16 August, 2022
HomePosts Tagged "Francesca Arrius"

[bing_translator]

Sarà presentato sabato 18 luglio, alle 19.30, nella sala del Circolo Soci Euralcoop, in Piazza Marmilla, a Carbonia, il primo romanzo di Emiliano Deiana “La morte si nasconde negli orologi”, edito da Maxottantotto. Dialogherà con l’autore e modererà gli interventi, la giornalista Francesca Arrius.

«Ethan aveva diciassette anni. Aveva sempre avuto diciassette anni, per la verità. E li avrebbe avuti per sempre. Non c’è una spiegazione per questa faccenda. È così e basta. Non resta che crederci.»

“La morte si nasconde negli orologi” è una storia inventata ma, allo stesso tempo, vicina e reale, è una storia ambientata in un tempo sospeso, in un’America rurale che Emiliano Deiana descrive da un punto di vista femminile, con animo gentile e cuore da poeta. Femminile come il suo personaggio principale, Ruth, arrivata nel paese di Turmac con il treno. Il destino di Ruth si incrocia con quello degli altri personaggi, ognuno con proprie particolarità ben descritte e che emergono chiare dal racconto, al punto da averne quasi viva e presente l’immagine.

I temi del tempo e della morte, sono raccontati in modo fluido e ogni pagina del libro è un invito ad andare avanti con la lettura, intrisa di fantasia ma anche di importanti riferimenti, cari all’autore.

Emiliano Deiana, sindaco di Bortigiadas e presidente dell’Anci Sardegna, è al suo secondo libro. Il primo, “Bar sport democratico” non era un romanzo, ma un racconto ironico sulle caratteristiche dei personaggi legati al mondo della politica del centro sinistra.

[bing_translator]

Domani, mercoledì 7 agosto, ore 21.30, all’Anfiteatro di Piazza Marmilla si svolgerà l’evento “DanSing: i Re della Musica”, il Gran Galà della Danza organizzato dalla Magalenha RoDance dei maestri Roberto Paulesu e Romina Deidda, con il patrocinio del comune di Carbonia e la collaborazione della Pro Loco.

Lo spettacolo si inserisce nel contesto della manifestazione “Nottinsieme” e si articola in danze latino-americane, danze standard, danze freestyle, danze artistiche, coreografiche e show (coppia, duo, solo e gruppi).

Ogni performance presenterà un tema specifico, con coreografie, musiche e abiti studiati ad hoc. A danzare saranno complessivamente circa 120 ballerini di varie età, dai 3 anni in su.

Sul palco dell’Anfiteatro di piazza Marmilla si esibiranno numerosi atleti della scuola Magalenha RoDance, reduci da una stagione agonistica costellata di successi nel Campionato italiano svoltosi recentemente a Rimini.

Alla scuola Magalenha RoDance – affiliata alla F.I.D.S. (Federazione Italiana Danza Sportiva) – appartengono ballerini che gareggiano nella classe più alta delle danze latino-americane in Italia, la Classe A Special, e nella Classe Master, la massima espressione della danza professionistica sportiva nel nostro Paese.

Presenterà la serata la giornalista di Canale 40 Francesca Arrius.

[bing_translator]

Domani, venerdì 24 agosto, dalle ore 21.30, all’Anfiteatro di Piazza Marmilla si svolgerà la “Disney Dancing Story”, il “Gran Galà della Danza”, uno spettacolo organizzato dalla Magalenha RoDance dei maestri Roberto Paulesu e Romina Deidda, con il patrocinio e il contributo del comune di Carbonia. Lo spettacolo si articola in danze latino-americane, danze standard, danze freestyle, danze artistiche, coreografiche e show (coppia, duo, solo e gruppi).
Ogni esibizione presenterà un tema specifico, con musiche e abiti studiati ad hoc. A danzare sul palco saranno complessivamente circa 100 ballerini di varie età, dai 3 anni in su.
«Assisteremo a uno spettacolo intergenerazionale che saprà trasmettere emozioni a grandi e piccini con coreografie di alto livello nella splendida cornice dell’Anfiteatro di piazza Marmilla», ha detto il sindaco Paola Massidda.
Alla scuola Magalenha RoDance – affiliata alla F.I.D.S. (Federazione Italiana Danza Sportiva) – appartengono atleti che gareggiano nella classe più alta delle danze latino-americane in Italia, la Classe A Special, e nella Classe Master, la massima espressione della danza professionistica sportiva nel nostro Paese.
Presenterà la serata, la giornalista Francesca Arrius.

