5 August, 2021
HomePosts Tagged "Paola Massidda"

Una delegazione dei soci della cooperativa edilizia di abitazione CMS ha manifestato questa mattina in piazza Roma, a Carbonia, per portare ancora una volta all’attenzione dell’Amministrazione comunale il problema dell’attivazione dell’impianto idrico, irrisolto ormai da diversi anni.

Le abitazioni, nel quartiere di Santa Caterina, alla conclusione dei lavori, risalente a diversi anni fa, in attesa della realizzazione del nuovo impianto idrico, vennero alimentate attraverso il contatore di cantiere, con una fornitura che prevede un costo superiore a quello previsto per le famiglie. In una fase successiva si è venuto a creare un contenzioso sulla corretta fatturazione dei consumi ed i soci della cooperativa per risolvere in via definitiva il problema, hanno sollecitato la conclusione delle verifiche da parte del Comune e la successiva presa in carico dell’impianto da parte di Abbanoa. Due anni fa i tecnici del comune di Carbonia e quelli di Abbanoa hanno effettuato un sopralluogo ma ad oggi i tecnici del Comune (nel frattempo l’ingegnere che stava seguendo la pratica si è trasferito alla provincia del Sud Sardegna) non hanno ancora steso la relazione richiesta da Abbanoa per la presa in carico dell’impianto.

Stamane, i manifestanti, hanno incontrato il responsabile dell’ufficio tecnico ed il sindaco, Paola Massidda, dai quali hanno ricevuto rassicurazioni su una soluzione del problema in tempi relativamente brevi.

Crescono i contagi da Covid-19 a Carbonia. Nell’ultimo aggiornamento pubblicato in serata, il sindaco Paola Massidda evidenzia che ad oggi la piattaforma regionale di rilevamento Covid-19 segnala un ulteriore incremento di casi nel nostro comune. Rispetto all’ultimo aggiornamento risalente al 15 luglio, infatti, abbiamo: 33 nuovi casi di positività su 42 totali (di cui 1 ospedalizzato) e 33 cittadini in quarantena.
«Devo, purtroppo, comunicare il decesso di due nostri concittadini. Ai famigliari le condoglianze mie e di tutta l’Amministrazione.
La divisione per età dei cittadini positivi evidenzia una concentrazione di contagi nelle fasce di popolazione più giovani:
– 12 – al di sotto dei 20 anni
– 10 – dai 20 ai 30 anni
– 7 – nella fascia dai 30 ai 40 anni
– 2 – nella fascia dai 40 ai 50 anni
– 7 – nella fascia dai 50 ai 60 anni
– 4 – over 60 anni
«Il repentino incremento della curva dei contagi è molto alto e non si discosta dalla media di incremento dei casi positivi in tutta la nostra Regione – ha concluso Paola Massidda -. Vi raccomando la cautela e l’uso della mascherina SEMPRE anche all’aperto quando siete vicino ad altre persone.»

Nuovo rinvio per l’approvazione del rendiconto della gestione per l’esercizio 2020 del comune di Carbonia. Anche in seconda convocazione la maggioranza che sostiene la Giunta guidata dal sindaco Paola Massidda, non avendo i numeri per l’assenza di uno dei dodici consiglieri (il tredicesimo voto che compone la maggioranza è quello del sindaco), ha dovuto rinviare ancora la votazione.

Il Consiglio è stato già riconvocato questa mattina dalla presidente Daniela Marras, in prima convocazione per venerdì 6 agosto, alle 18.30, ed in seconda convocazione per lunedì 9 agosto, sempre con inizio alle 18.30.

L’approvazione del rendiconto della gestione per l’esercizio 2020 figura al primo punto dell’ordine del giorno. Gli altri quattro punti riguardano l’assestamento generale di bilancio e salvaguardia degli equilibri per l’esercizio 2020; l’approvazione dello studio comunale di assetto idrogeologico; l’approvazione del regolamento per la manomissione ed il successivo ripristino del suolo pubblico e, infine, la modifica dell’articolo 42 dello Statuto comunale.

Il 28 luglio alle ore 20,00, presso lo spazio esterno della Biblioteca Comunale di Carbonia, Maria Grazia Pacini presenterà il suo libro “Le confidenze di un centro estetico”. Dialogherà con l’autrice il giornalista ed editore del libro, Giampaolo Cirronis.

Saranno presenti il sindaco Paola Massidda e l’assessore della Cultura Sabrina Sabiu.

La presentazione del libro è finalizzata a sostenere Camilla, affinché possa continuare a splendere il suo bellissimo sorriso ed il suo amore per la vita.

