1 October, 2022
HomePosts Tagged "Sergio Porseo"

[bing_translator]

Si è conclusa ieri la quinta edizione della Sagra del Pilau Calasettano, la grande festa di primavera consacrata al piatto protagonista del panorama gastronomico tabarchino: la fregola con granseola e salsa di pomodoro fresco.

Al Pilau è stata consacrata l’intera area di Piazza Belly, con quattro maxi zone “tematiche”: la centrale Piazza Belly denominata “Area Pilau”, la zona “Expo” in via Umberto per espositori e hobbisti, la zona “Food&Wine” in via Roma con tanto street-food ed il Wine Festival e, infine la zona “Sport” in via Principato di Monaco.

Sabato e domenica è stato dato spazio alle escursioni, passeggiate in paese (gratuite) con partenze personalizzate ed al trekking sulla costa (anche questo gratuito).

E ancora il trenino turistico ha portato i viaggiatori a spasso per il paese bianco e blu lungo un tour della durata di 45 minuti.

Il clou della Sagra, come sempre, sono stati gli show con ospiti speciali: sabato sera, alle 21.00, sul palco di piazza Belly si sono esibite due star di Radio 105 – de “Lo zoo di 105” – i dj Squalo e Marco Dona, e Gianluca Scintilla Fubelli direttamente da “Colorado” di Italia 1.

Tessa Gelisio, infine, ha condotto per il quarto anno consecutivo il cooking-show “Il Pilau a modo mio” che non ha avuto alcuna valenza competitiva, con prove dimostrative di 7 chef divisi in due gruppi (uno impegnato nel round delle 11.00, l’altro nella fase serale delle 18.00).

Alleghiamo un album fotografico e le interviste a Sergio Porseo e Kikko Mercenaro, ideatori dell’evento.

     

[bing_translator]

Prenderà il via domani, venerdì 10 maggio, la Sagra del Pilau Calasettano, la grande festa di primavera consacrata al piatto protagonista del panorama gastronomico tabarchino: la fregola con granseola e salsa di pomodoro fresco.

La kermesse, articolata in tre giornate – da venerdì 10 a domenica 12 maggio – taglierà il nastro della quinta edizione portando in scena un cartellone di eventi fittissimo, capace di spaziare dall’enogastronomia alla cultura, dallo sport allo spettacolo, ritagliando uno spazio ampio anche alle iniziative di turismo attivo ed intrattenimento per i piccoli.

Domani 10 maggio, alle 18.00, in aula consiliare, apertura ufficiale degli appuntamenti con il convegno sul Pilau che, tra gli altri, vedrà la partecipazione della biologa nutrizionista Francesca Toni, chiamata ad illustrare le proprietà del piatto tipico tabarchino. E, a seguire, in piazza Belly, le associazioni locali (Ancilla Domini e Calasetta Basket) saranno ai fornelli per cucinare e servire la pietanza di mare a tutti i visitatori. Non mancherà, infine, lo show – sempre in piazza – della band Poohniverse, con un tributo ai Pooh.

A partire da sabato 11, e per tutta la giornata di domenica 12, si entrerà nel vivo della manifestazione con una variegata serie di proposte al pubblico: «L’intento è sempre stato quello di intrattenere in maniera trasversale i visitatori – commenta il consigliere comunale di Turismo, Comunicazione e Pro loco Sergio Porseo – pur mantenendo la centralità del Pilau, perno indiscusso della kermesse».

Al Pilau, non a caso, è stata consacrata l’intera area di Piazza Belly: in un innovativo progetto di mappatura di Calasetta in occasione dell’evento sono state infatti individuate quattro maxi zone “tematiche”.

«Oltre alla centrale Piazza Belly denominata “Area Pilau” – spiega Cristiano Mercenaro, assessore allo Sport e ai Servizi Tecnologici – avremo la zona “Expo” in via Umberto per espositori e hobbisti, la zona “Food&Wine” in via Roma con tanto street-food e il Wine Festival, infine la zona “Sport” in via Principato di Monaco».

