23 June, 2021
Home2021Aprile (Page 20)

La scomparsa di Maria Marongiu rappresenta una grande e dolorosa perdita non solo per la politica ma per l’intera comunità di Carbonia e dell’intero territorio. Già assessore comunale, vice sindaco ma anche dirigente del Partito Democratico, ricordo la passione e l’impegno per affrontare le problematiche che si presentavano sia sul piano istituzionale  sia su quello politico.  Una passione, senso del dovere e voglia di dare sostegno e supporto a chi si trovava in difficoltà o comunque chiedeva aiuto, che non sono mancate neppure una volta terminati gli incarichi. Passione e partecipazione che si è trasformata anche in insegnamento. Per questo motivo sento, anche a nome di tutto il Partito Democratico, il dovere di stringerci ai familiari per ricordare la grande figura di Maria Marongiu.

Emanuele Cani

I carabinieri di Sant’Antioco hanno arrestato in flagranza di reato B.F., un 19enne, incensurato indiziato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri lo tenevano sotto controllo da un po’ di tempo e ieri sono passati all’azione. Nella circostanza di ieri, il giovane, sottoposto a perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso cinque buste contenenti complessivamente 832 grammi di marijuana in boccioli essiccati, una bustina in cellophane, contenente gr. 9 di marijuana; 6 piante di marijuana, del peso complessivo di gr. 876, altezza media 60-80 cm;  diverso materiale per la coltivazione della marijuana; due bilancini elettronici di precisione; una serra artigianale completa di accessori per la coltivazione della marijuana (deumidificatori, ventilatori, tubi per l’areazione, lampade alogene); una macchina termosaldante per buste di plastica;  somma di denaro in contante e suddivisa in piccolo taglio pari ad € 1.055,00.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, considerata la propria attuale condizione d’incensurato, la giovane età e dei suoi problemi fisici, è stato posto in libertà, in attesa di processo. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

 

«Il Just Transition Fund, il piano di finanziamenti europei destinati alla transizione “green” verso produzioni sostenibili ed alla riconversione delle realtà industriali in crisi, per il quale in Italia sono state individuate le aree di Taranto e del Sulcis Iglesiente, attualmente gestito dall’assessorato dell’Industria, continua a seguire un iter troppo lento e macchinoso, questo non consente di rispettare i tempi e le finalità del piano stesso.»

Lo scrive, in una nota, Daniele Reginali, segretario provinciale del Partito democratico del Sulcis Iglesiente.

«Alla luce delle risorse disponibili, è di fondamentale importanza e urgenza garantire trasparenza e partecipazione, con il contributo delle realtà produttive, del mondo del lavoro e delle rappresentanze
sindacali, per definire i piani territoriali e stabilire i progetti da presentare conclude Daniele Reginali -. Per questo motivo sarebbe importante che la cabina di regia di questo processo venisse direttamente gestita dal CRP, che ha gli strumenti per seguire questo tipo di processo e dare organicità ai progetti e al percorso che ci permetterà di reperire ingenti risorse.»

Hansel Cristian Cabiddu, sindaco di Gonnesa, questa sera ha raccontato la sua esperienza con il Covid-19, in un post pubblicato nel suo profilo Facebook.
«Dopo una settimana di ospedale sono rientrato a Gonnesa. Sono stati sette giorni duri nei quali ho provato personalmente cosa significa avere il Covid e le sue conseguenze. Rientro a casa con metà percorso fatto e con altrettanto da fare. Poteva andare molto peggio. E se così peggio non è andata è grazie a mio fratello Francesco Floris che con la sua professionalità e tempestività ha impedito che la polmonite bilaterale interstiziale che ho contratto non mi bruciasse i polmoni facendomi immediatamente ricoverare scortato dalla nostra eccellente So.Sa.Go.
Se così peggio non è andata è grazie al personale medico e paramedico dell’unità covid del Santissima Trinità che dal pronto soccorso in poi ha fatto in modo che rispondessi alle terapie arginando un quadro clinico compromesso. Tra loro vorrei ringraziare il dott. Lombardini che con immenso spirito di sacrificio e dedizione combatte quotidianamente una battaglia con pochi strumenti. Insieme a lui tutto il personale, uomini e donne, molti dei quali di questo territorio, che con grande professionalità e umanità mi hanno seguito. Chi arriva al Santissima Trinità è in ottime mani. Vorrei ringraziare anche tutte quelle persone che sono state vicine a me e ai miei affetti più cari e che in questo momento complicato con una telefonata, con un messaggio o con un pensiero, mi hanno dato la forza per affrontare questi durissimi giorni passati in ospedale. Amici di una vita, colleghi sindaci, conoscenti e tantissimi cittadini comuni mi hanno mandato messaggi di incoraggiamento e di pronta guarigione. È questo lato umano che traccia le differenze e ti dà la forza di combattere un virus strisciante come questo. Non sono ancora guarito e il piano terapeutico che mi porto a casa, sotto il controllo telematico dell’ospedale, è abbastanza complesso e robusto e mi terrà ancora lontano dalla quotidianità.»
«Sentivo però il dovere di ringraziarviha concluso Hansel Cristian Cabidduper l’affetto dimostrato con la forza e la volontà di tornare presto alla normalità. Grazie.»

