24 September, 2021
HomePosts Tagged "Carla Cuccu" (Page 2)

[bing_translator]

La consigliera regionale del M5S Carla Cuccu ha presentato una proposta di legge finalizzata a «disciplinare e dirimere i rapporti conflittuali e/o ostruzionistici all’interno del gruppo consiliare che pregiudicano il democratico e regolare svolgimento dell’attività istituzionale». La proposta di legge prevede modifiche alla legge regionale numero 2 del 9 gennaio 2014, sulla “Razionalizzazione e contenimento della spesa relativa al funzionamento degli organi statutari della Regione”.

«La mia iniziativaspiega Carla Cuccuvuole evitare che, così come accaduto in questa legislatura – un partito di appartenenza impedisca a uno dei suoi componenti il sacrosanto diritto di avere un collaboratore di sua fiducia per portare avanti le sue attività consiliari nel migliore dei modi.»

I quattro articoli prevedono tra le altre, modifiche che riguardano, rispettivamente, gli articoli 8 e 9, sul funzionamento e sul personale dei gruppi consiliari.

«È un mio dovere portare avanti questa battaglia democratica per vedere tutelato anche chi viene messo ai margini dal proprio gruppo di appartenenza politica conclude Carla Cuccu -. Spero che il Governatore Solinas ascolti il mio appello, accogliendo la mia proposta di legge, che non comporta nessun nuovo onere al bilancio regionale.»

[bing_translator]

La consigliera regionale e segretaria della Commissione Sanità e politiche sociali del Movimento Cinque Stelle, Carla Cuccu, ha presentato una nuova interrogazione al presidente della Regione, Christian Solinas, e all’assessore della Sanità, Mario Nieddu.

«Sono venuta a conoscenzadice Carla Cuccuche la mattina del 19 ottobre, in un messaggio di posta elettronica, la Direzione del POU Carbonia-Iglesias ha comunicato con decorrenza immediata e fino a nuova comunicazione, la sospensione delle attività chirurgiche e ambulatoriali. Un’altra mail, invece, che sarebbe stata spedita la sera dello stesso giorno, firmata dal Sostituto Direttore Medico POU Carbonia-Iglesias, comunicava l’annullamento della precedente disposizione, da considerarsi priva di effetto in quanto spedita in errata corrige per mero errore materiale.»

«Una situazione che ha scatenato l’allarme di pazienti, personale sanitario e cittadini del territorio, ma che non ha spento le criticheaggiunge Carla Cuccu -. Mi chiedo come sia stato possibile inviare una mail con tale contenuto per errore. Non vorrei che questo fosse il preludio a una nuova chiusura dei servizi sanitari approfittando di questo periodo di emergenza legato alla diffusione del Coronavirus che parrebbe, oramai, l’unica patologia meritevole di cura ed assistenzaconclude Carla Cuccu -. Chiedo, e insieme a me tanti cittadini, risposte certe da parte della Regione.»

[bing_translator]

La consigliera regionale e segretaria della commissione Sanità e Politiche sociali Carla Cuccu (M5S) ha presentato un’interrogazione con richiesta di risposta scritta, sulle misure poste in essere per fronteggiare la recrudescenza del virus SARS-CoV-2 nel territorio del Sulcis Iglesiente.

Carla Cuccu chiede «se abbiano avuto avvio gli atti necessari a rendere operativo il Presidio Ospedaliero Santa Barbara di Iglesias per l’assistenza ai pazienti affetti da Sars-CoV-2 e la tempistica necessaria; se il laboratorio del Presidio Ospedaliero Sirai di Carbonia stia procedendo a processare i tamponi nasofaringei, nonché se l’attività di diagnostica molecolare per SARS-CoV-2 sia stata avviata a pieno regime» e, infine «se, presso il Sirai di Carbonia ed il CTO di Iglesias si stia procedendo regolarmente ad effettuare i tamponi ai pazienti che necessitano di ospedalizzazione per ricoveri programmati e al personale di rientro dalle ferie».

[bing_translator]

La consigliera regionale e segretaria della commissione Sanità e Politiche sociali del Movimento Cinque Stelle, Carla Cuccu, ha presentato un’interrogazione al governatore, Christian Solinas, e all’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, sulla chiusura alle visite dei parenti agli ospiti delle Rsa.

