21 January, 2022
HomePosts Tagged "Pasquale Lazzaro"

La Verde Isola di Carloforte, capolista del girone A del campionato di Prima Categoria, è scatenata sul mercato. Oggi la società guidata dal presidente Giuseppe Buzzo ha annunciato il tesseramento di due attaccanti di grande esperienza, un lusso per la categoria: Devid Pinna e Stefano Demontis. Entrambi classe 1988, con il loro arrivo rendono ancora più competitivo l’organico a disposizione del tecnico Pasquale Lazzaro che con 24 punti, frutto di 7 vittorie, 3 pareggi e 1 sola sconfitta, guida la classifica con 2 punti di vantaggio sulla coppia formata da Cus Cagliari e Gialeto 1909 (entrambe hanno una partita da recuperare), e 3 su altre tre squadre: Città di Selargius 1991, Sestu e Capoterra. Al settimo posto, con 15 punti, c’è l’Antiochense che da quando è stata affidata al tecnico Cristian Serra, ha cambiato marcia, lasciando l’ultimo posto a 0 punti, infilando cinque vittorie consecutive (e con una partita da recuperare).

La Verde Isola con i nuovi arrivati vuole imporre la qualità del suo organico, per centrare l’obiettivo della “Promozione”.

Nella foto di copertina il presidente Giuseppe Buzzo ed il tecnico Pasquale Lazzaro.

 

 

[bing_translator]

La San Marco Assemini ’80 ha superato il Carloforte con il punteggio di 2 a 1 ed ha conquistato il terzo posto nella Coppa Primavera, mini torneo tra le seconde e le terze classificate dei due gironi del campionato di Promozione regionale, valida per la definizione della graduatoria in vista di un eventuale ripescaggio. La partita è stata disputata allo stadio Comunale di Villamassargia.

Carloforte-San Marco Assemini 80 1-2

Carloforte: Grosso, Marongiu, Arrais, Napoli, Recano, Granara (dal 22’ st Pintus), Leone (dal 22’ st D’Arco), Uccheddu, Iesu, Bodano, Lazzaro. A disposizione: Milia, Sanna, Madeddu, Pelinga, Pancotto. Allenatore: Pasquale Lazzaro.

San Marco: Muccione, S. Tosi (1’ st Meloni), Sogore, Dinaro, Porcu, Sirigu, Cordeddu (dal 32’ st Nenna), Littera (dal 19’ st M. Tosi), Farci (14’ st Pintus), Barry Alseni, Fanni. A disposizione: Cocco, Nieddu, Pilleri. Allenatore: Massimiliano Pani.

Reti: 27’ pt Farci (SM), 7’ st Porcu (SM), 15’ st Leone (C).

Arbitro: Gatta di Sassari (assistenti di linea Secchi di Sassari e Melis di Cagliari).

Ammoniti: 31’ pt Iesu (C), 17’ st Leone (C), 41’ st Recano (C).

Le due squadre hanno concluso così la loro stagione, entrambe deluse, perché alla vigilia del campionato puntavano apertamente al salto di categoria, al quale puntano ancora l’Ossese ed il Bosa che domani pomeriggio si troveranno di fronte sul campo del Centro Federale “Tino Carta” di Sa Rodia, a Oristano, per il primo ed il secondo posto. La partita avrà inizio alle ore 17.00, sotto la direzione di Stefano Selva di Alghero (assistenti di linea Mauro Ignazio Cordeddu di Cagliari e Francesco Serusi di Oristano).

[bing_translator]

Sarà l’ultima giornata a decidere la lotta per la promozione diretta e per l’accesso alla “Coppa Primavera”, valida per la definizione della graduatoria in vista di possibili ripescaggi, nel girone A del campionato di Promozione regionale. La capolista Arbus e la prima inseguitrice San Marco Assemini ’80 hanno vinto in trasferta, rispettivamente per 1 a 0 a Carloforte (goal di Guglielmo Falciani al 91′) e per 2 a 1 sul campo del La Palma Monte Urpinu (doppietta di Silvio Fanni, il primo goal su rigore), e rimangono divise da 3 punti. Domenica prossima all’Arbus di Nicola Agus sarà sufficiente un pari nel match casalingo con il Selargius, per spegnere il sogno della San Marco Assemini ’80 di Massimiliano Pani che ha fatto una grande rimonta finale, ma anche in caso di vittoria sul Sant’Elena Quartu, sarebbe costretta a disputare la Coppa Primavera con la terza classificata. Al momento al terzo posto c’è il Carloforte, grazie ai confronti diretti favorevoli con il L Palma che ha i suoi stessi punti. Domenica prossima il Carloforte giocherà a Bari Sardo (oggi sconfitto 8 a 2 sul campo del Seulo 2010 e già retrocesso matematicamente), il La Palma Monte Urpinu sul campo dell’Idolo (oggi vittoriosa a Gonnosfanadiga per 1 a 0).

Il Carbonia di Andrea Marongiu è stato sconfitto di misura sul campo del Selargius, 1 a 0, e indipendentemente da come finirà l’ultima partita, in programma al Comunale “Carlo Zoboli” contro il pericolante Gonnosfanadiga, chiuderà il campionato al 7° posto.