Porto Flavia e Masua in diretta streaming grazie alla tecnologia di AirCam.
Due piccole telecamere, chiamate Ip Cam, faranno conoscere al mondo il patrimonio del Sulcis, con le sue bellezze che si affacciano sul mare. L’installazione è già avvenuta, e dalla mattina di domenica 11 aprile basta un semplice click per controllare in diretta le condizioni del mare, o conoscere cosa può offrire il territorio del Sulcis.
Si parte dal sito internet www.aircam.io, ma è disponibile anche un’applicazione che offre non solo la diretta live di alta qualità, ma anche una vetrina dove troveranno spazio i servizi e le attività dedicate alle offerte dal territorio sulcitano, come la prenotazione delle visite guidate nel sito minerario di Porto Flavia.
«Un’importante occasione di promozione culturale e turistica, in grado di aprire una finestra su uno dei siti più interessanti del nostro territorio, dove le bellezze naturali incontrano l’ingegno umano in un colpo d’occhio che lascia senza fiatodice il sindaco Mauro Usai -. Siamo impegnati in un’opera di valorizzazione che vuole garantire un futuro al nostro territorio, aprendolo al mondo nell’ottica di un turismo di esperienza, che faccia della cultura, della storia, delle tradizioni e del rispetto per l’ambiente i suoi aspetti principali.»
«In un periodo in cui l’incertezza sanitaria ci impone restrizioni tali da limitare i nostri spostamenti spiega l’assessore all’Informatizzazione del comune di Iglesias Francesco Melisabbiamo deciso di continuare a far conoscere il nostro territorio attraverso la tecnologia, un sistema che ci consente di raggiungere anche le persone che si trovano dall’altra parte del mondo e potrebbero scegliere di trascorrere le vacanze a Iglesias. Puntiamo sull’innovazione per promuovere il nostro turismo in vista dell’estate.»
L’utilità. AirCam, progetto nato dall’idea di un ingegnere cagliaritano, Gianluca Mirasola, è un sistema utile non solo per attrarre il turismo nell’Isola (per adesso le cam sono tre, una al Poetto e due a Iglesias), ma anche per verificare le condizioni del mare per gli amanti di tutti gli sport acquatici.
«Non solo precisa l’assessore Francesco Melisanche semplicemente per una mamma con un bambino piccolo che prima di arrivare a Masua e Porto Flavia può capire attraverso le cam se il mare è mosso o meno.»

La stagione dell’impegno amministrativo di Maria Marongiu è un esempio di buona politica. Solidarietà e bontà d’animo verso i cittadini e le cittadine in maggiore difficoltà, intelligenza e tenacia nell’impegno, disinteresse personale, sono stati i tratti salienti della sua attività politica, come vicesindaco e come sindaco della città di Carbonia. Per queste sue doti è stata apprezzata dalla Città, riscuotendo la fiducia anche di chi era politicamente lontano. La sua cultura politica, quella del solidarismo cattolico, e il suo modo di essere, mi hanno insegnato molto. Le sono sinceramente riconoscente. Penso che lo sia la Città nel suo insieme, perché Maria ha ben operato e ha effettivamente amato il prossimo.

Tore Cherchi

Carbonia ed il Sulcis piangono la scomparsa di Maria Marongiu, stroncata da un male incurabile all’età di 69 anni. Docente di Chimica all’Istituto tecnico, da sempre impegnata nel sociale, Maria Marongiu nel 2006 ha iniziato il suo impegno politico-amministrativo, chiamata da Salvatore Cherchi, rieletto sindaco di Carbonia, a ricoprire l’incarico di assessore delle Politiche sociali e di vicesindaco. Nel 2010, ad un anno dalla conclusione della consiliatura, quando Salvatore Cherchi accettò la candidatura a presidente della provincia di Carbonia Iglesias (poi eletto), lasciò la carica di Sindaco a Maria Marongiu, che la ricoprì fino alla prima finestra elettorale utile, che sarebbe stata la Primavera 2011, in pratica alla scadenza naturale del mandato quinquennale.

Nella primavera 2011 Maria Marongiu si candidò alle primarie del Partito democratico per la scelta del candidato alla carica di Sindaco della coalizione di centrosinistra, senza fortuna, e accettò poi la candidatura alla carica di consigliere comunale, nella lista capeggiata dal candidato sindaco Giuseppe Casti, vincitore delle Primarie, risultando eletta. Il neo sindaco le accordò ancora fiducia, confermandole la doppia delega di assessore delle Politiche sociali e di vicesindaco, che Maria Marongiu portò avanti fino alla conclusione della consiliatura. Nel 2016, candidata nuovamente alla carica di consigliere comunale nella lista del Partito democratico, non venne eletta.

