25 September, 2022
HomePosts Tagged "Taddeo Cossu"

Si è tenuta tra il 26 ed il 27 ottobre la manifestazione sportivo-addestrativa denominata “Una staffetta per il Milite Ignoto”, una corsa non competitiva di 24 ore svoltasi in 25 città dell’area di competenza del Comando Forze Operative Sud, per celebrare il centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto nel sacello posto sull’Altare della Patria.
In ognuna delle città coinvolte, quarantotto tra militari, loro familiari ed appassionati si sono alternati su percorsi stabiliti all’interno delle città, passandosi il testimone per percorrere frazioni di 30 minuti ciascuna, davanti ad un pubblico composto principalmente da famiglie e scolaresche per un totale di circa 1.200 atleti coinvolti.
Alta la valenza simbolica della corsa che ha riportato alla memoria, attraverso la fatica e l’impegno fisico dei podisti, il significato profondo del “Milite Ignoto” che, nella coscienza collettiva nazionale, rappresenta le gesta eroiche di tutti coloro che sono caduti in guerra, sacrificando la propria vita per il bene comune.
Proprio su questo tema si è sviluppato il discorso del Comandante delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota, che, nel corso di una videoconferenza con tutti i reparti interessati, ha sottolineato come «“Il Milite Ignoto”, al di là dell’ambito e della simbologia militare, ci ricorda quanti, senza clamori, hanno fatto e fanno il proprio dovere, hanno donato e donano ancora oggi la propria vita per il bene della nostra Comunità».
A Teulada, sede del 3° Reggimento Bersaglieri della Brigata Sassari e del 1° Reggimento Corazzato, la manifestazione si è svolta tra la piazza ed il parco comunale e ha avuto inizio alla presenza del sindaco, Daniele Serra, del colonnello Nazario Onofrio Ruscitto, comandante del 3° Reggimento Bersaglieri e del colonnello Luca Rollo, comandante del 1° Reggimento Corazzato, alla quale hanno partecipato gli atleti e una rappresentanza degli alunni delle classi elementari e medie dell’Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu” di Teulada.
Particolarmente entusiasti i giovani studenti presenti tra il pubblico che, incoraggiando ed applaudendo i corridori, hanno iniziato ad approfondire la conoscenza del simbolo del Milite Ignoto e a familiarizzare con gli elevatissimi valori di cui esso è foriero. Inoltre, in tutte le località coinvolte nell’evento sono stati allestiti esposizioni di mezzi e materiali di ogni reparto ed Infopoint per illustrare le opportunità professionali offerte dalla Forza Armata.
Durante la manifestazione c’è stata anche la possibilità di partecipare ad un progetto di beneficenza in favore di un ospedale per bambini.

 

[bing_translator]

Ieri mattina gli alunni delle scuole di Teulada hanno ricevuto le borracce in alluminio per limitare l’uso delle bottigliette in plastica e per ricordare che l’acqua di rete è potabile, più economica e a impatto zero. Il progetto è stato promosso e finanziato dall’Amministrazione comunale e condiviso dall’Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu”.

«Il progetto – spiega il sindaco Daniele Serra – rientra in una più ampia strategia di interventi e iniziative volte a sensibilizzare le nuove generazioni al riuso dei materiali, incentivare le buone pratiche sostenibili ed accrescere la consapevolezza e la cultura ambientale. Le borracce sono impreziosite dalle simpatiche rappresentazioni dei nostri abiti tradizionali create dal laboratorio artigiano di idee Labai di Teulada.»

[bing_translator]