Alla scoperta di Calasetta, quindi, ma senza disdegnare le escursioni. Per gli appassionati del genere, sabato e domenica verranno organizzate delle passeggiate in paese (gratuite) con partenze personalizzate. Per i più sportivi, il trekking sulla costa (anche questo gratuito) con partenze alle 10.00 ed alle 16.00.

E, dopo un anno di pausa, torna alla Sagra il trenino turistico che porterà i viaggiatori a spasso per il paese bianco e blu lungo un tour della durata di 45 minuti. Basterà scegliere l’orario più gradito per salire a bordo (sabato, alle 13.30, 14.20; 15.10; 16.00 e 17.00 – domenica, ogni ora dalle 11.00 alle 18.00).

Per le prenotazioni e i ticket trenino, basterà rivolgersi all’Info Point della Pro loco di Piazza Belly, servizio costantemente attivo durante le giornate di festa anche per fornire ogni altro tipo di info e aiuto ai visitatori.

Grandissimo spazio, poi, agli show con ospiti speciali: sabato sera, alle 21.00, sul palco di piazza Belly sarà il momento dello spettacolo di due star di Radio 105 – de “Lo zoo di 105” – i dj Squalo e Marco Dona, e di Gianluca Scintilla Fubelli direttamente da “Colorado” di Italia 1.

Un altro volto noto della televisione, Tessa Gelisio, farà ritorno alla Sagra del Pilau per la quarta volta consecutiva per condurre il cooking-show “Il Pilau a modo mio”: quest’anno lo spettacolo non avrà alcuna valenza competitiva e consisterà nelle prove dimostrative di 7 chef divisi in due gruppi (uno impegnato nel round delle 11.00, l’altro nella fase serale delle 18.00).

[bing_translator]

La macchina organizzativa della Sagra del Pilau marcia a pieno regime: in vista della quinta edizione, che farà ritorno a Calasetta dal 10 al 12 maggio prossimi, si lavora senza sosta per assicurare la buona riuscita di una kermesse del gusto, concepita tuttavia anche come una manifestazione di intrattenimento e di valorizzazione delle attività commerciali e creative del territorio.

Proprio in quest’ottica, l’edizione imminente può vantare il ritorno di due iniziative che avevano riscosso un ottimo successo di pubblico negli appuntamenti passati: l’Area Expo ed il trenino turistico.

L’Area Expo, sperimentata per la prima volta lo scorso anno, sarà allestita nel cuore del centro tabarchino: «Abbiamo puntato nuovamente su via Umberto, strada pedonale e di antica costruzione – commenta Sergio Porseo, delegato comunale del Turismo, Pro loco e Comunicazione del comune di Calasetta – dalle 10.00 alle 20.00 di sabato e di domenica, la via ospiterà una cinquantina di gazebo di espositori, artigiani e hobbisti».

Per facilitare la collocazione degli stand e consentire agli organizzatori una disposizione razionale e ordinata delle strutture, sarà necessario contattare l’organizzazione al numero 347 4367140 per info e prenotazioni.

«Le richieste pervenute sono già numerose – segnala Sergio Porseo – speriamo di poter garantire uno spazio per tutti coloro che desiderano prendere parte all’iniziativa: crediamo fortemente che la consacrazione di un intero spazio, peraltro di pregio visto l’aspetto caratteristico di via Umberto, sia un’ottima occasione per espositori e hobbisti, nonché una bella esperienza per i visitatori.»

Grande ritorno, poi, del trenino turistico: proposto nell’edizione di due anni fa, attraverserà le vie di Calasetta durante i giorni della Sagra, garantendo un tour ideale per ammirare gli scorci del paese. «Si partirà da piazza Principato di Monaco per arrivare alla Cantina Sociale all’entrata del paese – annuncia Kicco Mercenaro, assessore comunale dello Sport e dei Servizi Tecnologici – alla luce del grande apprezzamento di pubblico ottenuto nell’edizione 2017, siamo certi che il trenino spopolerà».