[bing_translator]

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10215975527048950/?notif_id=1520464740156603&notif_t=feedback_reaction_generic

Grande omaggio domenica 4 marzo al Teatro Centrale di Carbonia, con lo spettacolo musicale dedicato al grande cantautore Lucio Battisti, a quasi vent’anni dalla sua prematura scomparsa (il 5 marzo 2018 avrebbe compiuto 75 anni, essendo nato il 5 marzo 1943 a Poggio Bustone).

L’evento, organizzato da Sergio Etzi, è stato presentato da Francesca Arrius.

Passo dopo passo, sul palco, ha preso vita, attraverso un viaggio musicale, la carriera di uno stimatissimo artista, nonché emblema di quegli anni in cui, per diventare famosi, bisognava ancora fare una lunga “gavetta”.

Sin dalle prime canzoni, il pubblico ha subito manifestato una grande voglia di cantare e di battere le mani a ritmo, tornando indietro nel passato ed accarezzando così ancora una volta ricordi di gioventù, ancorati strettamente al cuore.

Con la band “Emozioni Battisti”, formata da Maurizio Palla alla batteria, Marcello Cardia al basso, Pino Montalbano e Paolo Loi alle chitarre, Daniel Meloni ed Erica Loi alle voci, ha cantato alcuni pezzi anche Susy Pintus, una cara amica di Lucio e di suo padre, con cui ha vissuto sino al 2008, anno in cui è scomparso. Questa sua convivenza con il padre del cantante le ha dato modo di conoscere alcuni aneddoti legati alla sua vita sin da quando era piccolo e già sognava di cantare.

Durante la serata proprio Susy ci ha fatto sorridere e a tratti commuovere, con la lettura di tre lettere scritte da Lucio, una per Natale dedicata ai suoi genitori quando aveva solo 8 anni, le altre due indirizzate alla mamma quando, un po’ più grande, cominciava ad assaporare qualche successo ed ancora ignorava, quanto poi sarebbe volato in alto con le sue canzoni, con le sue poesie musicate.

Una scelta difficile, visto il ricco repertorio da cui sono stati tratti brani che hanno fatto vibrare il cuore come “I giardini di marzo” una dolce dichiarazione d’amore, “E penso a te” una conferma d’amore sconfinato, “Mi ritorni in mente” un amore impossibile da dimenticare e che farà per sempre parte di un sogno, “Emozioni” tutte quelle sensazioni che si agitano nell’animo umano, “Io vorrei…non vorrei…ma se vuoi” i ricordi che non consolano e tanti altri, dalla melodia incantevole, ora decisa, ora morbida e delicata.

Le tematiche delle sue canzoni, per lo più di natura amorosa in cui dolore, rammarico e disperazione, senso di vuoto e solitudine sono ricorrenti, gli regalano un’immagine di “cantore dell’amore” immortalando per sempre i suoi pezzi dall’immenso valore artistico, che rimarranno per sempre impressi nella memoria collettiva.

Una discografia, testimone del Novecento musicale italiano, che ci farà ancora sognare per chissà quanti altri decenni.

Nadia Pische

                                                                        

 

                    

[bing_translator]

Libro ADDIO

 

Martedì 30 agosto, a partire dalle 18.30, nel piazzale della Camera del Lavoro, in via Partigiani 26, a Carbonia, verrà presentato “Addio”libro “reportage” sul tema del Lavoro del Sulcis Iglesiente, di Angelo Ferracuti.

