10 August, 2022
HomePosts Tagged "Tore Piredda"

La Giunta comunale ha approvato ieri il progetto esecutivo per la realizzazione della rotatoria all’ingresso di Sennori, nell’incrocio tra la strada statale 200 e la circonvallazione. L’opera, il cui progetto esecutivo è stato redatto con il contributo di un tavolo tecnico con provincia di Sassari, Anas e Polizia locale di Sennori, sarà realizzata attraverso una forma di cofinanziamento di importo complessivo pari a 300.000 euro, di cui una quota pari a 250.000 a carico dell’amministrazione provinciale di Sassari e la residua parte, pari a 50.000 euro, a carico dell’amministrazione comunale di Sennori, inserita nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche, adottato con deliberazione della Giunta comunale n° 173 del 04.10.2019 e approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 80 del 27.12.2019.

I tratti stradali interessati dagli interventi sono di pertinenza dell’Anas per quanto concerne la strada statale e del comune di Sennori per quanto riguarda la circonvallazione (ex strada provinciale). Gli uffici comunali stanno predisponendo il bando pubblico per l’affidamento dei lavori, che salvo imprevisti, dovrebbero iniziare entro l’autunno. «Siamo contenti di aver completato la fase progettuale, dopo tanti anni Sennori avrà un ingresso dignitoso, come merita», commenta il consigliere delegato ai Lavori pubblici, Tore Piredda. «Ringraziamo la provincia di Sassari per il finanziamento concesso e il suo dirigente architetto Gianni Milia, l’Anas per la fattiva collaborazione e la Società di Ingegneria Tecnoprogetti Italia Srl di Sassari che si è occupata di redigere il progetto», dice il sindaco, Nicola Sassu. «Una progettazione durata a lungo per via della complessità tecnica di un’opera importante che garantirà un ingresso più sicuro al nostro paese, eliminando di fatto gli incroci a raso».

[bing_translator]

Sennori ha un nuovo regolamento e nuove tariffe per l’utilizzo e gestione degli impianti sportivi comunali, palestre scolastiche comprese. il regolamento, approvato nei giorni scorsi dal Consiglio comunale, ha previsto un apposito tariffario discusso e deliberato dalla Giunta, che fissa due fasce di tariffe: una con prezzi notevolmente bassi e vantaggiosi rivolta alle società sportive che hanno sede a Sennori da almeno due anni, che sono iscritte all’Albo comunale delle associazioni e che con il loro nome e la loro attività di comunicazione pubblicizzino Sennori; un accorgimento questo, adottato per evitare speculazioni da parte di società che fisserebbero la sede in paese solo per approfittare dei prezzi agevolati. L’altra ha tariffe più alte ed è rivolta alle società che non rientrano nella prima fascia.

Il regolamento, oltre a introdurre il tariffario deliberato dalla giunta comunale, fissa tutta una serie di norme che disciplinano l’uso e la gestione delle strutture sportive di proprietà del Comune.

Sono previste tre tipologie di utilizzo degli impianti: 1) gestione diretta da parte dell’amministrazione, con assegnazione in uso delle strutture sportive alle società o associazioni dilettantistiche regolarmente iscritte all’Albo comunale ed affiliate alle federazioni o enti sportivi riconosciuti dal Coni; 2) affidamento in gestione, in via preferenziale, a società ed associazioni sportive dilettantistiche, enti di promozione sportiva, discipline sportive associate e federazioni sportive nazionali, che abbiano significativo radicamento territoriale e dimostrino capacità gestionale adeguata alle attività da realizzare, individuate nel rispetto delle procedure di evidenza pubblica o, qualora ne ricorrano i presupposti, direttamente; 3) affidamento in gestione a soggetti che non rientrano nelle precedenti tipologie, aventi anche configurazione giuridica in forma imprenditoriale, qualora per la complessità dell’impianto e della sua gestione siano richieste particolari professionalità e specifiche competenze tecniche, nel caso di particolari e significativi investimenti per la ristrutturazione, manutenzione o miglioria dell’impianto, ovvero in caso di realizzazione e gestione di un nuovo impianto sportivo.

Nel caso di gestione diretta da parte del Comune, l’amministrazione sostiene le spese di funzionamento e manutenzione dell’impianto, salvo per le palestre dove restano a carico delle società sportive le sole spese per la pulizia dei locali e per l’apertura e chiusura della struttura. Per la stagione 2019-2020 la gestione diretta è stata scelta per l’utilizzo dell’impianto sportivo “Basilio Canu”.

