16 May, 2022
HomePosts Tagged "Stefano Canu"

E’ stata una mattinata di grande festa, questa mattina, per i giovani alunni della Scuola paritaria cattolica Camilla Gritti (Sezione Primavera, Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria, Scuola secondaria di 1° grado), in occasione della riapertura del campo di calcio a cinque in sintetico, dopo la sistemazione della recinzione. Ospite d’onore, l’allenatore del Carbonia Calcio David Suazo, accompagnato dal suo collaboratore Massimiliano Pusceddu, dal presidente Stefano Canu e dal vicepresidente Federico Cinus.

L’arrivo a scuola di David Suazo, organizzato in collaborazione con il professore di educazione fisica Sergio Aresu, ha scatenato l’entusiasmo dei giovanissimi che, dopo aver ascoltato un messaggio di saluto del tecnico biancoblù, quello di suor Maria Saccomandi, superiora generale delle Suore Orsoline di S. Girolamo in Somasca responsabile della scuola, la recitazione del Padre Nostro e la benedizione di don Fulvio, vice parroco della chiesa di Cristo Re, hanno posato, classe per classe, per le fotografie ricordo e si sono poi letteralmente scatenati, alla caccia dell’autografo di David Suazo, su foglietti di carta, sui polsi, sulle mani, sulle braccia, sulle gambe…

Per l’occasione, la struttura è stata colorata di azzurro e di giallo, i colori dell’Ucraina, in segno di solidarietà per le popolazioni e in particolare per i giovanissimi ucraini vittime ormai da quasi un mese della guerra provocata dall’invasione russa.

Qui le interviste realizzate al termine con David Suazo

e suor Maria Saccomandi.

La Sezione disciplinare del Tribunale Federale Nazionale ha irrogato una nuova sanzione di tre mesi di inibizione al presidente del Carbonia Calcio Stefano Canu e un’ammenda di 1.000 euro con diffida alla società, così come deciso ieri nella Camera di Consiglio tenuta in modalità videoconferenza, come da decreto del presidente del Tribunale Federale Nazionale n° 1 del 1° luglio 2021.

Si tratta di un provvedimento legato alla procedura di iscrizione della squadra al campionato di serie D, della scorsa estate.

Il Carbonia cambia volto in vista della ripresa del campionato, con diversi nuovi arrivi e alcune partenze, per inseguire la salvezza. La società guidata dal presidente Stefano Canu crede ancora nella salvezza e con 20 partite ancora da giocare ha concluso numerose operazioni per mettere a disposizione di David Suazo un organico più solido rispetto a quello che ha iniziato la stagione, incontrando non poche difficoltà.

Sono i sei nuovi arrivati tra fine novembre ed inizio dicembre che hanno già esordito: l’attaccante Samuele Curreli (classe 1988); il centrocampista Mohamed Camara (2001); gli esterni bassi di destra Andrea Mastino (1999) e Fabio Porru (2000); il centrocampista Mirco Carboni (1991) ed il centravanti Alessandro Aloia (1996).

Negli ultimi giorni del mercato autunnale, sono state ufficializzate altre tre operazioni in ingresso: Mauro Agustín Pitto (1989), difensore centrale 32 anni argentino di Buenos Aires con passaporto comunitario (con esperienza in serie D con il San Luca, girone I); Antonio Cristiano Altieri (2002), centrocampista cresciuto nel Genoa; James Cohen Kirby (2005), portiere proveniente dal Villasimius.

9 volti nuovi che potrebbero diventare 10, perché è in prova un attaccante francese.

I partenti sono 5: Juan Dellacasa (1997), difensore centrale venezuelano passato al Li Punti, in Eccellenza; Fabio Doratiotto (1999), centrocampista, passato all’Arzachena; Kassama Sariang (1999) attaccante, passato alla Villacidrese, in Eccellenza; Tamirr Berman (2001), difensore centrale, ceduto al San Luca (Serie D, girone I); Mirko Atzeni (2002), portiere, ceduto all’Atletico Uri.