Considerati i temi, le numerosissime testimonianze riportate e la convinzione dell’autore sul fatto che «libri come questo non hanno un principio e una fine», proveremo a ragionare insieme sulla narrazione di questo capitolo e su come vorremmo fosse la chiusura del prossimo.

La serata, coordinata dalla Giornalista Francesca Arrius, proseguirà con un momento di socializzazione con degustazione di prodotti locali e la musica del trio jazz The Three Tones.

La presentazione è organizzata dalla Camera del Lavoro del Sulcis Iglesiente, in collaborazione con la Libreria Lilith, Liberos, Entula,

Convegno Punta Torretta 3 copia

Sabato 27 settembre 2014, dalle ore 16.00 alle ore 19.00, presso #Punta Torretta, in località Medau Su Rei, alla periferia di Carbonia, è in programma il 4° incontro-confronto dal titolo: “Green economy la via da seguire per un futuro pulito, le nuove energie”, organizzato dall’Associazione di Volontariato #Onlus Carbonia Gruppo Comunità via Marconi, con il patrocinio del comune di Carbonia.

L’incontro sarà coordinato dalla giornalista Francesca Arrius e interverranno come relatori: Stefania Aoi, giornalista, Giampaolo Sestu, Volontario Comunità di via Marconi ed Alberto Medda, ingegnere civile.

In caso di mal tempo l’incontro si terrà presso la sede centrale della Comunità in via Marconi 65 a Carbonia.

Per informazioni: Gruppo Comunità via Marconi – e-mail: gruppocomunita97@tiscali.it – tel: 0781 660787 – fax: 0781 807846.

Ballerini 1 Elisa Cuccu Magalenha manifesto

E’ in programma venerdì 23 agosto (ore 22.00) all’anfiteatro di piazza Marmilla di Carbonia, l’ultima tappa del Gran Galà della Danza, organizzato dalla scuola di ballo Magalenha Ro Dance dei maestri professionisti Roberto Paulesu e Romina Deidda.

Il tour di sei tappe, come ogni anno ha toccato diversi paesi del Sulcis, partendo da Portoscuso per arrivare a Teulada, attraverso Masainas, Tratalias e San Giovanni Suergiu (sede principale della scuola di ballo).

C’è attesa per lo spettacolo di Carbonia che riscuote ogni anno un grande successo tra il pubblico e venerdì sarà presentato da Francesca Arrius. La precedente edizione ha fatto registrare, infatti, circa duemila presenze all’anfiteatro di via Manno.

La scuola, che conta numerosi atleti, tra i quali Matteo Bernardini, campione regionale di assolo nello show dance e già aspirante allievo della scuola di “Amici”, propone diverse discipline che spaziano dal latino-americano al caraibico, passando per le danze argentine, synchro, show dance e zumba, grazie alle diverse qualifiche ottenute dai maestri Roberto e Romina, unica coppia della Provincia ad aver acquisito per merito la classe Internazionale; la più alta riconosciuta dalla Federazione Italiana della danza sportiva e abilitati inoltre per essere giudici di gara per tutte le discipline nelle gare nazionali.

Una vera e propria eccellenza in fatto di sport per il territorio sulcitano che anche quest’anno ha inserito nella scaletta dello spettacolo un musical, questa volta ispirato a un classico Disney: “Il Gobbo di Notre Dame”.

Tutto rigorosamente made in Sulcis. La maggior parte degli abiti di scena indossati dai ballerini infatti, sono confezionati a San Giovanni Suergiu da Nisa Dance di Daniela Corrias.

I corsi di ballo, aperti a tutti, partono dai tre anni di età in sù e riprenderanno dal primo ottobre.

Lo spettacolo rientra nel cartellone delle manifestazioni estive “Estiamoinsieme” a cura dell’assessorato allo Sport e spettacolo del Comune di Carbonia.

Il Nuevo Tango Ensemble di Pasquale Stafano, Gianni Iorio e Pierluigi Balducci.