«Queste provvedimenti sono stati adottati per tutelare e promuovere lo sport in paese, con un dovuto occhio di riguardo verso le società sportive che operano a Sennori e che sono radicate nel territorio – spiega l’assessore allo Sport, Tore Piredda -. Con questo regolamento e con il tariffario, restano in essere anche i contributi destinati alle società sportive di Sennori; questo perché in un periodo di ristrettezze economiche abbiamo preferito non tagliare ma incrementare i contributi allo sport finanziati dal bilancio del Comune.»

[bing_translator]

E’ ripartito dalla Sardegna il grande viaggio della Carovana dello Sport Integrato. Dopo la pausa per le festività pasquali l’Equipaggio 4 si è ritrovato a Sennori (hinterland di Sassari) per iniziare il percorso che consegnerà materialmente la Carta dei Valori dello Sport Integrato alle più alte cariche dello Stato nell’evento di chiusura del prossimo 14 maggio a Roma.

La tappa isolana è stata organizzata di tutto punto dal Csen Sardegna presieduto da Francesco Corgiolu, che ha sottolineato quanto l’Isola sia stata capace di comprendere in anticipo le grandi potenzialità del Football Integrato, ospitando ben due tornei regionali e, addirittura, un campionato europeo: «Organizzare non è mai semplice, ma qui in Sardegna sono bastate poche telefonate – ha raccontato – merito della grande volontà mostrata dal comune di Sennori e dalla dirigente scolastica dell’Istituto Galilei di Macomer. L’esperienza nell’organizzazione dei campionati regionali ci ha dato tanto. La Sardegna è pienamente dentro il progetto Carovana, considerato che 3 dei 4 equipaggi sono stati composti da atleti sardi. A questo proposito mi preme sottolineare il grande delle associazioni affiliate Csen in Sardegna. Desidero infine ringraziare l’onorevole Roberto Desini, che è stato tra i primi artefici di questo lavoro».

Al suo arrivo la Carovana è stata accolta dai canti del coro delle voci bianche di Sennori (che hanno proposto due brani inediti coordinati dal maestro Giuseppe Ruiu) e, ovviamente, dalle istituzioni locali. «Siamo onorati di poter ospitare questo grande evento – ha spiegato il sindaco Nicola Sassu – perché porta con sé i grandi valori dell’inclusione sociale. Siamo già stati nel 2017 città europea del Football Integrato e puntiamo alla conferma. Tutto ciò è stato possibile grazie alla forte sinergia con Csen Sardegna e con il presidente Corgiolu». Concetti, questi, rafforzati dall’assessore dello Sport Tore Piredda: «Il Football Integrato sta avendo dei risultati grandiosi e ci sta insegnando che tutti possono giocare assieme senza distinzioni – ha dichiarato – spero di poter accogliere la Carovana anche il prossimo anno, e mi auguro che la permanenza degli atleti nel nostro paese sia piacevole». Presente anche l’assessore della Cultura Elena Cornalis: «Per il terzo anno nel nostro paese è protagonista il Football Integrato – dichiara – ringrazio i vertici Csen regionali perché credono tantissimo nei valori dello sport integrato. E’ bellissimo osservare quanto in campo si realizzi davvero una forte integrazione».

A “presentare” la spedizione, come sempre, il Responsabile Nazionale Ufficio Progetti Csen Andrea Bruni: «Non abbiamo ancora imparato il sardo, ma qui ci sentiamo a casa – ha esordito – Sennori ci sorprende sempre. Il coro delle voci bianche è coerente rispetto alla carica emotiva della Carovana. Lo sport è un gioco, ma stiamo cercando di declinarlo in modo tale che sia qualcosa di più. Siamo in un territorio che rappresenta un riferimento per le altre regioni e lavoriamo a una legge quadro su questo tipo di attività. In questi giorni, assieme al presidente Corgiolu, abbiamo ragionato sulla possibilità di costruire in Sardegna un camp estivo sul Football Integrato».

Una delle anime della tappa di Sennori sono stati i ragazzi dell’Istituto Galilei di Macomer, protagonisti dell’alternanza scuola-lavoro sotto la guida del dirigente scolastico Gavina Cappai: «La scuola è schierata dalla parte di chi affronta con qualche difficoltà la vita tutti i giorni – ha detto – investire nei giovani vuol dire cambiare la società. Ogni classe che accoglie uno studente diversamente abile cresce in modo diverso, perché impara a sostenere e ad avere una coscienza più matura. I ragazzi hanno mostrato grande disponibilità. Lo sport è un cemento che può avvicinare studenti normodotati e portatori di disabilità».