Si è svolta ieri pomeriggio, alla Grande Miniera di Serbariu, la XI edizione della manifestazione “La Befana in Miniera”, con la consueta affluenza di pubblico – circa 600 persone tra bambini edadulti. I bimbi hanno giocato, ballato e cantato con gli animatori della Angel Eventi, tra musica, truccabimbi e sculture di palloncini. Intorno alle 16.30 è arrivata la Befana, a bordo di un’auto d’epoca gentilmente messa a disposizione da Franco Marongiu; l’anziana signora ha quindi distribuito caramelle e dolciumi ai bambini che la circondavano.
Con l’Epifania si è conclusa anche la IX edizione della mostra “In miniera tra i presepi”. Domenica 5 gennaio, dalle 10.30, si è svolto lo spoglio dei voti per le opere in concorso, con i seguenti risultati:
Categoria presepi
1° classificato il presepe n° 4 realizzato su più piani, con frutta secca e materiali naturali, dalla Scuola dell’Infanzia di Cortoghiana e dalla Scuola dell’Infanzia di Via Roma, sezioni A,C,D,E, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, Carbonia.
2° classificato il presepe n° 9 della Scuola in ospedale, Azienda ospedaliera G. Brotzu, Istituto Comprensivo Mulinu Becciu G. Devinu, Cagliari, realizzato con siringhe, garze e materiale sanitario che i bambini vedono, purtroppo, tutti i giorni durante la loro lunga degenza in ospedale.
3° classificato il presepe n° 11 della Scuola media di Teulada, classi 2ª A e 2ª B, Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu” di Teulada, struttura girevole a due piani e 4 settori, che tratta l’emergenza inquinamento suggerendo le soluzioni per salvare il pianeta.
Da segnalare anche il 5° posto del presepe n° 3 di Leonardo Caria, un bimbo di Carbonia che ha realizzato da solo il suo presepe a tema marino.
Categoria alberi di Natale
1° classificato l’albero di Natale B della Scuola dell’Infanzia di Gonnesa, Istituto Comprensivo di Portoscuso, realizzato con legname, reti da pesca ed altro materiale ritrovato sulla spiaggia.
2° classificato l’albero D della Scuola media di Sant’Anna Arresi, classe 2ª A, Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu” di Teulada, realizzato con finti tronchi in cartone e decorato con gufetti anch’essi di cartone colorato
3° classificato l’albero C della Scuola primaria di Cortoghiana, classi 1ª F e 5ª F, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli di Carbonia, realizzato con legno, gesso e colori acrilici.
Durante la festa della Befana in Miniera si è svolta la premiazione dei vincitori, e nei prossimi giorni verranno pubblicati nella pagina Facebook del Museo del Carbone, tutte le fotografie delle opere in mostra.

 

[bing_translator]

L’autismo esiste sempre, non solo il 2 aprile. Non basta illuminare i monumenti per un giorno: quella luce deve restare accesa per rendere ogni giorno più inclusive la scuola e la società. Perciò a distanza di un mese dalla “Giornata mondiale sulla consapevolezza dell’autismo” l’Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu” presenta una serie di iniziative realizzate con il contributo del Consiglio regionale della Sardegna e con la collaborazione dei comuni di Teulada e Sant’Anna Arresi.

Il 2 maggio 2019 tutti gli ordini di scuola dell’Istituto parteciperanno ad attività comuni, in contemporanea nei due comuni di Sant’Anna Arresi e Teulada, coinvolgendo la cittadinanza con la testimonianza diretta di ragazzi e genitori che vivono l’autismo. All’attività di sensibilizzazione si accompagnerà la sperimentazione di attività didattiche inclusive.

Tra le iniziative spicca un convegno sul tema dell’autismo. Introdotto da Marzia Lai, il convegno vedrà la partecipazione di Azzurra Salvago (psicologa e psicoterapeuta), Giuseppe Farci (psicopedagogista), Alessandra Mereu (coordinatrice del Servizio educativo territoriale di Teulada) e Igor Corrias (pedagogista e coordinatore dei servizi per minori del comune di Teulada).

[bing_translator]

 

Si è svolta al Museo del Carbone la decima edizione della festa della Befana in Miniera, con grande partecipazione di pubblico – oltre 500 persone tra bambini ed adulti. Oltre al classico truccabimbi, sempre molto gettonato, quest’anno la manifestazione si è arricchita con i grandi giochi in legno dell’Associazione Culturale Lughenè di Gergei: a partire dalle 15.00 i bambini si sono divertiti con biliardo classico e giapponese, Jenga, tiro agli anelli, balestra, forza quattro, hockey da tavolo, bowling, percorsi di biglie, un labirinto per i più piccoli e tanti altri giochi fino al tanto atteso arrivo della Befana: quest’anno è arrivata in sella ad una vespa, accompagnata da un gruppo di vespisti muniti di casco da minatore. La manifestazione è stata, infatti, organizzata con la gradita collaborazione del Vespa Club di Carbonia, oltre all’Associazione Culturale Lughenè di Gergei, all’associazione Pro Loco di Carbonia, a La Salvia Animazioni con i truccabimbi, al Comune di Carbonia e al Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna.

