11 May, 2021
HomePosts Tagged "Daniele Reginali"

E’ in programma venerdì 30 aprile, alle 19.00 un evento in diretta streaming organizzato dai Giovani democratici del Sulcis Iglesiente, sulla pagina facebook (https://www.facebook.com/GDSulcisIglesiente/).
Si parlerà del nuovo assegno unico ed universale e delle politiche territoriali sui giovani, le famiglie e sul lavoro. I relatori che parteciperanno al confronto saranno Caterina Cocco (segretaria regionale CGIL Sardegna), Daniele Reginali (presidente consiglio comunale di Iglesias e segretario provinciale del PD), Rossella Pinna (consigliera regionale PD e componente IV commissione regionale su sanità e servizi regionali) ed Emanuele Cani (segretario regionale PD).

Nel corso della seduta dello scorso 16 aprile, il Consiglio comunale di Iglesias, all’unanimità dei presenti, ha approvato l’ordine del giorno relativo alla richiesta, rivolta al governo italiano, di concedere la cittadinanza per meriti speciali a Patrick Zaki, ricercatore di origine egiziana e studente presso l’Università di Bologna, da oltre un anno incarcerato in Egitto in quanto oppositore del governo, con l’accusa di aver fomentato le proteste e per la sua attività sui social network.
Da quando è stato messo agli arresti, il 7 febbraio 2020, Patrick Zaki, secondo quanto comunicato dai suoi legali, è stato sottoposto a violenze, torture e privazioni, e si trova in una sorta di limbo giudiziario, con la continua proroga della custodia cautelare e senza le necessarie tutele.
Patrick Zaki, oltre a questo, soffre di problemi respiratori che ne aggravano le condizioni, in una situazione complessa come quella del sistema carcerario egiziano, caratterizzata dalla mancanza di tutele e aggravata dalla recente emergenza sanitaria.
Con l’approvazione dell’ordine del giorno per la richiesta al governo italiano di concedere la cittadinanza a Patrick Zaki, il Consiglio comunale di Iglesias aderisce alla proposta formulata da ALI – Autonomie Locali Italiane e dalle associazioni che si sono fatte promotrici dell’iniziativa, per un gesto fortemente simbolico che vuole rappresentare una presa di posizione netta nell’ambito della legalità e della tutela dei diritti umani.
Oltre a questo, nell’ordine del giorno approvato dal Consiglio comunale, vengono espressi solidarietà, sostegno e vicinanza alla famiglia e alle Università di Bologna e Granada, presso le quali Zaki svolgeva l’attività di studio, e si chiede al governo italiano di impegnarsi a promuovere il caso in tutte le sedi istituzionali opportune, con particolare riferimento all’Unione europea, affinché si attivino per il rilascio di Zaki.
“Anche Iglesias aderisce ad una iniziativa di grande rilevanza, nata nella società civile e accolta da numerose amministrazioni locali – ha messo in evidenza il presidente del Consiglio comunale Daniele Reginali – per fare in modo che il caso di Zaki possa essere ricondotto nel campo della tutela dei diritti umani e si possa concludere con il rilascio di Patrick”.

«Il Just Transition Fund, il piano di finanziamenti europei destinati alla transizione “green” verso produzioni sostenibili ed alla riconversione delle realtà industriali in crisi, per il quale in Italia sono state individuate le aree di Taranto e del Sulcis Iglesiente, attualmente gestito dall’assessorato dell’Industria, continua a seguire un iter troppo lento e macchinoso, questo non consente di rispettare i tempi e le finalità del piano stesso.»

Lo scrive, in una nota, Daniele Reginali, segretario provinciale del Partito democratico del Sulcis Iglesiente.

«Alla luce delle risorse disponibili, è di fondamentale importanza e urgenza garantire trasparenza e partecipazione, con il contributo delle realtà produttive, del mondo del lavoro e delle rappresentanze
sindacali, per definire i piani territoriali e stabilire i progetti da presentare conclude Daniele Reginali -. Per questo motivo sarebbe importante che la cabina di regia di questo processo venisse direttamente gestita dal CRP, che ha gli strumenti per seguire questo tipo di processo e dare organicità ai progetti e al percorso che ci permetterà di reperire ingenti risorse.»

[bing_translator]

Il consigliere comunale Simone Saiu (Forza Italia) ha presentato un’interrogazione al sindaco  di Iglesias Mauro Usai ed al presidente del Coniglio comunale, Daniele Reginali, sulla demolizione del cavalcavia di Bindua, all’altezza del km 33,700 della strada statale 126.