Importante anche l’intervento di Miloud Benamed, coordinatore quarto equipaggio: «Nel 2013, quando è nato il Football Integrato, non ci saremmo mai immaginati di arrivare a questo punto – ha sottolineato – l’obiettivo dello sport integrato è quello di realizzare l’inclusione, facendo in modo che non ci siano parti di società marginalizzate. Aprirsi al mondo della scuola è decisivo e rappresenta la base dalla quale partire in modo che un domani lo sport integrato rappresenti la normalità».

A chiudere il quadro degli interventi Marco Pecciarolo, consigliere Fisdir, che ha portato i saluti del presidente Marco Borzacchini: «La nostra federazione accoglie circa diecimila atleti che vivono un’attività sportiva normalizzata a tutti gli effetti. Il mondo paralimpico ha sposato in pieno Carovana dello Sport Integrato. Il presidente Pancalli sostiene che attività paralimpica costituisca buona parte di welfare italiano, e credo che abbia pienamente ragione».

Sabato mattina, nella palestra comunale di Sennori, gli atleti dell’Equipaggio 4 sono scesi in campo per una nuova, coinvolgente gara di Football Integrato. A prevalere, nella sfida tra Rossi e Blu, sono stati questi ultimi con il risultato di 9-8. Decisiva la prestazione di Fabrizio, giocatore di ruolo 2 particolarmente prolifico in occasione dei rigori sulle porte laterali.

A margine della gara l’Equipaggio ha potuto godere di un piacevole tour enogastronomico tra le prelibatezze offerte dal Nord Sardegna, con il torrone, in particolare, a farla da padrone.

In serata invece la delegazione sarda del settore Football Integrato si è riunita con il responsabile nazionale progetti CSEN Andrea Bruni nella sala consiliare del comune di Sennori per gettare le basi operative del primo campus estivo di sport integrato che si svolgerà a Stintino dal 23 al 29 settembre prossimo.

Subito dopo la visita nel paese l’Equipaggio 4 si è rimesso in marcia verso Porto Torres, dove si è imbarcato con destinazione Genova. La prossima tappa della Carovana si svolgerà, infatti, a Quiliano (provincia di Savona), dove già si preannuncia una nuova festa in nome dello sport integrato.

[bing_translator]

Sono aperte le iscrizioni al “Cagliari 1920 Summer Camp” che si svolgerà a Sennori, al campo sportivo “Basilio Canu”, dal 14 al 19 luglio 2019. L’evento gode del patrocinio del Comune di Sennori, è organizzato da Sardinia Sport Event e curato dalla Pro Loco di Sennori. Si tratta di cinque giorni dedicati ai bambini e ragazzi di età compresa fra i 5 e i 17 anni, che potranno usufruire di una vacanza all’insegna dello sport e dell’amicizia, e apprendere le tecniche calcistiche direttamente dagli insegnamenti dello staff del settore giovanile del Cagliari Calcio, istruttori altamente qualificati, affiancati dall’esperienza e la qualità̀ di ex giocatori rossoblù.

Al Summer Camp di Sennori, unica tappa del nord ovest Sardegna, saranno ammessi 80 partecipanti, e per i primi 30 iscritti residenti a Sennori, il Comune ha predisposto l’abbattimento dei costi di iscrizione dal 10 al 50%, in base al reddito familiare.

Il programma delle giornate prevede allenamenti con esercizi fisici e di tecnica di base, ma il Summer Camp sarà anche divertimento: un programma di animazione e giochi sempre nuovi intratterrà̀ i partecipanti durante tutta la giornata: tornei, gare e giochi di squadra permetteranno ai bambini di socializzare divertendosi insieme alternandoli a momenti di solo gioco e svago. Ci sarà anche un programma di allenamenti basato sul ruolo del portiere con coach altamente qualificati.

«Il Cagliari 1920 Summer Camp è un’occasione importante per i giovani calciatori e per l’intero panorama calcistico sennorese –commenta l’assessore allo Sport, Tore Piredda -. Non rappresenterà solo un esperienza a carattere formativo. I tornei, le gare, gli esercizi fisici e giochi di squadra sono studiati per insegnare il valore del lavoro di gruppo e della socializzazione conferendo al Camp un valore anche educativo.»

[bing_translator]

I big nazionali del biliardo sfidano i campioni sardi nel “1° Meeting regionale Città di Sennori” che si terrà dal 27 al 31 marzo al CSB Assi del Biliardo, di Antonio Secchi, in via Roma 7. Per tutta la settimana Sennori ospiterà i maggiori campioni della stecca, in una serie di sfide che culminerà nelle finali in programma domenica 31, dalle ore 10.00. Fra i tanti big del biliardo che si affronteranno sui panni verdi di via Roma, ci saranno Achille Mignolo, Salvatore Mannone, Gaetano Romeo, Carlo Diomajuta, Giovanni Triunfo, Pierluigi Sagnella, Giorgio Colombo, Diego Dimauro e Giovanni Cioffi. La manifestazione è organizzata con il patrocinio del Comune di Sennori.