Pasquale Stafano.

Pasquale Stafano.

Gianni Iorio.

Gianni Iorio al bandoneon.

Pierluigi Balducci.

Pierluigi Balducci.

Il pubblico della tappa di Calasetta.

Il pubblico della tappa di Calasetta di “Carignano Music Experience 2013”.

Gianni Iorio.

Gianni Iorio al bandoneon.

Francesca Arrius intervista Antonio Vigo ed Enrico Cera.

Francesca Arrius intervista Antonio Vigo ed Enrico Cera.

Gianni Iorio e Pierluigi Balducci.

Gianni Iorio e Pierluigi Balducci.

Gianni Iorio e Pierluigi Balducci.

Gianni Iorio e Pierluigi Balducci.

 

 

Altro successo questa sera a Calasetta, per la seconda tappa del “Carignano Music Experience 2013″, la manifestazione organizzata e promossa dall’Assessorato al Turismo della Provincia di Carbonia Iglesias e dall’Associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis, in collaborazione con l’Associazione Anton Stadler, le cinque cantine vitivinicole del Sulcis produttrici di Carignano: 6Mura, Calasetta, Mesa, Santadi, Sardus Pater, e i Comuni di Calasetta, Santadi, Sant’Antioco, San Giovanni Suergiu e Sant’Anna Arresi.

In apertura di serata Francesca Arrius ha intervistato il sindaco di Calasetta, Antonio Vigo, ed il presidente della Cantina di Calasetta, Enrico Cera, già commissario nel periodo più difficile vissuto negli anni scorsi. Antonio Vigo ha sottolineato l’importanza di “Carignano Music Experience” per la promozione del Carignano e del territorio e lo sviluppo avuto dalla Cantina di Calasetta con la rassegna organizzata dalla Provincia di Carbonia Iglesias e dall’associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis.

Il programma preparato dal direttore artistico Fabio Furia, ha proposto il concerto del Nuevo Tango Ensemble, trio nato nel 1999 che, partendo da un’ammirazione profonda per la musica argentina, ha costruito nel tempo una sua identità ben riconoscibile, in cui confluiscono la lezione del nuevo tango, una sensibilità melodica tutta italiana e una concezione autenticamente jazzistica della performance. La musica del grande compositore argentino Astor Piazzolla, che aveva sangue pugliese come i tre musicisti, è stata assimilata, metabolizzata e distillata in una nuova sintesi, da Gianni Iorio al bandoneon, Pasquale Stafano al pianoforte e Pierluigi Balducci alla chitarra, il tango nuevo ed il jazz che i tre musicisti hanno sempre amato, tra la riconoscibile e orgogliosa italianità delle loro melodie e l’improvvisazione che fa di ogni loro concerto un evento irripetibile.

Al termine del concerto, i circa 600 spettatori presenti hanno potuto degustare il Carignano del Sulcis DOC prodotto dalla Cantina di Calasetta, accompagnato da un piatto di gnocchetti della tradizione culinaria locale presentato magistralmente dallo chef d’eccezione Achille Pinna.

Il prossimo appuntamento è previsto domenica 28 luglio a San Giovanni Suergiu, nel borgo di Is Loccis Santus, con Jazz & Fado “Franca masu Ensemble”

Franca Masu – voce;

Alessandro Girotto – voce e chitarra;

Oscar Del Barba – fisarmonica e pianoforte;

Salvatore Maltana – contrabbasso;

L’algherese Franca Masu è l’esponente più internazionale della lingua e della antica cultura catalana in Sardegna. Oltre alle sfumature jazzistiche miscelate alla caratteristica sonorità mediterranea del suo canto, la Masu mostra anche una speciale predilezione per il Fado e la musica iberica in generale, nella cui interpretazione si rivela una delle migliori in Italia. Accompagnata dal suo quintetto propone uno spettacolo che richiama le tradizioni della Sardegna con suggestioni mediterranee, superando talvolta gli stessi confini europei e sconfinando nella world music.