Impegno, programmazione e varietà di iniziative: «La Sagra del Pilau è cresciuta di anno in anno – conclude Kicco Mercenaro – offrire sempre di più è per noi una sfida e al tempo stesso un dovere verso chi ha premiato un evento concepito per riconoscere dignità alla nostra tradizione culinaria e culturale».

[bing_translator]

 

Non più una kermesse del gusto articolata in due giornate, bensì in un “weekend lungo” compreso tra venerdì 10 e domenica 12 maggio. La “Sagra del Pilau” cresce e aggiunge al suo cartellone di appuntamenti la data di venerdì, anticipando di un giorno l’inizio ufficiale dei festeggiamenti del piatto tipico della gastronomia locale.

«Grazie a un contributo economico concesso dalla Fondazione di Sardegna abbiamo deciso di arricchire la programmazione del nostro evento di punta – spiega Chicco Mercenaro, assessore dello Sport e dei Servizi Tecnologici del comune di Calasetta – includendo una giornata introduttiva al ciclo di iniziative».

Il 10 maggio, pertanto, segnerà il debutto della quinta edizione della Sagra con una serie di appuntamenti sotto il segno di gusto, cultura e intrattenimento.

Alle 18.00, nell’aula consiliare del Comune, si terrà un convegno incentrato sulle implicazioni storico-culturali della pietanza calasettana a base di fregola e frutti di mare (granseola in primis), senza trascurare le caratteristiche nutrizionali del piatto. L’incontro tematico, moderato dal giornalista Giampaolo Cirronis, vedrà l’intervento di Remigio Scopelliti (vicesindaco e assessore della Cultura), Sergio Porseo (delegato del Turismo, Comunicazione e Pro Loco), di Chicco Mercenaro, della biologa nutrizionista, di un agronomo e di un enologo (i cui nomi sono ancora in fase di definizione).

Il Pilau, dopo il dibattito teorico, continuerà a essere protagonista della serata: «Grazie alla collaborazione delle associazioni del paese, la fregola sarà servita e venduta in Piazza Belly, oltre a essere disponibile nei ristoranti che la inseriranno nel menù», precisa l’assessore Chicco Mercenaro.

Infine, intorno alle 21.00, spazio alla musica: sempre in piazza Belly si esibirà una band con un repertorio di musica dal vivo.

Dopo la serata di debutto, si entrerà nel vivo della manifestazione con gli eventi di sabato 11 e domenica 12 maggio: gare ai fornelli, degustazioni nel cuore del centro storico, ospiti speciali (come già annunciato, sabato sera la scena sarà delle stelle dello show “Colorado” e della trasmissione radio “Lo zoo di 105”), giurie di qualità e tour nel borgo isolano.


Il gusto, racchiuso nel piatto cardine della gastronomia calasettana. E il divertimento, con la comicità e l’ironia mordace di volti noti di televisione e radio nazionali.

La quinta edizione della “Sagra del Pilau”, che farà ritorno nel paese tabarchino sabato 11 e domenica 12 maggio, punta il carico su questo binomio: nella grande serata d’apertura della kermesse di sapori di mare, gli ospiti saranno infatti Gianluca “Scintilla” Fubelli, stella di “Colorado”, show televisivo di Italia 1, e il duo Dj Squalo e Marco Dona, voci di punta della trasmissione radiofonica “Lo zoo di 105”.

«La “Sagra del Pilau” non rinuncia alla sua formula base – commenta Sergio Porseo, incaricato comunale a Turismo, Comunicazione e Pro loco – ovvero quella di manifestazione enogastronomica consacrata alla pietanza tipica, preservando tuttavia la sua natura di festa del divertimento».

Da qui, la scelta di proporre in cartellone uno show sotto il segno dell’intrattenimento ridanciano: «Siamo certi che il pubblico del sabato sera avrà piacere di vedere sul palcoscenico alcuni delle personalità più note della comicità italiana», aggiunge Sergio Porseo.