Simone Saiu chiede di conoscere, se l’Amministrazione abbia espresso il proprio parere in merito alla possibilità di ripristinare e rafforzare il ponte e se si sia in qualche modo attivata con gli Enti preposti, al fine di salvaguardare il ponte ed evitarne la demolizione.

[bing_translator]

«Il Just Transition Fund, il piano di finanziamenti europei destinati alla transizione “green” verso produzioni sostenibili ed alla riconversione delle realtà industriali in crisi, per il quale in Italia sono state individuate le aree di Taranto e del Sulcis, rappresenta un intervento strategico sia nell’ottica di una decarbonizzazione che riduca la dipendenza dai combustibili fossili, che del complessivo rilancio economico di un territorio come il nostro, che ancora dopo anni risente della fine delle attività estrattive e della crisi del comparto industriale.»

Lo scrive, in una nota, Daniele Reginali, segretario provinciale del Partito democratico del Sulcis Iglesiente.

«Oltre 1 miliardo di euro, per un finanziamento che potrebbe garantire il sostegno alle attività produttive, le bonifiche ambientali e la transizione verso realtà come quelle dell’economia circolare, rispetto al quale non è chiaro se e come la Regione stia procedendo nel pianificare gli ambiti di intervento e le azioni strategiche alla base dello strumento del Just Transition Fundaggiunge Daniele Reginali -. E’ di fondamentale importanza ed urgenza coinvolgere le amministrazioni locali, principali referenti nel territorio che in questo momento non sono a conoscenza della sua evoluzione, è indispensabile inoltre garantire trasparenza e partecipazione, con il contributo delle realtà produttive, del mondo del lavoro e delle rappresentanze sindacali, per definire i piani territoriali e stabilire i progetti da presentare e fare in modo che i fondi europei per la transizione economica non rappresentino l’ennesimo occasione perduta per il Sulcis, per questo motivo sollecitiamo il presidente Christian Solinas e l’assessore Giuseppe Fasolino, affinché si attivino subito per la convocazione di un tavolo di lavoro.»

 

[bing_translator]

«Di fronte alla delicata situazione della Sotacarbo, che a distanza di mesi si trova ancora senza un Presidente, occorre richiedere con forza che la Giunta regionale intervenga assumendosi la responsabilità di quanto garantito nelle scorse settimane e che finora non ha avuto seguito. Una situazione di grave immobilismo che rischia di disperdere un capitale umano e tecnico fatto di ricerca ed innovazione, in settori strategici che rappresentano la chiave per ogni ipotesi di sviluppo che guardi al futuro e alla sostenibilità.»

Lo scrive, in una nota, Daniele Reginali, segretario provincia del Partito democratico del Sulcis Iglesiente.

«Siamo al fianco dei lavoratori e della loro protesta, perché è di fondamentale importanza tutelare una realtà di eccellenza, sia a livello italiano che internazionale, rispondendo in maniera concreta a quanto richiesto dai lavoratori in una vertenza che da mesi li vede impegnati in cerca di chiarezza sul proprio futuro e su quello della Sotacarbo.»

[bing_translator]

Fabio Desogus s’è dimesso da segretario dell’Unione cittadina del Partito democratico. Lo ha fatto inviando una nota al segretario regionale Emanuele Cani, al segretario di Federazione Daniele Reginali ed ai componenti dell’Unione cittadina.

«Il 15 gennaio, ho inviato all’Unione Cittadina una proposta politica, conseguente a riunioni e colloqui avvenuti in precedenza, come base di un percorso che ci avvicini alle elezioni Comunali di primavera 2021ha scritto Fabio Desogus -. Ho espressamente chiesto che l’Unione Cittadina approvasse o non approvasse questa proposta. Dalle risposte che ho ricevuto, si evince che una maggioranza relativa sostiene la proposta del segretario cittadino, una minoranza (tra cui i due segretari di circolo) ha risposto di essere contraria, mentre una larga maggioranza si è astenuta dal rispondere. In successivi colloqui telefonici, avuti col segretario regionale, ho appreso la sua contrarietà alla linea politica proposta.»