Dopo la distribuzione delle caramelle a tutti i bambini, la serata è andata avanti con la premiazione dei presepi partecipanti alla VIII edizione della mostra “In miniera tra i presepi”. Lo spoglio dei voti, che si è svolto ieri sera alla presenza dei partecipanti, ha confermato il successo della mostra: oltre 1.400 voti validi. Moltissimi anche i visitatori degli ultimi due giorni, che quindi non hanno potuto votare perché ormai fuori tempo massimo.

Il primo premio con il trofeo Crabò è andato al presepe numero 12 realizzato dalle classi 2ª A e 2ª B della scuola media di Sant’Anna Arresi dell’Istituto Taddeo Cossu di Teulada (per la realizzazione del presepe tutto bianco e nero, hanno voluto ricordare gli 80 anni dall’inaugurazione della città di Carbonia, rappresentando i simboli della città: la miniera, San Ponziano, la scultura di Giò Pomodoro. Materiali di riciclo quali, carta, plastica, legnetti, pietruzze su struttura in polistirolo rivestita di carta pesta). Al secondo posto il presepe numero 15 realizzato dalle scuole dell’infanzia di Cortoghiana e di Via Roma, sezioni A, C, D, E, dell’Istituto Comprensivo Deledda-Pascoli di Carbonia (presepe di bottoni, passamaneria, nastri, spille). Al terzo posto il presepe numero 13 della Scuola Primaria di Via Mazzini Carbonia, Istituto Comprensivo Satta, classe 2ª C (molto colorato, città con 4 quartieri di diversa estrazione sociale, realizzato con materiale di riciclo: carta, cartone, legno, plastica, pasta di mais).

Ecco l’elenco dei primi dieci classificati tra i 20 presepi in concorso:

1

328

12

Istituto Comprensivo Taddeo Cossu Teulada, Scuola Media Sant’Anna Arresi

2ª A e 2ª B

2

193

15

Scuola infanzia Cortoghiana e via Roma Carbonia, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, Carbonia

sezioni A, C, D, E

3

134

13

Scuola primaria Via Mazzini, Istituto Comprensivo Satta, Carbonia

2ª C

4

81

1

Scuola primaria Via Roma, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, Carbonia

5ª A

5

76

8

Maria Grazia Congia, Buggerru

6

74

11

Polisportiva Portoscuso 2017

7

73

16

Scuola primaria Cortoghiana, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, Carbonia

4ª F e 5ª G

8

66

2

Scuola infanzia San Giovanni Suergiu, Istituto Comprensivo Guglielmo Marconi 

sezione E 

9

63

7

Scuola infanzia San Domenico, Carbonia

10

50

14

Asp onlus, Carbonia

[bing_translator]

L’estate teuladina, già fitta di eventi, sarà arricchita anche quest’anno da un appuntamento a tema organizzato dall’Istituto comprensivo «Taddeo Cossu» e finanziato dal MIUR nell’ambito del PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale). Dopo l’esperienza del 2017 con «Torraus a scola», ciclo di incontri su temi di cultura sarda, la scuola sperimenta di nuovo l’apertura estiva e «in notturna».

«Subculture giovanili, identità virtuale e cyberbullismo – Droga, sesso, alcool e violenza sul web»: questo il titolo del seminario che vedrà la partecipazione del dott. Luca Pisano (psicoterapeuta, direttore del master in criminologia IFOS) e dell’avvocato Antonello Marotto.

Il tema è impegnativo: come difendere i nostri figli nell’era dei social media e degli smartphone, piena di opportunità ma anche di pericoli? Gli episodi raccontati dal mondo dell’informazione sono appena la punta dell’iceberg. Genitori e insegnanti si confrontano per la prima volta con una realtà digitale che conoscono poco, e faticano a contrastare gli episodi ormai quotidiani di cyberbullismo, razzismo, omofobia, misoginia…

«Se le principali agenzie formative (scuola e famiglia) non ci aiutano a comprendere che cosa siano l’identità virtuale e la realtà virtuale – spiega Luca Pisano, da tempo impegnato in una campagna di sensibilizzazione – sarà sempre più difficile presidiare la normalità dalle infiltrazioni della devianza e della criminalità che talvolta si presentano nel web nelle forme del cyberbullismo e della diffamazione.»

