Murgia, Stefano Uccheddu, Gian Luca Urru.

Mauro Serra, 33 anni, professionista in campo finanziario, guida la lista “Teulada rinasce”. I candidati alla carica di consigliere comunale: Mara Lai, Silvia Lai, Silvia Albai, Elisabetta Pala, Marco Lai, Marco Milia, Mauro Serra, Piero Cuccu, Massimiliano Piras, Ermenegildo noto Gildo Melis, Gabriele Marongiu.

 

Il presidente della Regione, Christian Solinas commenta con profonda amarezza, il disimpegno di Glencore dagli impianti di Portovesme e San Gavino Monreale.
«In queste settimane di continua e unilaterale ricerca di dialogoaggiunge il presidente Christian Solinas -, è emerso con chiarezza che il tema dell’energia, che accomuna tutte le industrie italiane ed europee, è stato utilizzato per coprire una strategia industriale evidentemente diversa da quella illustrata dall’azienda, che come rivelato da fonti ministeriali, ha usufruito negli ultimi 4 anni di oltre 140 milioni di euro di sostegni straordinari, oltre agli sgravi fiscali per l’abbattimento dei costi energetici.»
«Sappiamo bene – sottolinea il presidente della Regione -, che la produzione dello zinco è stata incrementata in Spagna, a danno di Portoscuso, e che lo stesso è avvenuto in Germania con il piombo. Non accettiamo che la multinazionale, sorda ad ogni ragionevole proposta emersa nelle numerose interlocuzioni in Sardegna e al Ministero, metta una pietra tombale su una linea di produzione strategica per la Sardegna e per l’intero paese, nonché sulla dignità e il futuro dei lavoratori, proprio mentre è aperto un tavolo di confronto ai massimi livelli.»
«Ai lavoratori di Portovesme e San Gavino Monrealeconclude Christian Solinas -, confermo la totale vicinanza della Regione, che non li abbandonerà e garantirà non solo il sostegno di ammortizzatori sociali, ma anche ogni azione finalizzata a esplorare possibili soluzioni per la ripresa degli impianti.»

Nessuna sorpresa. Alle 12.00 sono scaduti i termini per la presentazione dei candidati alla carica di sindaco e delle liste dei candidati alla carica di consigliere comunale per le elezioni amministrative del 28 e 29 maggio, e in corsa ci sono il sindaco uscente Mauro Usai, con sette liste, e gli sfidanti Beppe Pes sostenuto da quattro liste e Luigi Biggio, candidato di una sola lista, quella di Fratelli d’Italia.

I candidati alla carica di consigliere comunale sono complessivamente 267, così distribuiti: 147 delle sette liste della coalizione che sostiene Mauro Usai; 96 delle quattro liste della coalizione che sostiene Beppe Pes; 24 della lista Fratelli d’Italia che sostiene Luigi Biggio.

Mauro Usai, 34 anni, uomo di punta del Partito democratico, guida la coalizione di centrosinistra, così composta: Partito democratico, Progetto per Iglesias, Iglesias Progressista Mauri Usai Sindaco, Uniti per Iglesias, Mauro Usai Sindaco, Idea Sardegna, Sinistra Autonomia Socialismo per Iglesias. Prima dell’esperienza quinquennale da primo cittadino, Mauro usai ha ricoperto nella consiliatura 2013-2018, la carica di presidente del Consiglio comunale, esperienza iniziata quando aveva 24 anni.

Beppe Pes, 66 anni, direttore della struttura complessa di Cardiologia del Presidio Ospedaliero Unico di Area Omogenea di Carbonia, ex direttore sanitario facente funzioni della Asl Sulcis, ex consigliere comunale ed assessore dei Servizi sociali nella Giunta Perseu, è alla testa di un progetto civico, comprendente quattro liste: Centro Popolare, Nuova Iglesias, Beppe Pes Sindaco Insieme, Movimento civico Iglesias.

Luigi Biggio, 45 anni, consigliere comunale uscente ed ex assessore delle Politiche giovanili, Cultura e Pubblica istruzione nella stessa Giunta Perseu, capeggia la lista di Fratelli d’Italia, forza politica del presidente del Consiglio Giorgia Meloni che ha deciso di fare corsa solitaria.

Alle 12.01, un minuto dopo lo stop alla presentazione delle liste, è scattata ufficialmente la campagna elettorale che si concluderà alle 24.00 di venerdì 26 maggio. La campagna elettorale, di fatto, è in corso da tempo, con diversi candidati che hanno dato alle stampe il materiale e iniziato la sua distribuzione per la caccia al voto dei cittadini elettori.