La scelta dell’organizzazione è quindi ricaduta su Gianluca “Scintilla” Fubelli, noto al grande pubblico come attore di pellicole comiche e soprattutto come conduttore, dal 2017, della trasmissione “Colorado” al fianco di Federica Nargi e Paolo Ruffini. Accanto a lui, il duo radiofonico Dj Squalo e Marco Dona: il primo, conduttore de “Lo zoo di 105”; il secondo, speaker della stessa emittente.

La serata di sabato, ormai per tradizione, rappresenta il momento di punta dell’intrattenimento della kermesse: «Abbiamo voluto potenziare il cartellone degli eventi con ospiti conosciuti a livello nazionale – conclude il consigliere – anche per lanciare un segno concreto sull’entità dell’evento tutto calasettano: la “Sagra del Pilau” cresce di anno in anno e molti altri dettagli sul programma saranno resi noti prossimamente».

L’evento, che possiede il suo marchio registrato, nei mesi scorsi si era aggiudicato un fondo regionale di 11mila 700 euro, in qualità di “manifestazione pubblica di grande interesse turistico”. Trend confermato anche dal Sired (sistema informativo dei dati fornito dalla Regione alle province e alle strutture ricettive) in relazione al 2018: in quell’anno il comune di Calasetta ha, infatti, registrato un’impennata del flusso di visitatori proprio nel mese di maggio con un +33,74% di arrivi rispetto al 2017.

[bing_translator]

Ci saranno le fiabe per i bambini e Babbo Natale con un’enorme sacca per distribuire i regali in piazza. E le note di musicisti pronti a far ballare tutti al Museo Macc, senza dimenticare l’evento classico della super lotteria di Natale.

Il comune di Calasetta è pronto per il ciclo di appuntamenti delle feste targati 2018, con un cartellone che, come introduce il delegato consiliare a Turismo e Pro loco Sergio Porseo, «intende conquistare i bimbi e intrattenere i più grandi con un mix di musica e divertimento».

Contando sulla collaborazione del Museo di Arte Contemporanea (Macc) e della Pro Loco di Calasetta, l’amministrazione guidata da Antonio Vigo aprirà i festeggiamenti sabato 8 dicembre (alle 17.00, in Piazza Belly) con “Il lupo che non amava il Natale”, lettura animata unita alle note del pianoforte, a cura dell’associazione Librart.

Domenica 16 dicembre, alle 19.00, andrà in scena al Macc il connubio di musica e voci: la banda musicale della cittadina “Puccini” si esibirà con il coro polifonico “Chorodìa” per il suggestivo “Concerto di Natale”.

Il 23 dicembre si entrerà ancora più nel vivo delle atmosfere di festa fin dal primo pomeriggio: appuntamento dalle 15.00, in piazza Belly, con “Il villaggio di Babbo Natale«dove, nella sua casetta con gli elfi, Santa Claus riceverà le lettere dei piccoli senza scordare una dono-sorpresa per ogni partecipante», anticipa Sergio Porseo.

Dopo la lotteria di Natale delle 16.30 (sempre in piazza Belly, a cura della Calasetta Calcio), spazio a uno degli eventi clou del cartellone, fissato per le 19.00 al Museo Macc: «Visto il successo degli anni passati, abbiamo riproposto la formula della musica raffinata entro i confini di uno spazio museale denso di carica artistica», spiega ancora Sergio Porseo. Riflettori puntati, quindi, sulla performance di “Mauro Mulas Quartet featuring Adele Grandulli” con artisti di levatura provenienti dalle file della nota “Paolo Nonnis Band”.

Chiusura ideale, il 6 gennaio, con un appuntamento ancora intriso di toni fiabeschi a cura di Librart: alle 17.00, in piazza Belly, sarà il momento del “Canto di Natale”, una nuova lettura animata e tratta dall’omonimo capolavoro di Charles Dickens.

[bing_translator] 

 

La quinta edizione della “Sagra del Pilau” si terrà sabato 11 e domenica 12 maggio 2019. L’amministrazione comunale di Calasetta guidata da Antonio Vigo è già al lavoro per mettere a punto il programma della grande festa di primavera.