«I voti contrari del segretario regionale e dei due segretari di circolo, le astensioni dal voto di buona parte di importanti dirigenti locali, le risposte e le azioni subdole intentate goffamente contro di me in questi giorni da parte di diversi esponenti del Partito, altre iniziative dei mesi passati tese a delegittimarmi, tra cui annoto anche le varie fughe in avanti di esponenti locali che, senza titolo alcuno, hanno parlato a nome del partito, arrivando addirittura ad autocandidarsi a Sindaco per le prossime elezioni, e infine, aspetto più importante, la consapevolezza che la linea politica che il gruppo dirigente del Partito vuole portare avanti per le prossime elezioni comunali cittadine è totalmente differente dalla miaha concluso Fabio Desogus -, mi portano, con la presente, a rassegnare irrevocabilmente le mie dimissioni dalla carica di segretario dell’Unione cittadina di Carbonia.  Ringrazio tutti coloro che in questi anni non mi hanno fatto mancare il loro sostegno.»

[bing_translator]

Cinque consiglieri comunali del gruppo “Officina civica”, Alessandro Pilurzu, Matteo Demartis, Federico Marras, Nicola Concas e Federico Casti, hanno inoltrato una richiesta di vaccinazione urgente dei lavoratori del comparto di Igiene urbana adibiti al ritiro dei rifiuti dei pazienti Covid-19, al presidente della Giunta regionale Christian Solinas, all’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu, al commissario straordinario ATS Sardegna Massimo Temussi, ai capigruppo del Consiglio regionale, al presidente del Consiglio comunale di Iglesias Daniele Reginali, al sindaco di Iglesias Mauro Usai e all’Anci Sardegna.

La richiesta è finalizzata «a predisporre un piano di attuazione immediato su tutto il territorio regionale atto alla vaccinazione del personale del comparto di Igiene urbana e degli impianti di smaltimento, che si occupano del ritiro porta a porta e del trattamento dei rifiuti provenienti da pazienti positivi al Covid-19».

«Considerato che i lavoratori che dovranno essere sottoposti a vaccinazione prioritaria sono in media due o tre per comune serviranno circa 1.000 dosi di vaccino per coprire tutti gli operatori, un numero esiguo che però potrà dare tranquillità a tutto il personale che quotidianamente in maniera silenziosa ed efficace, espleta un servizio che lì mette a contatto con i materiali contaminatisostengono i cinque consiglieri comunali del comune di Iglesias proponenti -. Tale richiesta ha il fine unico di garantire la salvaguardia e l’incolumità di tutte quelle lavoratrici e di quei lavoratori, che nonostante le attenzioni delle aziende del settore che mettono loro a disposizione tutti i D.P.I. previsti, rischiano il contagio durante la loro giornata lavorativa con la possibilità di trasmettere il virus negli ambienti lavorativi e famigliari.»

 

[bing_translator]

L’Amministrazione comunale di Iglesias ha conferito la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, per l’impegno civile e per l’attività di conservazione della memoria, contro qualsiasi forma di odio e di intolleranza, portato avanti nelle sedi istituzionali ed alla sua testimonianza diretta della tragedia della Shoah, il cui racconto è diventato un’occasione di incontro con gli studenti delle scuole, per fare in modo che le nuove generazioni possano conoscere il significato di quanto accaduto nel passato e possano diventare protagoniste di un percorso di cambiamento fatto di cultura, senso civico ed accoglienza.

«Solo con la testimonianza di una memoria condivisa e con l’impegno dei giovani possiamo costruire una società migliorehanno messo in evidenza il sindaco Mauro Usai ed il presidente del Consiglio comunale Daniele Reginali -. Conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre ha rappresentato un importante momento di condivisione con tutta la città e con tutte le forze presenti in Consiglio comunale, ed è per noi un onore averla come parte ideale della nostra comunità.»

[bing_translator]

Il segretario provinciale del Partito democratico, Daniele Reginali, interviene sulla vertenza Sotacarbo.

«Di fronte alla mobilitazione dei lavoratori ed alla preoccupante situazione che vede, dopo mesi, la Sotacarbo ancora priva di un Presidente, è necessario ribadire con forza la richiesta di un intervento da parte della Giunta regionale, al fine di tutelare una realtà considerata tra le eccellenze italiane ed europee nel campo della ricercascrive in una nota Daniele Reginali -. Una questione ancora più rilevante in un momento in cui, dopo la crisi innescata dalla pandemia mondiale, a livello europeo si sceglie di investire, con i finanziamenti del Recovery Fund, in settori come quelli della ricerca scientifica, delle produzioni sostenibili e dell’economia circolare, tra i progetti di punta portati avanti dalla Sotacarbo.»