17 May, 2022
HomeIndustriaCarbosulcisL’assessore dell’Industria Anita Pili ha visitato oggi la Carbosulcis, accompagnata dall’on. Fabio Usai e dal nuovo Amministratore della società Francesco Lippi.

L’assessore dell’Industria Anita Pili ha visitato oggi la Carbosulcis, accompagnata dall’on. Fabio Usai e dal nuovo Amministratore della società Francesco Lippi.

[bing_translator]

L’assessore regionale dell’Industria Anita Pili ha visitato oggi la Carbosulcis, accompagnata dal consigliere regionale del Partito Sardo d’Azione Fabio Usai e dal nuovo Amministratore della società Francesco Lippi.
«Il sito di Nuraxi Figus – hanno spiegato l’assessore Anita Pili e l’on. Fabio Usai -, ha tutte le carte in regola per diventare un polo tecnologico d’avanguardia e l’esempio virtuoso di come un sito produttivo nato nel tempo per specifiche ragioni possa essere riconvertito con successo garantendo nuove ed importanti opportunità di sviluppo economico-occupazionali. Dal progetto ARIA, portato avanti con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, per la produzione, tramite una torre per la distillazione criogenica, di isotopi stabili arricchiti ad altissima purezza da utilizzare poi nelle sperimentazioni nel laboratorio del INFN nel “Gran Sasso”, fino a quello per la lisciviazione del carbone per produrre fertilizzanti e disinquinanti ecologici e al più noto “Spirulina” per la coltivazione dell’alga azzurra “Arthrospira Platensis” comunemente conosciuta come Spirulina e ormai ampiamente utilizzata nel pianeta a livello alimentare e medico per i suoi grandi benefici a favore del sistema nervoso e immunitario, hanno ricordato i due esponenti della maggioranza regionale, sono numerose ormai le prospettive concrete per la riconversione reale del sito.»

In particolare il progetto ARIA va avanti da tempo con il pieno coinvolgimento di diversi tecnici della miniera che offre le sue infrastrutture. Secondo il consigliere regionale Fabio Usai, «il vero punto di forza della Carbosulcis, oltre all’evidente caratterizzazione strutturale, infrastrutturale, geografica, climatica e geologica che si presta concretamente a progetti di questo tipo è la grande qualità del suo capitale umano che ha già dimostrato di essere all’altezza delle sfide proposte confrontandosi con i migliori tecnici e studiosi provenienti da altre parti del Paese».

Il concetto è stato ribadito a più riprese dall’assessore Anita Pili che ha spiegato come «la ricchezza del sito minerario in dismissione, ossia la vera forza del territorio e dunque della Sardegna, è rappresentata proprio dagli uomini e dalle donne, ingegneri, tecnici e operai della miniera, che hanno acquisito esperienza e professionalità elevate e che per questo non vanno disperse ma anzi devono essere valorizzate facendo tutto il necessario affinché progetti come quelli in corso o ancora da avviare, siano portati a compimento».

«Il Sulcis Iglesiente ha finalmente una grande opportunità storica che è quella, grazie anche ai progetti in cantiere nel sito di Nuraxi Figus, di diversificare la propria economia e di puntare massicciamente sull’innovazione tecnologica, vera frontiera dello sviluppo futuro (in realtà ormai presente), in linea con quanto già affermato anche dal Presidente Solinas che recentemente ha parlato dell’isola immaginandola un domani come la “Sardinia Valley” della tecnologia e quindi capace, al pari di quella famosa sita in California negli USA, di attrarre importanti investimenti e di essere a sua volta strategico volano di sviluppo, crescita, occupazione, know how, ricerca e quindi ricchezza per un’intera nazione. Per questo motivo – hanno concluso l’assessore Anita Pili ed il consigliere Fabio Usai – è necessario scommettere sulla Carbosulcis andando oltre il piano di dismissione a suo tempo varato e in via di applicazione.»

Ieri pomeriggio i ca
Il Consiglio regiona

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT