5 December, 2021
HomePosts Tagged "Rino Barca" (Page 3)

[bing_translator]

Alcoa a Cagliari 24 maggio 2016 6 Alcoa a Cagliari 24 maggio 2016 5 Alcoa a Cagliari 24 maggio 2016 3 Alcoa a Cagliari 24 maggio 2016 2 Alcoa a Cagliari 24 maggio 2016 1Alcoa a Cagliari 24 maggio 2016 4

E’ ripartita per l’ennesima volta, questa mattina, la mobilitazione dei lavoratori ex Alcoa, per tenere alta l’attenzione sulla vertenza infinita per la cessione dello stabilimento di Portovesme, chiuso ormai da alcuni anni.

Un centinaio di lavoratori all’alba sono partiti da Portovesme alla volta di Cagliari, dove hanno manifestato davanti al Palazzo del Consiglio regionale., per una nuova protesta sotto il palazzo del Consiglio regionale.

Due mesi fa i tre sindacalisti Rino Barca, Daniela Piras e Roberto Forresu posero fine all’occupazione di uno dei silos dello stabilimento, dopo l’impegno assunto pubblicamente dal presidente del Consiglio dei ministri per la soluzione della vertenza. Da lì a 15 giorni i lavoratori avrebbero dovuto ricevere conferme ma in quel lasso di tempo, come si ricorderà, maturarono le dimissioni del ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, poi sostituito nel Governo con il nuovo ministro Carlo Calenda, e i tempi si sono notevolmente allungati.

Tre settimane fa le organizzazioni sindacali hanno incontrato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, e il viceministro del Mise, Teresa Bellanova, che si sono impegnati a cercare al più presto una soluzione per la vertenza e a convocare un tavolo per la fine di maggio. Fine maggio è ormai arrivata da le risposte no! Una delegazione di lavoratori domani si recherà nuovamente a Roma per ricordare al Governo gli impegni presi.

 

[bing_translator]

Il 25 marzo scorso si concluse, dopo cinque giorni di dura protesta, l’occupazione del silos dello stabilimento ex Alcoa da parte dei tre segretari Roberto Forresu della FIOM-CGIL, Rino Barca della FSM-CSL e Daniela Piras della UILM-UIL. Alla base della decisione assunta dall’assemblea dei lavoratori davanti al presidio che si protrae ormai da quasi due anni, un atto di fiducia nei confronti del Premier Matteo Renzi che qualche ora prima aveva assunto personalmente impegni precisi, per favorire lo sblocco ed una rapida conclusione positiva della vertenza.

Il segretario generale della CGIL, Roberto Puddu, spiegò che si trattava di una sospensione dell’iniziativa di mobilitazione, appunto come segnale di fiducia verso il presidente del Consiglio ed il presidente della Giunta regionale, Francesco Pigliaru, ed auspicò che nei successivi 15 giorni venissero compiuti i passi necessari alla conclusione della trattativa con la Glencore, la multinazionale svizzera che ha mostrato interesse concreto all’acquisizione dello stabilimento.

Giorni, da quel 25 marzo, ne sono trascorsi ben più di 15, esattamente 39, e l’allungamento dei tempi è stato motivato principalmente con le dimissioni del ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, maturate pochi giorni dopo a seguito delle note vicende giudiziarie che hanno visto coinvolto l’ex compagno del ministro. Ora i lavoratori, con una delegazione sindacale e i segretari territoriali di Fsm, Fiom, Uilm e Cub, chiedono al presidente del Consiglio dei Ministri il rispetto degli impegni presi e per farlo hanno deciso di raggiungere ancora una volta la Capitale, dove arriveranno domani per incontrare il Governo.

Rino Barca, Roberto Forrsu e Daniela Piras Rino Barca copia Daniela Piras e Roberto Forresu

Silos occupato

[bing_translator]

Portal 1 copiaLavoratori ex Ila alla Torre Civica copia 

Questa mattina la commissione Lavoro, presieduta da Gavino Manca (Pd), ha incontrato in audizione i rappresentanti sindacali e una delegazione dei lavoratori ex Ila che, con l’occupazione delle aule consiliari dei municipi di Gonnesa e Carbonia, hanno rilanciato la vertenza che ormai da otto anni riguarda i 166 lavoratori della fabbrica dei laminati di alluminio a Portovesme.

Daniela Piras (Uil), Roberto Forresu (Cgil) e Rino Barca (Cisl), i tre segretari confderali dei metalmeccanici protagonisti alcune settimane fa della clamorosa occupazione di uno dei silos dello stabilimento ex Alcoa,  hanno ripercorso le tappe della complessa vicenda ex Ila ed hanno evidenziato la mancata attuazione ed il superamento dell’accordo sottoscritto nel luglio del 2012 con Regione e gli imprenditori interessati allo stabilimento, per il collocamento dei lavoratori in mobilità e il reintegro dei dipendenti entro 18 mesi dalla sigla dell’intesa.