Giampaolo Cirronis

A Portovesme per vivere la “Festa del Lavoro” come Speranza, rispetto alla grave crisi lavorativa che sconvolge il nostro territorio. Lunedì primo maggio, dalle ore 11.00 presso l’ingresso principale dello stabilimento della Portovesme srl, l’Amministratore apostolico della diocesi di Iglesias Cardinale Arrigo Miglio, e don Antonio Mura, direttore diocesano dell’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro e parroco di Portoscuso, saranno presenti all’incontro promosso dal mondo del lavoro territoriale e che vedrà riunite parti sociali, Istituzioni e Amministratori locali: una presenza che vuole essere un segno di speranza e incoraggiamento da parte della Chiesa diocesana, vicina ai lavoratori e alle loro famiglie in questo cruciale passaggio delle vertenze che coinvolgono il polo industriale di Portovesme e l’intero Sulcis Iglesiente.

Si è conclusa il 25 aprile, a Iglesias, l’ottava edizione della Fiera del libro, organizzata dall’associazione culturale Argonautilus. Sono stati quattro giorni intensissimi, con decine di appuntamenti e tanti ospiti, seguiti agli incontri nei Comuni partner della Fiera.

Durante l’incontro con lo scrittore Fabio Stassi, abbiamo intervistato il direttore artistico della Fiera, Maurizio Cristella.

 

 

Due allieve del Tennis Club Carbonia, Caterina Soddu e Beatrice Tuveri, sono state protagoniste alla Coppa delle province (competizione under a squadre per la quale vengono convocate le migliori allieve della provincia). La provincia di Cagliari si è aggiudicata la fase regionale della Coppa battendo prima Oristano e poi Sassari grazie anche al contributo delle due allieve del Tennis Club Carbonia che si sono aggiudicate tutti i loro incontri. Il prossimo appuntamento è in programma a Terni dall’1 al 3 giugno, nella rassegna interprovinciale.

Caterina Soddu ha giocato e vinto l’incontro giocato nella finale contro Sassari 6-2, 6-1.
Beatrice Tuveri s’è imposta nel singolare in semifinale contro Oristano 6-2, 6-0, e nel singolare della finale contro Sassari 2-6, 6-2, 10-8.

Nelle fotografie Caterina Soddu è l’atleta con la tuta bianca, Beatrice Tuveri ha la maglia gialla.

Il comune di Carbonia ha pubblicato il bando per l’assegnazione di spazi presso il Mercato Civico, adibiti indistintamente alla vendita al dettaglio di prodotti alimentari e non alimentari, di gastronomia, di somministrazione ed artigianato alimentare e non alimentare, nonché per la vendita diretta se si tratta di produttori agricoli.
«L’assegnazione dei posteggi, dei banchi e dei box mira a rendere il Mercato Civico sempre più fruibile e popolato, con una razionale ottimizzazione e gestione degli spazi all’interno di una struttura che consideriamo il fiore all’occhiello del commercio del centro cittadino», ha comunicato il sindaco Pietro Morittu.
«L’obiettivo è richiamare un numero maggiore di operatori in grado di proporre alla nostra cittadinanza un’offerta più ampia e variegata», ha aggiunto l’assessore delle Attività produttive, Michele Stivaletta.
Gli spazi che potranno essere assegnati sono i seguenti:
Posteggi piano rialzato: numeri 19-20, 23-24, 37-38, 39-40;
Banchi piano rialzato: numeri 49, 51, 52 59, 60, 61, 62 bis, 64;
Box piano rialzato: numeri 3, 4, 7 (momentaneamente occupato con ingombri), 9, 10, 17 (momentaneamente occupato da ingombri), 18, 20-21 (come ridisegnato dalla Deliberazione di Giunta  Comunale n. 193/2019);
Posteggi piano seminterrato: numero 2-3, 14-15, 18-19;
Box piano seminterrato: numero 1, 2, 3, 4, 6, 7, 8, 9.
Gli operatori interessati potranno presentare domanda entro le ore 12.00 del 18 maggio 2023.