Conclusa, almeno temporaneamente, l’esperienza amministrativa, durata 10 anni, Maria Marongiu non ha mai interrotto il proprio impegno, sia all’interno del Partito democratico, eletta segretaria dell’Unione cittadina di Carbonia, sia nel sociale, ricoprendo tra l’altro, l’incarico di vicedirettrice della Caritas diocesana.

Il 25 ottobre 2020, Maria Marongiu ha perso l’amato marito, Tullio Liggi, stroncato anch’egli da un male incurabile, all’età di 69 anni.

La scomparsa di Maria Marongiu lascia un grande vuoto nel mondo politico cittadino e territoriale e, ancora più, nel mondo dell’associazionismo e del volontariato, al quale, per diversi decenni, ha dedicato un impegno totale.

Maria Marongiu lascia i figli Mauro e Sara, ai quali rivolgo sentite condoglianze.

Giampaolo Cirronis

Il capogruppo dei Riformatori sardi nel Consiglio comunale di Iglesias, Valentina Pistis, ha presentato un’interpellanza al sindaco, Mauro Usai, sul centro cottura della struttura “Casa Serena”, ormai da qualche mese non più adibita a ricovero per anziani.

«Considerato che l’Amministrazione comunale in più occasioni, anche per voce del Sindaco, ha espresso la volontà di dismettere la struttura “Casa Serena” anche eventualmente vendendola a privati o impiegandola per altri fini scrive nell’interpellanza Valentina Pistis -. Ricordo che vi era anche un’interlocuzione con AREA per creare nuovi alloggi, vista la carenza in città e interpello il Sindaco o l’assessore competente per materia al fine di conoscere secondo quali criteri l’Amministrazione comunale con determina dirigenziale n. 743 del 23.03.2021 ha dato inizio alla “procedura aperta per l’affidamento della concessione in gestione dei locali, delle attrezzature, dei magazzini e parte dell’area esterna del centro di cottura ubicato ad Iglesias nel Corso Colombo, n. 90, presso l’ex struttura per anziani Casa Serena. Integrazione bando di gara, estensione tempi di pubblicazione con posticipazione dei termini per la presentazione delle offerte”; se tale procedura, si è conclusa, se si come o se è stata annullata e per quale motivo.»

«A poche settimane dall’inizio della stagione balneare, nonostante il perdurare dell’emergenza sanitaria, vogliamo garantire a cittadini e turisti un’estate in sicurezza nelle spiagge e nel mare della Sardegna. Con lo stanziamento di oltre 1 milione di euro possiamo assicurare la fruibilità degli arenili e delle acque prospicienti grazie alla predisposizione degli interventi di salvamento e dei programmi di previsione e prevenzione del rischio balneare.»

Lo ha detto il presidente della Regione, Christian Solinas, dopo l’approvazione della delibera che, per la stagione balneare 2021, ha programmato le risorse finanziarie da assegnare ai Comuni costieri: 1.006.211 euro.

A dicembre 2020 è stato istituito il Tavolo tecnico per l’elaborazione del ‘Piano regionale di Protezione civile multirischio’: «Un importante strumento di pianificazioneha aggiunto l’assessore della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, con la delega in materia di Protezione civileche, sulla base del quadro normativo in materia e della situazione attuale della fascia costiera e delle attività instaurate, consentirà di valutare l’indice di rischio connesso alla balneazione per ciascun Comune costiero, in base ad alcuni parametri, tra cui il numero di interventi di salvamento a mare, la mortalità, la presenza di stabilimenti balneari nelle vicinanze. In attesa dell’approvazione del Piano, i fondi verranno ripartiti per incentivare l’istituzione di adeguati presidi balneari sui litorali fruibili dell’Isola. Questi presidi di sicurezza potranno garantire l’accesso sicuro ai litorali, salvaguardando anche l’indotto economico che riguarda i territori costieri isolani».

Le domande dovranno essere trasmesse dai Comuni alla Protezione civile entro il 30 aprile.

Sono 307 i nuovi casi di positività al Covid-19 accertati nelle ultime 24 ore in Sardegna, su 31.964 test eseguiti, per una percentuale dello 0,96%. Salgono a 49.416 i casi di positività dall’inizio dell’emergenza. In totale sono stati eseguiti 1.099.640 tamponi.

Si registrano 12 nuovi decessi (1.277 in tutto). Sono 341 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+6), 55 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 16.842 e i guariti sono complessivamente 30.901 (+150).

Sul territorio, dei 49.416 casi positivi complessivamente accertati, 12.603 (+80) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 7.516 (+28) nel Sud Sardegna, 4.296 (+60) a Oristano, 9.778 (+23) a Nuoro, 15.223 (+116) a Sassari.