«Quel progetto – ha detto Daniela Piras (Uil) – è sostanzialmente fallito e serve un’alternativa credibile e realizzabile per definire un piano di ricollocamento dei lavoratori ma ciò che è urgente è garantire i necessari interventi di sostegno per coloro che vivono il dramma della mancanza del lavoro e dell’assenza degli ammortizzatori sociali.»

Richieste ribadite sia dalla Cgil con Roberto Forresu  («la situazione ormai non regge più e nell’immediato serve affrontarla con gli ammortizzatori sociali») e Franco Bardi («lo stabilimento è stato smantellato e l’accordo del 2012 non è più applicabile, servono dunque interventi per il sostegno al reddito») che dalla Cisl con Rino Barca che ha posto l’accento anche sul rilancio, con l’intervento del Governo, della filiera dell’alluminio nel Sulcis («deve essere riconosciuta come una produzione strategica per l’Italia»).

Marco Cao e Enzo Ligas hanno testimoniato le difficoltà dei lavoratori e rammentato alla commissione l’ormai imminente scadenza (giugno 2016) dei benefici degli ammortizzatori sociali per gli ultimi 40 dipendenti ex Ila che ne usufruiscono.

Nel breve confronto sviluppatosi in commissione, Pietro Cocco (Pd), Ignazio Locci (Fi), Gianluigi Rubiu (Udc), e Alessandro Collu (Pd), seppur con differenti sfumature politiche, hanno manifestato, nel corso dei rispettivi interventi,  pieno sostegno a sindacati e lavoratori per la vertenza  ex Ila (e più in generale per tutte quelle in atto nel Sulcis) ed hanno dichiarato massima disponibilità per un nuovo incontro “operativo” in commissione Lavoro.

Il presidente della commissione, Gavino Manca, a conclusione dei lavori, ha assicurato la calendarizzazione del nuovo incontro “entro le prossime due settimane” e, pur ribadendo la complessità della vertenza ex Ila, ha schematicamente illustrato i possibili interventi per fronteggiare l’emergenza segnalata dalle rappresentanze sindacali e dai lavoratori: flexicurity, incremento del fondo “prestito previdenziale”, cantieri di inclusione sociale, corsi di riqualificazione professionale.

«Serve uno sforzo comune – ha concluso Gavino Manca – per dare almeno un altro anno di sostegni ai lavoratori ex Ila, in attesa di un serio progetto di ricollocazione che possa realizzarsi anche con l’intervento del Governo».

 

[bing_translator]

Il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, ha espresso soddisfazione per la decisione assunta dai lavoratori dello stabilimento ex Alcoa di Portovesme di porre fine alla clamorosa forma di protesta con l’occupazione di un silo a 60 metri d’altezza da parte di Roberto Forresu, Rino Barca e Daniela Piras,

«Questa decisione – ha detto il governatore della Sardegna – testimonia fiducia nel lavoro che le istituzioni stanno portando avanti.»

«Sappiamo tutti che questa è una fase delicata e cruciale, e da parte delle istituzioni c’è la garanzia del massimo impegno e della massima determinazione ad agire perché le prospettive di ripresa del sito Alcoa rimangano aperte. Collaborare in un clima di reciproca fiducia – ha concluso Pigliaru – è essenziale per raggiungere l’obiettivo.»

«E’ sicuramente un fatto positivo la comunicazione arrivata ieri con cui si dà conto del fatto che sarà il presidente del Consiglio ad occuparsi della vertenza Alcoa di Portovesme – ha commentato Daniele Reginali, segretario del PD del Sulcis Iglesiente -. Apprendiamo positivamente la discesa dei tre sindacalisti dal silo di Portovesme dopo cinque giorni al freddo e vento. La nostra vicinanza e sostegno ai lavoratori e ai sindacalisti in lotta non si ferma qui. Come già rimarcato in passato continueremo a seguire costantemente tutta la vertenza sostenendo tutte le azioni che si riterranno necessarie per far sì che la vertenza possa arriva a conclusione e che lo smelter di alluminio primario – ha concluso Daniele Reginali – possa essere riavviato al più presto.»

Forresu-Barca-Piras copia

[bing_translator]

Si è conclusa poco prima di mezzogiorno, dopo gli impegni assunti in prima persona ieri sera dal presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi, la protesta dei tre sindacalisti che da cinque giorni occupavano il silos dello stabilimento Alcoa, Roberto Forresu della FIOM-CGIL, Rino Barca della FSM-CSL e Daniela Piras della UILM-UIL. La decisione è maturata nel corso dell’assemblea generale svoltasi davanti ai cancelli e al presidio dello stabilimento, comunicata ai tre manifestanti telefonicamente. Di lì a pochi minuti, Roberto Forresu, Rino Barca e Daniela Piras sono scesi dal silos e a bordo un’utilitaria, hanno raggiunto i colleghi. Sono apparsi visibilmente provati dalla lunga permanenza sul silos ed hanno ringraziato tutti coloro che hanno dimostrato loro solidarietà.

Il segretario generale della CGIL, Roberto Puddu, ha spiegato che si tratta di una sospensione dell’iniziativa di mobilitazione, come segnale di fiducia verso il presidente del Consiglio che ha assunto precisi impegni per la soluzione della vertenza, e al presidente della Giunta regionale, Francesco Pigliaru, auspicando che nei prossimi 15 giorni vengano fatti quei passi necessari alla conclusione della trattativa con la Glencore, la multinazionale svizzera che ha mostrato interesse concreto all’acquisizione dello stabilimento. Sono poi intervenuti Roberto Forresu, Daniela Piras e Rino Barca e, infine, Angelo Diciotti, segretario provinciale della Confederazione Unitaria di Base.

Rino Barca, Roberto Forrsu e Daniela Piras Rino Barca copia Daniela Piras e Roberto Forresu

Silos occupato

 

 

[bing_translator]

Qualcosa si muove nella difficile vertenza Alcoa e domattina, alle 11.00, i lavoratori si ritroveranno nell’assemblea generale convocata ai cancelli dello stabilimento di Portovesme.

Il presidente del Consiglio dei ministri ha incontrato a Palazzo Chigi il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, presente anche il sottosegretario della presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, per un esame della vertenza Alcoa. Matteo Renzi, in constante contatto telefonico con il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, ha condiviso l’impegno già espresso dal Governo ad operare affinché rimangano aperte le prospettive di ripresa del sito e le misure predisposte – nel rispetto delle normative italiana ed europea – per il contenimento del costo dell’energia ed andare così incontro alle esigenze poste dalla Glencore, la multinazionale svizzera dichiaratasi disponibile a rilevare lo stabilimento e rilanciare la produzione di alluminio a Portovesme.

«Da Roma arriva la conferma degli impegni degli ultimi giorni su Vertenza ex Alcoa da parte del presidente del Consiglio Matteo Renzi con il presidente della Regione Francesco Pigliaru – ha commentato Roberto Puddu, segretario generale della Camera del Lavoro CGIL del Sulcis Iglesiente -. Si tratta di una notizia importante che fa il paio con la conferma della Glencore del suo interesse e della volontà di trattare per l’acquisizione dello Smelter di Portoscuso. Non è la soluzione – ha concluso Roberto Puddu – ma le parti possono discuterne e la lotta continuerà fino alla ripresa produttiva dello stabilimento, del lavoro e della dignità!»

Queste novità, mentre prosegue la protesta dei tre segretari confederali dei metalmeccanici Roberto Forresu (FIOM-CGIL), Rino Barca (FSM-CISL) e Daniele Piras (UILM-UIL), hanno portato le organizzazioni sindacali a convocare l’assemblea generale di tutti i lavoratori per domani mattina, alle 11.00, davanti ai cancelli dello stabilimento di Portovesme.

Alcoa 22 marzo 2016 1 Alcoa 22 marzo 2016 2 Alcoa 22 marzo 2016 2

 

[bing_translator]

Il segretario regionale dell’UDC Giorgio Oppi ha scritto una lettera al segretario nazionale del partito Lorenzo Cesa, sulle vicende legate alla vertenza Alcoa di Portovesme.

«Caro Lorenzo – scrive Giorgio Oppi – come sai il Sulcis, territorio dal quale proveniamo sia io che il nostro capogruppo in Consiglio regionale, on.le Gianluigi Rubiu, versa in una stato economico, sociale ed occupazionale a dir poco drammatico. In questi giorni il Governo nazionale ha aperto un tavolo di trattativa con la Regione Sardegna e la GLENCORE, società svizzera che dovrebbe acquisire l’ALCOA di Portovesme e garantire la ripresa dei lavori dello stabilimento di produzione di alluminio e i relativi livelli occupazionali.

I segretari confederali dei metalmeccanici, Roberto Forresu della FIOM-CGIL, Rino Barca della FSM-CISL e Daniela Piras della UILM-UIL, esasperati come i lavoratori dai mesi di attesa, ormai da diversi giorni sono saliti in uno dei silos  dello stabilimento ad oltre 60 metri di altezza e non hanno intenzione di scendere se non dopo che da Roma arriveranno notizie positive sulla trattativa. Più volte il nostro rappresentante in Consiglio regionale, Rubiu, è stato nello stabilimento per portare anche il conforto della presenza delle istituzioni regionali.»