Un organico profondamente rinnovato, dunque, sul quale David Suazo avrà tempo di lavorare, perché la situazione di emergenza sanitaria ha portato al nuovo rinvio del recupero con l’Aprilia, con data di svolgimento ancora da fissare, insieme a quello sul campo della Vis Artena. Il campionato, salvo nuovi scossoni per i problemi legati alla pandemia, ripartirà domenica prossima con le partite dell’ultima giornata del girone d’andata, con il Carbonia impegnato sul campo del Gladiator, primo di una serie di scontri salvezza previsti da oggi alla conclusione della stagione.

Ora è ufficiale: il Carbonia Calcio “ritorna a casa”, la prossima partita casalinga si giocherà allo stadio Comunale “Carlo Zoboli”. Il comune di Carbonia e la Società sportiva hanno firmato una convenzione per la gestione dello stadio “Carlo Zoboli” che permetterà alla squadra di tornare in città, dopo 14 mesi.

E’ stato inoltre raggiunto un accordo sul pagamento del debito residuo, grazie all’intesa raggiunta tra le parti. Sono già state stanziate le risorse necessarie per mettere in sicurezza la tribuna e consentire di disputare le partite casalinghe a partire da gennaio 2022.

«Questo ritorno rappresenta molte cose ed è sicuramente un grande orgoglio per noi averlo reso possibileha dichiarato il sindaco di Carbonia Pietro Morittu -. Lo avevamo promesso nel corso della campagna elettorale ed era una delle priorità poter permettere alla nostra squadra di riprendere il campionato di serie D e gli allenamenti fra le mura di casa.»

«La sinergia tra la città, i suoi imprenditori e la Società sportiva è stata fondamentale per ottenere un obiettivo importante in così poco tempo, tenuto conto che la giunta si è insediata lo scorso 5 novembre», ha osservato il vicesindaco Michele Stivaletta.

«Sono immensamente feliceè il commento dall’assessora allo sport Giorgia Meli -; è sicuramente uno dei migliori regali di Natale che il mondo dello sport potesse ricevere a Carbonia.»

L’esilio della squadra dal “Carlo Zoboli” iniziò 414 giorni fa.

«Potrebbe sembrare un lasso di tempo breve, ma per noi è stato lungo, anzi lunghissimo. Al punto che ci ha provato anche fisicamenteha scritto su Facebook il presidente del Carbonia Calcio Stefano Canu -. Ma per non abbandonare la società, decretandone così la fine, abbiamo deciso di andare avanti, facendo ulteriori sacrifici, migliaia di chilometri, allestendo nuove strutture, riqualificando campi abbandonati, impegnando ingenti risorse economiche per pagare affitti, surplus carburanti, traslochi e nuove strumentazioni.»

«Oggi, finalmente, quell’incubo è finito: rientriamo a casaha aggiunto Stefano Canu -. Allo stadio Zoboli, dove a breve saranno ospitate le gare del campionato nazionale. Voglio ringraziare pubblicamente tutti quelli che hanno reso possibile questo accadimento.
La nuova Amministrazione comunale di Carbonia, gli uffici, i dirigenti, che in questa nuova fase collaborativa hanno lavorato alacremente per risolvere la vicenda. Gli imprenditori, i cittadini, i tifosi, e tutti coloro che a vario titolo ci sono stati vicini aiutando la città di Carbonia a riabbracciare la propria squadra di calcio.»
«In questi giorni, alla ripresa della preparazione, lavoreremo nella struttura per renderla idonea alla disputa delle gare ufficialiha rimarcato Stefano Canu -. E se dovremmo superare qualche altro disagio, nulla sarà paragonabile con quanto vissuto in questi mesi.
Voglio inoltre, a nome della grande famiglia del Carbonia calcio, ringraziare le amministrazioni comunali di San Giovanni Suergiu, Giba, Narcao, Santadi, Villamassargia, Villaperuccio, Siliqua, Sant’Anna Arresi, Villacidro e Calasetta che in questi 13 mesi ci hanno ospitato nelle loro strutture, garantendoci il proseguimento dei campionati nazionali e regionali.»
«Grazie alle società Siliqua calcio, Villacidrese, Santadi calcio, Cullurgioni di Giba, Atletico Villaperuccio, Matzaccarese, Cortoghiana calcio, Polisportiva Villamassargia, Atletico Narcao e Sant’Anna Arresiha concluso il presidente del Carbonia Calcio -. Siete stati compagni di viaggio condividendo spazi e passione. Saremo lieti di ospitarvi allo Zoboli! Grazie anche a tutti i genitori del settore giovanile che si sono sobbarcati chilometri in più per garantire ai figli l’attività sportiva.»