Il seminario si terrà lunedì 30 luglio 2018 alle 20.30, nel giardino della Casa baronale, a Teulada, ed è aperto alla partecipazione di tutti gli interessati. Si tratta del primo appuntamento nel contesto di un progetto più ampio che ha l’obiettivo di fornire a genitori, insegnanti e ragazzi gli strumenti per prevenire e contrastare la navigazione online a rischio.

Le amministrazioni comunali di Sant’Anna Arresi e Teulada si sono infatti dimostrate molto sensibili al tema ed è soprattutto grazie al loro impegno che l’anno prossimo l’Istituto «Cossu» potrà organizzare non solo laboratori destinati agli alunni e ai docenti, ma anche un percorso formativo per i genitori, con l’obiettivo di far nascere anche nel basso Sulcis una rete di «genitori digitali».

 

[bing_translator]

Si è svolta questo pomeriggio, al Museo del Carbone, la tradizionale festa della Befana in Miniera, con grande partecipazione di bambini e adulti. Piccoli e grandi partecipanti hanno scatenato la fantasia con i laboratori creativi e si sono divertiti con i truccabimbi, le sculture di palloncini e i set fotografici a tema. Infine, è arrivata la Befana, quest’anno sul trattore messo a disposizione da SOMICA S.p.A., per distribuire le caramelle a tutti i bambini. La manifestazione è stata organizzata dal Museo del Carbone, in collaborazione con l’associazione Pro Loco di Carbonia, SOMICA S.p.A., La Salvia Animazioni e con il patrocinio del comune di Carbonia e del Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna.

La serata si è conclusa con la premiazione dei presepi partecipanti alla VII edizione della mostra “In miniera tra i presepi”, che quest’anno contava 45 presepi, dei quali 26 in concorso, realizzati da scuole, associazioni e appassionati, e i restanti realizzati da artigiani, artisti e hobbisti. Ha vinto il 1° premio il presepe numero 21 realizzato dalla scuola dell’Infanzia di Cortoghiana, sezioni C, D ed E, con un presepe interamente realizzato con cancelleria usata: matite colorate, gomme per cancellare, graffette. Al secondo posto il presepe numero 8 dell’Istituto Comprensivo Taddeo Cossu di Teulada, classe 2ª A della scuola secondaria di primo grado di Sant’Anna Arresi, un ambiente tipicamente marino, con l’utilizzo di materiali naturali e di riciclo, tavole, legnetti, cortecce, sassi e pasta di bicarbonato. Terza classificata, la scuola dell’infanzia Francesco Ciusa, Istituto Comprensivo Don Milani, sezioni 1M e 2M, con un presepe realizzato con la carta di quotidiano e cartoncino. Al quarto posto da segnalare il partecipante individuale più giovane di tutte le edizioni, il bimbo Daniele Curreli con un presepe interamente realizzato con mattoncini Lego; al quinto posto il presepe dall’ambientazione fiabesca dell’Associazione Sofferenti Psichici ASP Onlus.

Questo l’elenco dei primi dieci classificati tra i 26 presepi in concorso:

POSIZIONE          NUMERO            GRUPPO      

1                             21          Scuola Infanzia Cortoghiana, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, sezioni C, D ed E

2                            8             Istituto Comprensivo Taddeo Cossu Teulada, Scuola secondaria di primo grado Sant’Anna Arresi, 2ª A

3                             4             Scuola Infanzia Francesco Ciusa – Istituto Comprensivo Don Milani, sezioni 1Me 2M

4                             16          Daniele Curreli   

5                             26          Associazione sofferenti psichici ASP Onlus            

6                             5             Scuola secondaria di primo grado Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, Bacu Abis,  3ª H

7                             23          Associazione Culturale Sardinian Events             

8                             10          Pinuccia Portas 

9                             15          Scuola Primaria Cortoghiana, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, 3ª F

10                          1             Il Delfino Società Cooperativa Sociale        

Oltre al premio in buoni acquisto per i primi due classificati, il primo classificato si è aggiudicato il trofeo Crabò in stoffa, carbone e legno, con la targhetta della mostra. Terzo, quarto e quinto classificato, hanno ricevuto, come di consueto, alcuni gadget del Museo; tutti i partecipanti hanno ricevuto il catalogo della mostra con le fotografie di tutti i presepi.