La partecipazione è libera fino ad esaurimento della disponibilità dei posti e nel rispetto delle norme anti Covid-19.

E’ stato temporaneamente riaperto al traffico in entrambi i sensi di marcia il ponte di Is Gannaus sulla SS 126 alle porte di Carbonia. Lo ha annunciato questa sera Anas.

Al fine di eliminare i disagi alla circolazione nel periodo estivo Anas, in accordo con gli enti competenti, ha disposto la rimozione del senso unico alternato, precedentemente istituito per consentire i lavori di manutenzione dell’opera.

Alla fine della stagione estiva saranno riavviati i lavori sull’impalcato, nonché gli interventi di impermeabilizzazione, rifacimento della pavimentazione e sostituzione giunti. Le modifiche alla viabilità, necessarie per lo svolgimento di questa fase, verranno opportunamente concordate e programmate con gli enti interessati, al fine di ridurre al minimo i disagi per l’utenza stradale.

La riapertura al traffico in entrambi i sensi di marcia è stata disposta con qualche giorno di anticipo rispetto a quanto concordato la settimana scorsa, nel corso di un incontro tra il sindaco Paola Massidda, l’ingegnere della provincia del Sud Sardegna Mario Mammarella e l’ingegnere dell’Anas Barbara Porcu.

 

 

Nei prossimi giorni verrà ripristinato il doppio senso di circolazione sulla strada statale 126, nei pressi di Is Gannaus, dove sono in corso lavori da mesi per il rifacimento di un ponte da parte di Anas.

“C’è voluto un po’ di tempo, tra cui due lettere d’intervento del Prefetto, ma alla fine abbiamo trovato la quadra per risolvere il problema del senso unico alternato sulla Strada Statale 126 all’altezza del ponte di Is Gannausspiega il sindaco di Carbonia, Paola Massidda –. A partire dai primi di agosto, mese in cui il traffico verso le località balneari è più intenso, la ditta esecutrice delle opere di manutenzione del ponte sposterà l’allestimento di cantiere a lato della pista ciclabile.”

“Ancora qualche giorno, necessari al Direttore dei lavori per spostare materiali e cantiere, e riavremo la possibilità di attraversare il ponte con il doppio senso di marcia, senza più i disagi sinora subiti per dei lavori che risultano però necessari ai fini della sicurezza di noi tutticonclude Paola Massidda -. Un grazie va all’ing. Mario Mammarella della Provincia del Sud Sardegna per la collaborazione e all’ing. Barbara Porcu dell’Anas per la disponibilità dimostrata.”

E’ stato inaugurato venerdì 16 luglio, a Villa Sulcis (Carbonia), alla presenza del sindaco, Paola Massidda e dell’assessore delle Politiche sociali, Loredana La Barbera, il progetto “Riscriviamo il futuro” organizzato dalla Uisp Sardegna. La presentazione, inizialmente prevista martedì 6 luglio, è stata posticipata per il lutto cittadino proclamato il giorno in cui si è svolta la cerimonia funebre della giovane Beatrice Arru nel tragico incidente stradale verificatosi domenica 4 luglio.

Il progetto si rivolge a minori della fascia 6-17 anni che vivono in territori ad alto rischio di marginalità ed isolamento, dove le opportunità educative, gli spazi e i servizi dedicati allo sport e all’attività motoria, scarseggiano.

Si tratta di un progetto sperimentale pensato da Save The Children per promuovere le attività nelle due regioni italiane caratterizzate dall’insularità (Sardegna e Sicilia). All’interno di queste regioni sono stati inoltre individuati ambiti territoriali diversi per morfologia, per livello di urbanizzazione, per contesto sociale e culturale. Specificatamente, in Sardegna, sono state individuate alcune aree territoriali di Cagliari, Sulcis Iglesiente, Sassari e Nuoro Ogliastra.

Le attività si svolgeranno prevalentemente all’aperto. Grazie all’intervento promosso da Save the Children, CSI Sicilia e Uisp Sardegna APS saranno coinvolti durante l’estate oltre 300 minori tra i 6 e i 17 anni attraverso attività sportive, motorie ed eventi di sensibilizzazione sui temi della sana alimentazione e dell’importanza del benessere psico-fisico.

In Sardegna UISP Sardegna APS si avvarrà della collaborazione dei Comitati Territoriali UISP di Cagliari, Sassari e Nuoro.

Allegate le interviste al presidente della Uisp di Cagliari Pietro Casu, al segretario Ignazio Massidda e al sindaco di Carbonia Paola Massidda.