«Come ho fatto più volte in occasione dei nostri incontri nazionali – conclude Giorgio Oppi -, mi trovo ancora una volta a rivolgerti un accorato appello, affinché tu possa intercedere in qualità di segretario nazionale dell’UDC e deputato europeo, con il governo Renzi di cui il nostro partito fa parte e ne sostiene la maggioranza. Certo del tuo pronto interessamento – conclude Giorgio Oppi -, ti saluto con affetto.»

Giorgio Oppi 91 copia

[bing_translator]

E’ ripreso nel pomeriggio, in Consiglio regionale, l’esame della manovra finanziaria 2016-2018. In discussione l’articolo 3 “Disposizioni nel settore ambientale e del territorio”. I lavori sono ripresi più tardi rispetto all’orario previsto, per consentire ai consiglieri di visitare lo stabilimento Alcoa di Portovesme, dove è in corso la clamorosa manifestazione di protesta dei tre segretari confederali dei metalmeccanici, Roberto Forresu della CGIL, Rino Barca della Cisl e Daniela Piras della Uil, che da tre giorni occupano uno dei silos dello stabilimento.

Palazzo del Consiglio regionale 2 copia

[bing_translator]

Visita 5 consiglieri regionale in Alcoa 3 Visita 5 consiglieri regionale in Alcoa 2 Visita 5 consiglieri regionale in Alcoa 1

Sono stati cinque i consiglieri regionali che questo pomeriggio hanno visitato il presidio dei lavoratori attivo da quasi due anni all’ingresso dello stabilimento Alcoa di Portovesme per manifestare solidarietà ai tre sindacalisti di Fiom, Fim e Uilm che da tre giorni protestano su un silos a 60 metri d’altezza: Pietro Cocco del Partito Democratico, Luca Pizzuto di Sinistra Ecologia Libertà, Edoardo Tocco di Forza Italia, Gianluigi Rubiu dell’UDC e Angelo Carta del Partito Sardo d’Azione.

Sono stati messi in collegamento telefonico, in viva voce, con Roberto Forresu, Rino Barca e Daniela Piras. Prima e sono stati quindi informati sulle loro condizioni di salute, assumendo l’impegno di portare le istanze dei lavoratori a livello nazionale, al fine di aumentare il livello della pressione sul Governo, chiamato a dare una risposta sulle trattative con Glencore, la multinazionale svizzera che ha manifestato interesse all’acquisizione dello smelter a condizione di poter disporre di tariffe elettriche vantaggiose, in linea con i concorrenti europei.

 

[bing_translator]

Si è concluso, a Roma, l’incontro tra il Governo nazionale e la Regione Sardegna sull’emergenza Alcoa. Contrariamente a quanto era stato annunciato alla vigilia, al tavolo non ha partecipato il ministero dello Sviluppo economico. Sull’esito dell’incontro non ci sono ancora notizie ufficiali ma da indiscrezioni raccolte in serata, sarebbero emersi sviluppi moderatamente positivi per una ripresa concreta della trattativa, dopo la brusca frenata degli ultimi giorni e i timori che potesse fallire la trattativa in corso per l’acquisizione dello stabilimento da parte della multinazionale svizzera Glencore. Per avere conferme e magari ulteriori segnali positivi, occorrerà attendere qualche ora, probabilmente domani mattina.

A Portovesme, intanto, prosegue l’occupazione di uno dei silos dello stabilimento ex Alcoa da parte dei segretari confederali dei metalmeccanici Roberto Forresu della FIOM-CGIL, Rino Barca della FSM-CISL e Daniela Piras della UILM-UIL, che si apprestano a trascorrere la seconda notte a 60 metri di altezza, in condizioni climatiche decisamente meno miti rispetto a ieri. Oggi è piovuto per diverse ore e la situazione si è fatta decisamente difficile. Solo domattina, dopo aver avuto notizie certe sull’esito dell’incontro svoltosi oggi a Roma, verrà fatto l’esame della situazione e verrà deciso come andare avanti, anche se è assai probabile che la clamorosa manifestazione di protesta di Roberto Forresu, Rino Barca e Daniela Piras vada avanti.

Domani pomeriggio i lavoratori dell’Alcoa riceveranno la visita di alcuni consiglieri regionali. Su proposta del capogruppo dell’Udc Gianluigi Rubiu, infatti, è stata posticipata di un’ora la seduta pomeridiana del Consiglio regionale in programma domani, in modo da consentire ai consiglieri che lo ritenessero opportuno di andare a Portovesme a portare la loro solidarietà ai lavoratori dell’Alcoa». I lavori del Consiglio regionale domani pomeriggio inizieranno alle 16.30.

Alcoa 22 marzo 2016 BSilos occupato Alcoa 22 marzo 2016 A Alcoa 22 marzo 2016 D Alcoa 22 marzo 2016 C