Vista la festività dl 1° maggio, in tutti i 150 Uffici Postali della Sardegna Meridionale le pensioni del mese saranno in pagamento a partire da martedì 2.
In continuità con quanto fatto finora, con l’obiettivo di evitare assembramenti, il pagamento delle pensioni in contanti avverrà preferibilmente secondo la seguente turnazione alfabetica, che potrà variare in base al numero di giorni di apertura della sede di riferimento:
Pertanto,
i cognomi dalla A alla C martedì 2 maggio
dalla D alla K mercoledì 3 maggio
dalla L alla P giovedì 4 maggio
dalla Q alla Z venerdì 5 maggio

Le pensioni di aprile saranno disponibili a partire da martedì 2, anche per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution che abbiano scelto l’accredito. I possessori di Carta di Debito associate a conti/libretti o di Postepay Evolution, quindi, potranno prelevare in contanti dai 107 ATM Postamat del territorio, senza recarsi allo sportello. Inoltre, i possessori di Carta di Debito associate a conti/libretti potranno usufruire gratuitamente di una polizza assicurativa che consente un risarcimento fino a € 700 all’anno sui furti di contante subiti nelle due ore successive al prelievo effettuato sia dagli sportelli postali sia dagli ATM Postamat.

Il Consiglio comunale di Carbonia ha approvato una serie di importanti documenti economico-finanziari che tracciano la linea di programmazione dell’Amministrazione. Si tratta di una variazione di Bilancio che prevede nuove entrate per la rimozione delle barriere fisiche e cognitive in musei, biblioteche e archivi per consentire un più ampio accesso  e partecipazione alla cultura, da finanziare nell’ambito del PNRR; fondi della Regione Autonoma della Sardegna dell’importo di 27.000 euro per la valorizzazione e tutela della Lingua sarda, per il trasporto scolastico per una somma di 12.000 euro; finanziamenti regionali per interventi di aumento del patrimonio boschivo per un importo di 90.000 euro; finanziamenti per la legge 162/98 per piani personalizzati a favore di persone con handicap grave per l’importo di euro 186.794,27 rispettivamente per le annualità 2023-2024; contributo di 16.000 euro per l’istituzione di nuovi stalli rosa per le donne in stato di gravidanza.

A ciò si aggiungono maggiori entrate statali per il fondo di solidarietà per circa 44 mila euro, altri contributi statali per circa 16 mila euro e trasferimenti compensativi per minori introiti dell’addizionale Irpef per un importo di circa 11.000 euro.

Nella seduta odierna è stato approvato anche il Rendiconto della gestione per l’esercizio 2022, il cui dato più importante è che il comune di Carbonia – dopo diversi anni caratterizzati da un pesante disavanzo di amministrazione che ha condizionato negativamente le precedenti amministrazioni – finalmente può vantare un avanzo libero di Amministrazione di circa 960.000 euro con una disponibilità di risorse importanti ottenute anche grazie al dialogo e al confronto con la Regione Sardegna. Ciò ha consentito, in un solo anno, la copertura completa del disavanzo. Un risultato che consentirà all’Ente di dare maggiori risposte alle istanze che provengono dalla cittadinanza e dal Consiglio comunale.

Questa mattina il sindaco di Carbonia Pietro Morittu e l’assessore dei Lavori pubblici Manolo Mureddu hanno incontrato in Municipio una delegazione di cittadini che dallo scorso 1° aprile sono rimasti senza un medico di famiglia, a seguito della scadenza della deroga del massimale che permetteva ai medici di base di assistere fino a 1.800 pazienti contro i 1.500 consentiti.
Un problema gravissimo, cui si è cercato nel mese di aprile di far fronte con il contributo e l’ausilio delle guardie mediche.
«È evidente, tuttavia, che la soluzione tampone messa in atto non è idonea e in alcuna misura sufficiente a garantire il pieno rispetto del diritto alla salute, messo a repentaglio con la perdita per 4.000 cittadini della nostra città del proprio medico di famigliaha commentato il sindaco Pietro Morittu -. E‘ necessario trovare una soluzione continuativa e strutturale, che passa inizialmente per la sottoscrizione del nuovo contratto per i Medici di Medicina Generale e per l’applicazione di una nuova deroga al massimale di pazienti che ciascun medico può assistere.»
Il primo cittadino e l’assessore hanno assicurato il massimo impegno da parte dell’Amministrazione comunale a continuare le interlocuzioni con i sindacati sottoscrittori del Patto per la Salute, con la ASL del Sulcis e precipuamente con l’assessore regionale della Sanità per cercare di sollecitare con forza la risoluzione del problema, che è in capo alla Regione Sardegna.