«A mio modo di vedere – ha sottolineato Carla Cuccu – ritengo questa misura eccessiva visto e considerato che alcune Rsa, già dopo la riapertura alle visite, si erano dotate di tutti gli strumenti necessari, tra cui gli igienizzanti per le mani, il termoscanner per la misurazione della temperatura, l’installazione di barriere in plexiglass e l’uso della mascherina, per garantire il colloquio tra ospite e parenti in totale sicurezza».

Una situazione che riguarda anche il Sud Sardegna«Molte persone – ha concluso Carla Cuccu – mi hanno segnalato tutto il loro disagio e disappuntoAuspico che questa decisione venga rivista al più presto per non creare una sorta di muro divisorio tra gli ospiti e i loro familiari».

[bing_translator]

L’on. Carla Cuccu, consigliera regionale e segretaria della commissione Sanità e Politiche sociali del Movimento Cinque Stelle, ha presentato una nuova interrogazione al governatore, Christian Solinas, e all’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, sulla condizione dei servizi sanitari a Calasetta, dove attualmente sono in servizio due medici e un sostituto pediatra. 

«Sono molto preoccupata per queste gravi carenze – ha dichiarato Carla Cuccu -. Una serie di problematiche già segnalate dalla sindaca, Claudia Mura, che ha già manifestato a chi di dovere le lamentele e le perplessità dei cittadini. Il pericolo è quello di vedere, ancora una volta, depotenziati o addirittura chiusi, i servizi essenziali per il territorio del Sulcis Iglesiente.»

A pagarne le conseguenze sarebbe, soprattutto, la fascia più debole della popolazione: bambini e anziani. «Chiedo al presidente Solinas e all’assessore Nieddu – ha concluso Carla Cuccu – che vengano immediatamente nominati un medico di medicina generale e un pediatra e, così come proposto dalla stessa prima cittadina, di effettuare, a rotazione, la sperimentazione di un servizio territoriale infermieristico nei Comuni del Sulcis Iglesiente per garantire la riapertura delle sale prelievi e degli ambulatori per le prestazioni specialistiche.»

[bing_translator]

La carenza di personale sanitario negli ospedali sardi è il tema al centro dell’interrogazione presentata dalla consigliera regionale e segretaria della commissione Sanità e Politiche sociali del Movimento Cinque Stelle del Movimento Cinque Stelle, Carla Cuccu, al presidente della Regione, Christian Solinas, e all’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu.

Tra i reparti in maggior difficoltà, per via della mancanza di personale – sottolinea Carla Cuccu -, Anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore, Chirurgia generale, Ginecologia e ostretricia, Igiene e medicina preventiva, Malattie dell’apparato cardiovascolare, Malattie dell’apparato respiratorio, Malattie infettive e tropicali, Medicina di emergenza ed urgenza, Medicina interna, Microbiologia e virologia, Nefrologia, Neurologia, Neuropsichiatria infantile, Ortopedia e traumatologia, Patologia clinica e biochimica clinica, Pediatria, Psichiatria, Radiodiagnostica e Radioterapia.

«Non capisco il perché – spiega Carla Cuccu – la Regione non metta in atto le azioni le azioni necessarie per la formazione di medici specialisti. Leggiamo da più parti di carenze di personale medico e infermieristico nei vari presidi ospedalieri della Sardegna, con reparti ormai al collasso».

Il disagio è dovuto anche al fatto del ritardo di 12 mesi dell’anno accademico delle scuole di specializzazione. «Se si ha veramente a cuore la salute dei cittadini – conclude Carla Cuccu – si prenda in considerazione l’assegnazione di contratti aggiuntivi regionali di formazione specialistica medica anche ad altri atenei o ad altre strutture accreditate, associate, parificate e riconosciute per la stipula dei contratti di formazione specialistica.»

[bing_translator]

La consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Carla Cuccu ha presentato una nuova interrogazione al Governatore, Christian Solinas, e all’assessora regionale all’Industria, Anita Pili.

Carla Cuccu chiede di sapere se la società ha già posto in essere un piano di chiusura degli oltre cinquanta siti minerari che ha in custodia. «Ci sono delle indicazioni ben precise che Igea ha ricevuto e che devono essere completate in uno o due anni – dice Carla Cuccu -. Esiste un piano industriale approvato dalla scorsa Giunta regionale, più precisamente nell’agosto del 2018, con cui devono essere messe in atto le bonifiche necessarie, specie quelle in ambito minerario.»