                                   

 

 

[bing_translator]

Si parlerà di lingua sarda, della figura di “Giorgio Asproni” e della sua visione di Sardegna, in un convegno che si terrà sabato 16 dicembre, dalle ore 18.30, nella sala della Casa Baronale di Teulada, organizzato dal Coro polifonico Sant’Isidoro di Teulada-Sant’Anna Arresi e dal comune di Teulada, con il contributo dell’assessorato regionale della Pubblica istruzione e la collaborazione dell’Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu” di Teulada.

Il convegno rientra in un progetto finanziato dalla Regione Sardegna nell’ambito del calendario annuale di eventi per “Sa Die de sa Sardigna”.

Interverranno Daniele Serra, sindaco di Teulada; Guido Cadoni, docente di lingua sarda, sulle attività svolte nell’ambito del progetto sulla lingua sarda svolto a Teulada nell’anno in corso; Roberto Ibba, sul tema “la Sardegna Sabauda tra contrasti e riforme“; Carlo di Bella, sul tema “Giorgio Asproni: unu politicu sardu e is tempus cosa sua”; e, infine, l’assessore regionale degli Enti locali, Cristiano Erriu.

Il coro polifonico Sant’Isidoro di Teulada-Sant’Anna Arresi, diretto dal maestro Salvatore Tiddia, eseguirà canti del repertorio delle tradizioni della Sardegna, con la partecipazione del suonatore di launeddas Sebastiano Soggiu.

Nell’ambito della manifestazione, saranno curati i seguenti laboratori, presso l’Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu” di Teulada:

14 dicembre 2017, a cura di Guido Cadoni, docente di lingua sarda:

ore 11.30-13.30 presso la scuola secondaria di primo grado;

ore 14.30-16.30 presso la scuola primaria.

21 dicembre 2017, dalle 14.30, a cura del coro polifonico Sant’Isidoro di Teulada-Sant’Anna Arresi, diretto dal maestro Salvatore Tiddia, con la partecipazione del suonatore di launeddas Sebastiano Soggiu.

[bing_translator]

Grande festa anche questo pomeriggio per tanti bambini che, accompagnati dai loro genitori, complessivamente oltre 500 persone, non hanno voluto mancare all’appuntamento con la Befana nella lampisteria della Grande Miniera di Serbariu, ormai una tradizione la città di Carbonia. A partire dalle 15.00 i bambini hanno realizzato pinguini, Re Magi e befanine nei laboratori creativi e si sono divertiti con i truccabimbi e le sculture di palloncini, fino al tanto atteso arrivo della Befana: quest’anno è arrivata in moto, accompagnata da un gruppo di centauri, portando con sé un grande sacco pieno di dolci per i bimbi.
L’evento è stato organizzato dal Museo del Carbone con la collaborazione dell’Associazione Group Vanguard Carbonia e dell’Associazione Pro Loco di Carbonia, con il patrocinio del Comune di Carbonia e del Parco Geominerario, Storico e Ambientale della Sardegna.