Carbonia, ora piove sul bagnato. Al termine delle indagini condotte dalla Procura Federale a seguito della vertenza aperta dall’ex tecnico Marco Mariotti, è stata comminata la sanzione dell’inibizione di 3 mesi al presidente Stefano Canu e di 1 punto di penalizzazione in classifica alla squadra.

Il Carbonia, ultimo in classifica, perde così uno degli 8 punti conquistati sul campo e scende a quota 7, in una situazione sempre più complicata a tre giornate dalla conclusione del girone d’andata.

Di seguito il testo integrale del comunicato ufficiale n° 125/AA pubblicato questo pomeriggio dal segretario generale della FIGC Marco Brunelli e dal presidente Gabriele Gravina.

  • Vista la comunicazione della Procura Federale relativa al provvedimento di conclusione delle indagini di cui al procedimento n. 157 pf 21/22 adottato nei confronti del Sig. Stefano CANU e della società ASD CARBONIA CALCIO, avente ad oggetto la seguente condotta:
  • STEFANO CANU, all’epoca dei fatti presidente dotato di poteri di rappresentanza della Società A.S.D. Carbonia Calcio, in violazione dell’art. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, ovvero dei principi di lealtà, correttezza e probità, in relazione all’art 94 ter, comma 13, delle NOIF, nonché dell’art. 31, comma 6, del Codice di Giustizia Sportiva, per non avere lo stesso, quale presidente della società soccombente nei confronti del tecnico Marco Mariotti – UEFA PRO, eseguito il pagamento delle somme accertate dal Collegio Arbitrale della L.N.D. con lodo n. 130.01 del 15/07/2021, pubblicato con C.U. n. 4/2021 (trasmesso alla predetta società A.S.D. Carbonia Calcio tramite messaggio di posta elettronica certificata in data 21/07/2021), nel termine di trenta giorni dalla notifica dello stesso; ASD CARBONIA CALCIO, per responsabilità diretta, ai sensi dell’art. 6, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva;
  • vista la richiesta di applicazione della sanzione ex art. 126 del Codice di Giustizia Sportiva, formulata dal Sig. Stefano CANU in proprio, e in qualità di legale rappresentante, per conto della società ASD CARBONIA CALCIO;
  • vista l’informazione trasmessa alla Procura Generale dello Sport;
  • vista la prestazione del consenso da parte della Procura Federale;
  • rilevato che il Presidente Federale non ha formulato osservazioni in ordine all’accordo raggiunto dalle parti relativo all’applicazione della sanzione di 3 (tre) mesi di inibizione per il sig. Stefano CANU, e di € 300,00 (trecento/00) di ammenda e 1 (uno) punto di penalizzazione in classifica per la società ASD CARBONIA CALCIO.

Tristan Ganzerli, talentuoso esterno difensivo classe 2003, è un nuovo calciatore del Carbonia. Già nel gruppo di David Suazo dall’inizio della preparazione, è stato tesserato ieri dalla società guidata dal presidente Stefano Canu.