Molti di questi siti si trovano nelle zone dell’Iglesiente, dell’Arburese e del Guspinese e potrebbero essere di importanza strategica, una volta bonificati e valorizzati, per il settore turistico ed economico.

«Il presidente Solinas e l’assessora Pili – conclude Carla Cuccu – comunichino, in maniera celere, se la Igea stia attuando quanto previsto dal piano industriale e, in caso di risposta affermativa, se stia rispettando la tempistica concordata».

[bing_translator]

La consigliera regionale e segretaria della commissione Sanità del Movimento Cinque Stelle, Carla Cuccu, ha presentato un’interrogazione al governatore, Christian Solinas, e all’assessore regionale dealla Sanità, Mario Nieddu, sulla difficile reperibilità dei dispositivi di protezione individuale.

«Ancora una volta ci troviamo di fronte alla difficoltà, da parte dei presidi ospedalieri sardi, di approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuale – ha dichiarato Carla Cuccu -. Una situazione che non deve essere assolutamente sottovalutata visto e considerato l’aumento dei contagi da Covid-19 che si è registrato in questi ultimi giorni nell’isola.»

Già lo scorso maggio, Carla Cuccu presentò un’interrogazione, senza risposta, in cui denunciava la non idoneità dei Dpi (guanti monouso) per alcuni operatori in quanto erano di misura inferiore o superiore a quella necessaria o, addirittura, realizzati con un materiale che causava allergie.

«La Regione conclude Carla Cuccunon deve farsi trovare impreparata ad un’eventuale nuova ondata. Christian Solinas e Mario Nieddu si attivino immediatamente affinché ospedali, Rsa, centri diurni, centri di riabilitazione, case protette e case di riposo vengano dotati al più presto del quantitativo necessario di Dpi necessari per garantire la sicurezza di dipendenti e pazienti.»

[bing_translator]

«Sono lieta di comunicare ai miei sostenitori, ma anche ai (pochi) detrattori che mi contrastano per interessi personali, che a seguito del reclamo da me proposto avverso il provvedimento di sospensione, il Comitato di Garanzia del M5S ha fatto decadere la sanzione non confermandola nei previsti termini statutari. Con essa è decaduto l’intero procedimento disciplinare a mio carico.»

Lo scrive, in una nota, Carla Cuccu, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle.

«Preciso, per i meno informati, che il provvedimento disciplinare non era neanche provvisoriamente esecutivoaggiunge Carla Cuccu -. Ringrazio il M5S per questa equa soluzione e rinnovo l’esortazione a tutti i sostenitori del Movimento a lavorare uniti per il bene comune della Sardegna e
per rafforzare  l’azione di attuazione del programma del M5S.»

«Con gli amici avvocati, tra cui Patrizio Rovelli, stiamo valutando le azioni da esperire in tutela della mia dignità personale, professionale e politica. E per comprendere come mai persone esterne al Collegio dei probiviri, e segnatamente la capogruppo in Consiglio regionale della Sardegna conclude Carla Cuccu -, abbiano potuto avere conoscenza del provvedimento collegiale e per quale motivo ne abbiano dato notizia alla stampa, stante il divieto di divulgazione per previsione statutaria degli atti interni.»

[bing_translator]

La consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle, Carla Cuccu, ha presentato un’interrogazione al presidente della Regione, Christian Solinas, e all’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Lampis, per avere delucidazioni sui lavori di restauro di “Villa Pertusola”, sede del Parco Geominerario storico e ambientale della Sardegna, che, secondo quanto trapelato dalla stampa, sarà trasferita provvisoriamente da Iglesias a Carbonia.
«Sarebbe il caso di capire se la Regione sia stata informata sulle modalità e sulla tempistica di esecuzione dei lavori da parte Consorzio del Parcoha sottolineato Carla Cuccu -. C’è il pericolo che la decisione di spostare provvisoriamente la sede da Iglesias a Carbonia possa poi diventare definitiva. Non capisco la necessità di questa scelta visto e considerato che, secondo quanto deliberato dalla Giunta comunale di Iglesias, sono stati messi a disposizione del parco Villa Boldetti, Villa Monteverdi e Villa Bellavista.»
«Una situazione davvero intollerabile e che lascia davvero perplessiha concluso Carla Cuccu -. Senza contare il fatto che i dipendenti saranno costretti ad effettuare trasferte giornaliere, con un aggravio di costi non indifferente.»
Antonio Caria