«È nostra precisa volontà allestire un evento che fonda la formula forte della manifestazione enogastronomica con alcune novità capaci di impreziosire una rassegna apprezzata da cittadini e visitatori», annuncia Sergio Porseo, consigliere delegato del Turismo e della Pro loco.

Gli spunti innovativi (dagli ospiti ai convegni a tema, senza dimenticare l’intrattenimento) non mancheranno: «Questo evento, nato appena quattro anni fa, sta crescendo: i numeri lo testimoniano», aggiunge Porseo. Il 2018 ha registrato, in relazione al comune di Calasetta, un’impennata del flusso di visitatori nel mese di maggio (fonte Sired: +33,74% di arrivi rispetto al 2017) e la Regione ha premiato la “Sagra del Pilau” con un fondo di 11.700 euro, in qualità di “manifestazione pubblica di grande interesse turistico”.

Sulla stessa linea, Cristiano Mercenaro, assessore dello Sport e dei Servizi tecnologici: «La rilevanza gradualmente conquistata dall’evento ci ha consentito di presenziare a iniziative del gusto e della cultura in Italia e all’estero: dopo Milano Expo e Madrid, di recente siamo stati alla Giornata Storica Pegliese in Liguria, dove il pilau ha rappresentato il nostro paese in un contesto internazionale».

Il piatto di fregola insaporito con la granseola, infatti, come sottolinea ancora Cristiano Mercenaro, «è una pietanza simbolo: riassume in sé una nostra risorsa produttiva, ovvero la pesca, e rievoca il mare come coordinata storica ancora all’epopea dei tabarchini».

In attesa delle novità della prossima edizione, gli amministratori confermano la volontà di fortificare il sodalizio con le realtà associative locali: «Per la buona riuscita della prossima edizione, contiamo sulla inestimabile collaborazione di associazioni, società sportive, commercianti e naturalmente cittadini», conclude Cristiano Mercenaro.

Una vetrina internazionale per mettere in bella mostra le eccellenze enogastronomiche locali, ma anche un’occasione per fare il punto sul progetto di riconoscimento dell’epopea tabarchina come patrimonio immateriale dell’umanità presso l’Unesco. Per il comune di Calasetta, presente con una delegazione alla “XXVIII Giornata Storica Pegliese” tra il 19 e il 21 ottobre scorsi, la trasferta ligure d’autunno ha avuto una duplice valenza. «Anzitutto il nostro Comune ha avuto l’opportunità di partecipare attivamente a un evento incentrato sulla cultura tabarchina – commenta l’assessore dello Sport e dei Servizi tecnologici Cristiano Mercenaro – portando in dote il piatto tipico della nostra tavola: il pilau». La Giornata Storica Pegliese, quest’anno, ha imperniato il suo focus sulla cucina tabarchina, chiamando a raccolta delegazioni (composte non solo da autorità politiche, ma anche da esperti e chef) dalle aree culturali e geografiche su cui ancora è incisa l’impronta della “tabarchinitudine”: Spagna, Francia, Tunisia e Italia. «Questo ci ha consentito di

consolidare i rapporti con le realtà connesse alla storia dell’epopea
tabarchina contribuendo, attraverso la pluralità di gusti e sapori portati in
tavola, di rafforzare il nostro sentimento di appartenenza a una compagine culturale multisfaccettata ma unitaria», aggiunge Cristiano Mercenaro. E proprio in nome di questo radicamento alla grande storia dei tabarchini, l’iniziativa di Pegli ha permesso un confronto concreto e produttivo in relazione a un’istanza molto cara alle amministrazioni ospiti in Liguria: lo stato di avanzamento della richiesta all’Unesco, profilata dal 2010, di riconoscere l’epopea di Tabarca come patrimonio immateriale e intangibile dell’umanità. «In rappresentanza del comune di Calasetta – precisa Cristiano Mercenaro – ho preso parte ad una tavola rotonda durante la quale la studiosa Monique Longerstay, referente all’Unesco, ci ha informato circa la necessità di completare la nostra richiesta di riconoscimento con alcune integrazioni documentarie». La “XXVIII Giornata Storica Pegliese” è stata organizzata dal circolo culturale “Norberto Sopranzi” e la delegazione calasettana, oltre all’assessore Cristiano Mercenaro, ha incluso il delegato del Turismo Sergio Porseo e lo chef Tony Porseo.