Studente al Liceo Classico, ha mosso i primi passi nel vivaio del Cagliari, e ha vestito poi la maglia della Ferrini. Nell’autunno 2019, all’età di 16 anni, è stato convocato nell’Under 17 della Lega Nazionale Dilettanti guidata da Calogero Sanfratello, nel raduno di Montichiari, in occasione della tappa del Road Show per i sessant’anni della LND, appuntamento durante il quale il tecnico siciliano ha lavorato insieme a 22 calciatori classe 2003 dei club di Serie D e dei campionati regionali.

Sia nella parte finale della stagione 2019/2020 sia nella passata stagione 2020/2021, Tristan Ganzerli è rimasto a lungo fermo a causa della pandemia, e quest’anno, quando ha ricevuto la chiamata del Carbonia, ha risposto con grande entusiasmo. Ha vestito per la prima volta la maglia del Carbonia nel secondo test precampionato, a Villacidro, disimpegnandosi bene sulla fascia sinistra, A Villamassargia, David Suazo lo ha tenuto prudenzialmente a riposo, insieme ad altri neo compagni di squadra, per qualche piccolo problema fisico.

 

 

E’ terminato senza goal, questo pomeriggio, il secondo test precampionato del nuovo Carbonia di David Suazo, con la Villacidrese di Matteo Congia. La partita, al Comunale di Villacidro, è stata giocata sulla distanza di tre tempi di 30 minuti ciascuno, nel corso dei quali i due tecnici hanno alternato tutti i calciatori a loro disposizione.

Inizialmente, ovviamente, in campo si sono viste le probabili formazioni base, eccezione fatta per qualche assenza forzata. Le due squadre hanno mostrato buone trame di gioco, con poche conclusioni a rete, limite abbastanza frequente nella prima fase della preparazione, in presenza di forti carichi di lavoro e della necessità di tempo per amalgamare i nuovi che, per il Carbonia, rappresentano la maggioranza nella rosa a disposizione di David Suazo, “zeppa” di giovanissimi. Sono scesi in campo anche alcuni calciatori ancora in prova che se convinceranno David Suazo, verranno tesserati nei prossimi giorni.

La Villacidrese, quest’anno, può contare su ben cinque calciatori ex Carbonia, protagonisti della straordinaria stagione in Eccellenza 2019/2020, non conclusa a causa della pandemia ma premiata con una meritatissima promozione in serie D e la conquista della Coppa Italia: Marcello Angheleddu (capitano di quel Carbonia), Alessio Figos, Luigi Pinna, Mattia Cordeddu e Diego Pinna.

David Suazo ha seguito la prova dei suoi con grande attenzione, dando continui consigli, soprattutto ai più giovani, che lo seguono con grande applicazione.

La squadra, costruita in poche settimane dopo lo scampato pericolo dell’esclusione dal campionato, è molto giovane, David Suazo sembra particolarmente a suo agio nella cura dei giovani, ma è innegabile che per affrontare il prossimo campionato di serie D con concrete speranze di ben figurare e conservare la categoria, soprattutto se verrà confermato l’inserimento della squadra nel girone sardo-laziale-campano, occorrerebbe l’inserimento di alcuni elementi di provata esperienza nella categoria (4-5). La società guidata dal presidente Stefano Canu finora s’è mossa facendo affidamento su un budget di spesa “certo” più limitato rispetto a quello della passata stagione. L’auspicio è che quanto prima possibile possa finire l’esilio forzato a Siliqua, con il ritorno allo stadio Comunale “Carlo Zoboli” e che si riesca a dare al progetto maggiore solidità economica, base indispensabile per “irrobustire” la rosa a disposizione di David Suazo.