 

 

 

Verrà inaugurato venerdì 16 luglio, alle 10.00, a Villa Sulcis (Carbonia), alla presenza del sindaco, Paola Massidda, dell’assessore dello Sport Valerio Piria e dell’assessore delle Politiche sociali, Loredana La Barbera, il progetto “Riscriviamo il futuro” organizzato dalla Uisp Sardegna. La presentazione, inizialmente prevista martedì 6 luglio, è stata posticipata per il lutto cittadino proclamato il giorno in cui si è svolta la cerimonia funebre della giovane Beatrice Arru nel tragico incidente stradale verificatosi domenica 4 luglio.

Il progetto si rivolge a minori della fascia 6-17 anni che vivono in territori ad alto rischio di marginalità ed isolamento, dove le opportunità educative, gli spazi e i servizi dedicati allo sport e all’attività motoria, scarseggiano.

Si tratta di un progetto sperimentale pensato da Save The Children per promuovere le attività nelle due regioni italiane caratterizzate dall’insularità (Sardegna e Sicilia). All’interno di queste regioni sono stati inoltre individuati ambiti territoriali diversi per morfologia, per livello di urbanizzazione, per contesto sociale e culturale. Specificatamente, in Sardegna, sono state individuate alcune aree territoriali di Cagliari, Sulcis Iglesiente, Sassari e Nuoro Ogliastra.

Le attività si svolgeranno prevalentemente all’aperto. Grazie all’intervento promosso da Save the Children, CSI Sicilia e Uisp Sardegna APS saranno coinvolti durante l’estate oltre 300 minori tra i 6 e i 17 anni attraverso attività sportive, motorie ed eventi di sensibilizzazione sui temi della sana alimentazione e dell’importanza del benessere psico-fisico.

In Sardegna UISP Sardegna APS si avvarrà della collaborazione dei Comitati Territoriali UISP di Cagliari, Sassari e Nuoro.

Le attività prevedono diverse azioni: Sport e ambiente, Sport e inclusione, Sport e cittadinanza attiva.

Uisp Sardegna APS (presidente Maria Pina Casula) e UISP Cagliari APS (presidente Pietro Casu) hanno individuato due zone strategiche per lo sviluppo delle attività del Polo 1, il Lungomare Poetto che accentra tutta l’area Metropolitana di Cagliari, e uno dei centri chiave del Sulcis Iglesiente, Carbonia.

Il comune di Carbonia, e gli assessorati dello Sport e delle Politiche sociali del Comune, ha concesso il patrocinio al progetto “Riscriviamo il futuro”, che a Carbonia verrà svolto tutta l’estate fino al 10 settembre 2021, al mattino di tutti i giorni settimanali, negli spazi all’aperto di Villa Sulcis.

L’emergenza da Covid-19 non è finita. L’incremento dei contagi registrato negli ultimi giorni ha interessato anche Carbonia.
«Devo, purtroppo, comunicarviha annunciato il sindaco Paola Massiddaun incremento dei casi di positività al Covid-19 nel nostro Comune. Dopo diverse settimane in cui i positivi segnalati nel nostro Comune erano solo due, da un paio di giorni la piattaforma regionale rileva 16 casi di positività totali (di cui 1 ospedalizzato) e 37 cittadini in quarantena.»
«Riscontriamo una diffusione del virus principalmente nella fascia dei giovani ha concluso Paola Massidda -. Vi invito a non abbassare la soglia di attenzione e a rispettare le norme previste a livello nazionale.»

Il sindaco di Carbonia Paola Massidda ha firmato l’ordinanza che proclama il lutto cittadino per Beatrice Arru, la 16enne morta ieri nel tragico incidente stradale verificatosi all’incrocio tra via Satta e via Gramsci.
«Ho firmato stamattina l’ordinanza che proclama il lutto cittadino per la giornata di domani, 6 luglio, accogliendo in questo modo il comune sentimento di dolore espresso dalla cittadinanza per la tragica morte della giovanissima Beatrice.
Il Lutto cittadino vuole essere il modo per esprimere vicinanza ai genitori di Beatrice e alle famiglie dei ragazzi coinvolti in questo assurdo incidente stradale avvenuto nel centro città alle prime luci dell’alba di domenica.
Come istituzioni, genitori e comunità educante abbiamo una forte responsabilità: offrire modelli alternativi e sani di socialità che consentano ai nostri figli di godere e gioire della loro età senza esporsi a rischi inutili.
L’impegno è di trovare la strada insieme alle associazioni, ai servizi sociali del Comune e a tutte le professionalità di riferimento, per creare occasioni di incontro e confronto col mondo giovanile per sostenerlo e accompagnarlo in questo momento difficile dove il lutto per i coetanei non dovrebbe trovare spazio.»
Paola Massidda
Sindaco di Carbonia