«Siamo orgogliosi di accogliere una manifestazione così importante e tanti campioni nazionali che saranno ospitati in paese e potranno conoscere le bellezze del nostro territorio», commenta l’assessore allo Sport, Tore Piredda.

[bing_translator]

Si è concluso con una grande festa il 1° Campionato regionale CSEN di Football Integrato. L’ultima giornata di gare si è svolta venerdì a Sennori e ha visto trionfare la Sporty ASD APS di Oristano, che ha conquistato la vetta della classifica al termine di cinque turni di incontri. La giornata di venerdì ha fatto registrare altre due vittorie, annunciate direttamente dalla presidente nazionale dell’Associazione italiana Football Integrato, Leonina Benigni e dal presidente regionale, Francesco Corgiolu: Sennori è stata nominata Città italiana del Football integrato, e la Sardegna sarà candidata ufficialmente a ospitare i prossimi Campionati europei della nuova disciplina che unisce sport e integrazione sociale.

Il campionato, organizzato dal Comitato regionale Sardegna del CSEN, con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna, è il primo esempio in Italia di una nuova disciplina sportiva che consente la pratica dello sport ad atleti disabili e non disabili insieme, grazie a un regolamento ideato dal Centro Sportivo Educativo Nazionale e diffuso in Europa con il progetto europeo “La nuova frontiera dello sport per tutti”.

Lo sport integrato rappresenta la piena realizzazione del principio dell’inclusione: risulta un formidabile strumento per uscire dall’isolamento e dalla solitudine e un buon metodo per attivare o recuperare abilità fisiche e relazionali. Questa disciplina sportiva è stata ideata per permettere a persone con e senza disabilità di giocare nella stessa squadra, consentendo la partecipazione attiva al gioco di atleti, uomini e donne, con qualsiasi tipo di abilità e disabilità (fisica e/o mentale). Fianco a fianco, disabile e non disabile, gareggiano, ognuno con le proprie abilità, ad armi pari. Nella squadra il “peso” dell’atleta disabile è pari a quello di ogni altro atleta, grazie alla complementarità dei ruoli che valorizza la diversità delle condizioni fisiche, tecniche e intellettive. Tutto questo è possibile grazie a tre soluzioni tecniche previste dal regolamento:

1) I ruoli: ogni giocatore ha un ruolo definito dalle sue competenze motorie e si confronterà sportivamente con un avversario dello stesso livello; questi ruoli sono numerati da 1 a 5 e hanno regole proprie;

2) lo spazio: introduzione di porte laterali in aggiunta a quelle di fondocampo e zone protette previste per garantire il tiro nelle porte laterali;

3) il materiale: la possibilità di sostituzione della palla regolamentare con una palla di dimensione e peso ridotti in determinate situazioni di gioco.

Venerdì a Sennori, al termine delle partite, si è svolta la cerimonia di premiazione durante la quale i presidenti nazionale, Leonina Benigni, e regionale, Francesco Corgiolu, hanno premiato con coppa e medaglie non solo la squadra vincitrice del torneo, ma anche tutti i partecipanti, in piena linea con lo spirito di inclusione e coinvolgimento della manifestazione. Sono state quindi premiate le società Il Gabbiano Onlus ASD (Oristano), Associazione Aquile in sicurezza Onlus (Alghero), Gli Equilibristi Onlus ASD (San Giovanni Suergiu), Sporty ASD APS (Oristano), ASD Una ragione in più (Oristano), Special Team del Liceo “Galilei” (Macomer).

Alla premiazione ha partecipato anche il consigliere regionale Roberto Desini, e l’Amministrazione comunale di Sennori, con il sindaco, Nicola Sanna, il vice sindaco Mario Satta, gli assessori Tore Piredda, Maria Ladinetti, Elena Cornalis e Giovannino Mannu.