Giampaolo Cirronis

 

Ancora un giovane fuoriquota nel nuovo Carbonia di David Suazo. L’ultimo arrivato è Gabriele Dore, 20 anni (è nato a Cagliari il’11 giugno 2001), centrocampista centrale cresciuto nel Cagliari, reduce da un’esperienza in serie D nelle file dell’Arzachena di Raffaele Cerbone. Con il suo inserimento la società guidata dal presidente Stefano Canu conferma la linea giovane concordata con mister David Suazo, anche se non sono da escludere, cammin facendo, gli inserimenti di alcuni elementi di esperienza, in grado di far fare al gruppo, un salto di qualità.

La preparazione, intanto, prosegue sul campo Comunale di Siliqua, dove ieri è iniziata la seconda settimana di lavoro, sotto la guida di David Suazo e dei suoi primi collaboratori, il preparatore atletico Massimiliano Pusceddu ed il preparatore dei portieri Matteo Crobeddu.

Dopo tre conferme, ecco il primo nuovo arrivo al Carbonia: Mirko Atzeni, portiere nato a Iglesias 19 anni fa (è nato l’8 giugno, 8 giorni prima del nuovo collega di squadra e di ruolo Valerio Bigotti), cresciuto nel Cagliari e reduce da un’esperienza in serie D con l’Atletico Terme Fiuggi (girone F). Ha firmato il contratto che lo lega al Carbonia questa mattina con il presidente Stefano Canu.

Nel giorno in cui il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti ha ufficializzato l’iscrizione della squadra al prossimo campionato di serie D, in dirigenti hanno ufficializzato le conferme di Nicola Serra e Valerio Bigotti e l’arrivo di Mirko Atzeni che hanno raggiunto Marco Russu, il primo ad aver detto sì, tornando indietro dall’accordo già raggiunto con il Latte Dolce, al Carbonia di David Suazo.

Domani, 6 agosto, dovrebbero essere definite le trattative per altri calciatori, per alcune delle quali mancano solo le firme.

Il Carbonia sarà regolarmente al via del prossimo campionato di serie D. Il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, riunitosi oggi nel Salone d’Onore del CONI a Roma, ha deliberato in ordine alle ammissioni ai campionati nazionali di Serie D, Serie C femminile e della Divisione Calcio a 5.

«In relazione al Campionato Interregionale (Serie D) riammesso il Gozzano Calcio, iscritto in sovrannumero, alla Serie D 2021/22. Non iscritte Belluno e San Giorgio perché non hanno presentato la domanda. La Co.Vi.So.D ha espresso parere negativo sulla posizione del Livorno Calcio. La domanda di iscrizione del club labronico è stata giudicata non ammissibile per la non idoneità del campo di gioco indicato in luogo della non disponibilità dell’impianto comunale, oltre al non assolvimento degli obblighi finanziari.»

Il 26 luglio la Co.Vi.So.D. aveva comunicato all’A.S.D. Carbonia Calcio che l’istruttoria relativa alla domanda di iscrizione al Campionato di serie D 2021/2022, aveva dato esito negativo per l’indisponibilità del campo di gioco (punto 10 del C.U. n. 203 del 25/06/2021).

L’A.S.D. Carbonia ha impugnato la decisione entro il termine ultimo delle ore 14.00 del 28 luglio 2021, inoltrando il nulla osta della disponibilità del campo comunale di Siliqua ed oggi, di fatto, il comunicato della LND ufficializza l’accoglimento positivo del ricorso.

La società guidata dal presidente Stefano Canu, in attesa del pronunciamento definitivo del Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, sul quale nutriva grande fiducia, è già al lavoro da una settimana per l’allestimento della nuova squadra e, dopo aver confermato alla guida tecnica David Suazo che ha sottoscritto un contratto biennale, ha confermato Marco Russu, Nicola Serra e Valerio Bigotti ed ha avviato numerose trattative per il tesseramento di diversi calciatori, alcune delle quali dovrebbero essere ufficializzate già nelle prossime ore.

Giampaolo Cirronis