Dopo la distribuzione delle caramelle a tutti i bambini, la serata è andata avanti con la premiazione dei presepi partecipanti alla VI edizione della mostra “In miniera tra i presepi”. Lo spoglio dei voti, che si è svolto ieri sera alla presenza dei partecipanti, ha confermato il successo della mostra: quasi 1700 voti, considerando che molti visitatori della mostra scelgono di non votare perché – dicono – «sono tutti belli». Il primo premio con il trofeo Crabò è andato al presepe n° 23 realizzato dalle classi 2ª A e 2ª B della scuola media dell’Istituto Taddeo Cossu di Teulada (con un tema attuale, la violenza sui bambini: uno scorcio di città con scene di bambini in guerra o in situazioni di disagio, in cui il presepe diventa portavoce della pace nel mondo e i colori diventano l’elemento dominante di tutta la composizione. Materiali utilizzati: elementi naturali e di riciclo, struttura di legno integrata da legnetti, cortecce e cartapesta). Al secondo posto il presepe n° 5 realizzato dalla scuola dell’infanzia di Cortoghiana, sezioni C, D, E, dell’Istituto Comprensivo Deledda-Pascoli di Carbonia (realizzato interamente con posate di plastica e di legno, polistirolo, pitture acriliche). Al terzo posto il presepe n° 33 di Rosaria Brancati di Carbonia, realizzato esclusivamente con vari formati di pasta alimentare.

Ecco l’elenco dei primi 10 classificati tra i 33 presepi in concorso:

1° classificato presepe n° 23 – Istituto Comprensivo Taddeo Cossu Teulada classi 2ª A e 2ª B – 157 voti

2° classificato presepe n° 5 – Scuola dell’Infanzia Cortoghiana sezioni C, D, E – Istituto Comprensivo Deledda – Pascoli Carbonia – 145 voti

3° classificato presepe n° 33 – Rosaria Brancati – 142 voti

4° classificato presepe n° 31 – Scuola in ospedale Brotzu Cagliari – Istituto Comprensivo Mulinu Becciu Mameli Ciusa – 132 voti

5° classificato presepe n° 15 – Pinuccia Portas – 108 voti

6° classificato presepe n° 6 – Scuola dell’Infanzia Via Roma sezioni A,B  Istituto Comprensivo Deledda – Pascoli Carbonia – 92 voti

7° classificato presepe n° 24 – Scuola dell’Infanzia Francesco Ciusa sezione 2M Istituto Comprensivo Don Milani Carbonia – 81 voti

8° classificato presepe n° 12 – Scuola dell’Infanzia San Giovanni Suergiu sezione D Istituto Comprensivo Guglielmo Marconi – 63 voti

9° classificato presepe n° 18 – Maurizio P. – 61 voti

10° classificato presepe n° 34 – Antonella Secchi – 56 voti.

I 33 presepi erano provenienti dal Sulcis Iglesiente: Carbonia, San Giovanni Suergiu, Portoscuso, Sant’Antioco; ma non solo, anche da Teulada, Cagliari, Villacidro ed Oristano, tutti traboccanti di creatività.

Grandi, piccoli, colorati, in valigia, dentro una radio… tutti portatori di storie, realizzati secondo svariate tecniche e per la maggior parte con materiale da riciclo… tappi di sughero, scatolette, pannolini, pasta, pane, cartone, lana, conchiglie, pietre, pagliuzze, das, pasta di zucchero, capsule di caffè, posate e mestoli di legno, polistirolo, resine cristalli Swaroski… tutti dettati dal cuore e portatori di un messaggio di pace.

Il servizio fotografico allegato è stato realizzato da Andrea Rombi.

Presepe 1° classificato.

Presepe 1° classificato.

Presepe 2° classificato.

Presepe 2° classificato.

Presepe 3° classificato.

Presepe 3° classificato.

Le fotografie di tutti i presepi, comprese le opere fuori concorso degli artigiani, saranno pubblicate a breve sulla pagina Facebook e sul sito web del Museo del Carbone.

 

Venerdì mattina, per la giornata della memoria, l’associazione Is Sinnus e l’Istituto Comprensivo Taddeo Cossu, con il patrocinio del comune di Teulada, hanno organizzato un incontro con i deportati nei campi di concentramento nazisti Modesto Melis e Fedele Manca, che si svolgerà dalle 10.30 nell’oratorio della Parrocchia Vergine del Carmine.

Dopo il saluto del parroco, don Dino Dore, sono previsti gli interventi di Daniele Serra, sindaco di Teulada; Ferdinando Salis, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo; Salvatore Loi, rappresentante dell’associazione Is Sinnus; Fedele Manca, deportato nel campo di Mappen; Modesto Melis, deportato nel campo di Mauthausen.

Modetso davanti al forno crematorioMauthausen 1

 

 

IMG_4093 manifesto giornata-memoria 1-1