Questi i risultati dell’ultima giornata e la classifica finale del campionato:

Aquile Onlus – Una Ragione in più 19 a 6

Gli Equilibristi – Special Team 2 a 5

Il Gabbiano – Sporty 7 a 7

Classifica

  • Sporty 13
  • Il Gabbiano 11
  • Aquile Onlus 9
  • Special Team 6
  • Gli Equilibristi 4
  • Una ragione in più 0

[bing_translator]

Si è conclusa con successo la tre giorni di turismo e sport organizzata, a Sennori, dal Comitato provinciale di Sassari del CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale) per le finale nazionali Open Scacchi che nel fine settimana hanno portato in Sardegna i migliori scacchisti italiani. L’evento, coordinato dal CSEN con il patrocinio dell’assessorato al Turismo e allo Sport della Regione autonoma della Sardegna, dal comune di Sennori, e dall’Associazione Italiana Turismo Responsabile, ha assegnato i titoli nazionali: campione italiano assoluto CSEN Open Scacchi è Enrico Santilli di Ulassai; secondo classificato è il sassarese Giuseppe Ottavio Messina, terzo classificato Marco Medori di Roma.

Queste le classifiche finali delle varie categorie in gara:

Prima Categoria C.S.E.N

1° classificato Daniele Marta, 2° Ivano Perrazzini, 3° Yuri Sanna, 4° Emanuele Carulli.

Seconda Categoria C.S.E.N.

1° classificato Antonello Zicconi, 2° Paolo Andreozzi, 3° Tonino Pintauro, 4° Maurizio Leone.

Terza Categoria C.S.E.N.

1° classificato Valerio Piras, 2° Maria Cuccu, 3° Giuseppe Fanelli, 4° Michele Devilla.

Le premiazioni dei vincitori si sono svolte con la partecipazione sindaco di Sennori, Nicola Sassu, dall’assessore comunale allo Sport, Salvatore Piredda, dalla consigliera comunale con delega alla Cultura, Turismo e Archeologia, Elena Cornalis, del consigliere regionale Roberto Desini, la Giunta comunale, il responsabile nazionale C.S.E.N. dell’ufficio Progetti, Andrea Bruni, e il presidente C.S.E.N. Comitato Regionale Sardegna, Francesco Corgiolu. Ad allietare la manifestazione sono intervenuti la banda musicale Città di Sennori, il Coro delle Voci bianche, e figuranti con il costume tradizionale di Sennori.

All’inizio della manifestazione è stato distribuito materiale promozionale elaborato in collaborazione con l’Associazione Italiana Turismo Responsabile, con l’obiettivo di sostenere azioni di coinvolgimento tra i partecipanti all’evento, finalizzate a favorire un turismo sportivo responsabile, attento alle relazioni sociali verso la comunità locale di accoglienza, nel rispetto dell’ambiente e della cultura locale. Proprio la collaborazione fra AITR e CSEN si è rivelata vincente, come dichiarano il presidente AITR, Maurizio Davolio e il presidente nazionale CSEN, Francesco Proietti: «Il nobile gioco degli scacchi ben può combinarsi con un soggiorno di turismo culturale ispirato anche ai principi della sostenibilità. AITR insieme al C.S.E.N. ritiene che i turisti debbano godere di tutte le opportunità offerte dai luoghi in cui si trovano e in particolare, nel caso della Sardegna, possano conoscere la ricca storia locale, scoprire l’originale patrimonio naturalistico, la bellezza del paesaggio, i prodotti tipici, la cucina tradizionale e l’artigianato artistico autentico», precisano i responsabili delle due organizzazioni. «Quella appena svolta è stata una prima edizione di Finali Nazionali C.S.E.N. di scacchi, e ha avuto un risalto a livello nazionale. Lo sforzo da parte dell’ente è stato notevole ma ricambiato dagli attestati di stima e congratulazioni da parte di tutti i partecipanti», dichiara il presidente C.S.E.N. Comitato regionale Sardegna, Francesco Corgiolu; «Alla manifestazione  era presente Massimo Carconi, presidente della scuola popolare di scacchi di Roma che sempre insieme al C.S.E.N. dal 4 al 10 dicembre, sta organizzando un Festival al quale parteciperanno i migliori scacchisti del mondo. È indubbio che manifestazioni del genere si possano organizzare solo quando al proprio fianco c’è un’amministrazione comunale sensibile e propositiva, il supporto della Regione Autonoma della Sardegna e dell’A.S.D. Demifesi Scacchi di Sassari – conclude Corgiolu. -. È stata una grande manifestazione, ringraziamo il CSEN per l’organizzazione di questo evento che ci ha consentito di far conoscere il nostro territorio e, con l’apporto di alcuni imprenditori, le migliori produzioni artigianali ed enogastronomiche locali», commentano Elena Cornalis, consigliera comunale con delega alla Cultura, Turismo e Archeologia, e l’assessore allo Sport, Tore Piredda; «abbiamo colto l’occasione per far visitare  e conoscere ai turisti le domus de janas di Sennori come testimonianza dell’archeologia del territorio e le tenute Dettori come esempio dell’imprenditorialità e delle produzioni locali».

open-scacchi-sennori