[bing_translator]

Venerdì 19 ottobre il pilau, il piatto principe del panorama culinario calasettano approderà a Pegli, in Liguria, in vista della “XXVIII Giornata Storica Pegliese” in programma fino a domenica 21 ottobre.

Per l’occasione, una delegazione tutta isolana (composta dall’assessore dello Sport del comune di Calasetta Cristiano Mercenaro, dal consigliere delegato del Turismo Sergio Porseo e dallo chef Tony Porseo), presenzierà all’evento che, quest’anno, si incardina sul convegno internazionale “La gastronomia tabarchina raccontata e degustata”.

Nel parterre internazionale di ospiti non mancheranno chef e studiosi provenienti dai “luoghi-tassello” del grande mosaico tabarchino: Tunisia, Spagna, Francia, Genova, Carloforte e Calasetta.

«Dopo la tappa a Milano Expo e a Madrid, proporremo il Pilau accompagnato da una degustazione di vini della Cantina di Calasetta – spiega il Sergio Porseo – prosegue senza sosta la promozione di questo piatto di punta, unito alla divulgazione della nostra cultura attraverso i sapori.»

Per l’assessore Cristiano Mercenaro, la partecipazione all’evento consente anche il consolidamento dei rapporti con le altre realtà culturali contraddistinte dall’impronta tabarchina (Calasetta è gemellata con Pegli): «In attesa di svelare la data della quinta edizione della Sagra del Pilau, cogliamo con piacere l’invito dei “cugini” liguri: saranno due giorni densi di appuntamenti sotto il segno di storia, tradizioni ed enogastronomia».

Entusiasmo anche da parte dello chef Tony Porseo, esperto indiscusso della preparazione del piatto tipico a base di fregola con granseola: «Sono onorato di far parte della delegazione in partenza per Pegli: ho la certezza che il Pilau non sfigurerà affatto di fronte alle pietanze tipiche portate in scena dagli altri Paesi ospiti».

La “XXVIII Giornata Storica Pegliese” è organizzata dal circolo culturale “Norberto Sopranzi”.

[bing_translator]

All’ultima edizione del “Decanter Asia Wine Awards (DAWA)”, la più grande competizione enologica del continente asiatico, la cantina di Calasetta ha ottenuto due riconoscimenti prestigiosissimi: la medaglia d’argento per il Carignano “Piede Franco 2016”, quella di bronzo per il Vermentino “Cala di Seta 2017”.

Grande la soddisfazione dell’Amministrazione comunale: «Queste certificazioni onorano la Cantina e riempiono di orgoglio il Comune – commenta Sergio Porseo, delegato a Turismo e Pro loco – l’amministrazione ha sempre creduto nelle qualità delle etichette nostrane e nelle abilità della cantina locale, sia a livello produttivo, che promozionale».

I risultati, resi noti ieri, giovedì 13 settembre, sono il frutto della valutazione di una giuria di 55 esperti che a Hong Kong, tra il 4 e il 7 settembre, hanno degustato vini provenienti da ogni angolo del mondo: secondo i dati riportati dall’organizzazione “DAWA”, hanno partecipato oltre 3.000 vini da 37 nazioni.

«La capacità di distinguersi tra migliaia di competitor internazionali è indicativa del livello dei nostri prodotti – conclude Sergio Porseo – e ci insegna una verità per niente banale: nel nostro piccolo territorio si realizzano vini capaci di conquistare il mondo: congratulazioni alla Cantina di Calasetta per aver riscosso anche questo successo».