Sugli altri campi, il Sant’Elena Quartu ha superato l’Arborea 2 a 1, l’Andromeda ha avuto la meglio per 2 a 0 sul Quartu 2000 ed il Vecchio Borgo Sant’Elia, infine, ha violato il campo del Siliqua, con il punteggio di 2 a 1.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, il Villamassargia festeggia la “Promozione”, con una giornata di anticipo sulla conclusione del campionato. La squadra di Giampaolo Murru ha espugnato il campo dell’Atletico Villaperuccio con il minimo scarto, 1 a 0, ed ha portato a cinque punti il suo vantaggio sulla grande rivale Monteponi, fermata sul pari, con il pirotecnico punteggio di 4 a 4, sul campo del pericolante Atletico Masainas. Per la squadra di Walter Poncellini non resta ora che sperare in un ripescaggio per tornarein Promozione, categoria indubbiamente più rispondente al blasone rossoblu.

Sugli altri campi, tanti goal a Villacidro, con la Villacidrese vittoriosa per 3 a 2 sul Cortoghiana; a Samassi, dove la Gioventù Sportiva ha travolto il fanalino di coda Domusnovas Junior Santos per 7 a 0; e a Sarroch, dove la squadra di casa ha superato la Libertas Barumini con il punteggio di 5 a 0.

La Fermassenti ha pareggiato 1 a 1 l’anticipo di ieri sul campo della Virtus Villamar, il Pula ha superato l’Atletico Narcao per 1 a 0 e il Villanovafranca, infine, ha espugnato il campo del Senorbì, 2 a 1.

Nicola Agus, tecnico dell’Arbus.

 

[bing_translator]

Il Carloforte ha fermato sul pari la capolista La Palma Monte Urpinu ma la contemporanea vittoria dell’Arbus sul campo del Gonnosfanadiga ha fatto scivolare la squadra tabarchina a 9 punti dalla vetta della classifica, a sette giornate dalla conclusione del campionato ed alla vigilia della lunga sosta (si tornerà in campo l’8 aprile). La lotta per il primo posto sembra ormai ristretta a tre squadre: la capolista Arbus che guida con 50 punti, davanti alla coppia formata da La Palma Monte Urpinu e San Marco Assemini ’80 (quest’ultima tornata alla vittoria per 3 a 0 sul Quartu 2000, all’esordio di Massimiliano Pani in panchina), appaiate a quota 48. Il Carloforte è quarto, con 41 punti.

Alle spalle della squadra di Pasquale Lazzaro ci sono l’Arborea, sconfitto per 2 a 1 a Selargius, ed il Carbonia di Andrea Marongiu che ha travolto il Bari Sardo con un pesante 4 a 0 (reti di Cristian Mameli, Lorenzo Loi, Fabio Mastino e Claudio Cogotti) ed ha agganciato al sesto posto il Seulo 2010, travolto sul campo del Sant’Elena per 4 a 1.

Sugli altri campi, l’Andromeda ha superato di misura il Siliqua per 2 a 1, mentre è finita in parità, 2 a 2, Idolo e Vecchio Borgo Sant’Elia.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, il match clou del Monteponi di Iglesias ha registrato la vittoria del Villamassargia di Giampaolo Murru che ha bissato il successo del girone d’andata e completato l’operazione sorpasso. Le due squadre sono ora divise da un solo punto, margine risicato ma preziosissimo a sette giornate dalla conclusione del campionato.

In una giornata ancora ricca di goal, la Virtus Villamar ha superato il Cortoghiana per 4 a 3; l’Atletico Villaperuccio ha vinto 3 a 2 a Pula; la Fermassenti ha piegato di misura, 2 a 1, il Villanovafranca; l’Atletico Masainas ha vinto il derby casalingo con l’Atletico Narcao, 2 a 0; la Villacidrese ha vinto sul campo della Gioventù Sportiva Samassi, 1 a 0; parità tra Gioventù Sarroch e Senorbì, 3 a 3, e tra Domusnovas Junior Santos e Libertas Barumini, 1 a 1.

[bing_translator]

Il girone A del campionato di Promozione da questo pomeriggio ha due nuove squadre in vetta alla classifica. Il pesante ko subito dalla San Marco Assemini ’80 sul campo del Vecchio Borgo Sant’Elia, 3 a 1, e le contemporanee vittorie di misura per 1 a 0 conquistate dall’Arbus sul Carbonia e dal La Palma Monte Urpinu sul campo del Seulo 2010, hanno determinato il sorpasso in vetta alla classifica. La Palma ed Arbus hanno ora due punti di vantaggio sulla squadra di Paolo Ledda.

Il risultato più clamoroso della giornata è sicuramente quello maturato al Comunale Nuovo Puggioni di Carloforte, dove la squadra del giovane tecnico Pasquale Lazzaro è stata travolta per 3 a 0 dal Gonnosfanadiga, formazione che lotta per la salvezza, dopo questa clamorosa vittoria terz’ultima con 21 punti. Il Carloforte scivola a 7 punti dalla vetta, con 40 punti, al quarto posto insieme all’Arborea.

Il ko di Arbus interrompe la serie positiva del Carbonia che conserva comunque la settima posizione, sempre a tre lunghezze dal Seulo 2010 ed ora tre punti avanti al Selargius che ha espugnato il campo dell’Andromeda, con il punteggio di 2 a 0.

Sugli altri campi, l’Arborea ha espugnato il campo del Quartu 2000 per 3 a 1, il Siliqua ha superato il Sant’Elena per 1 a 0 e l’Idolo ha fatto bottino pieno a Bari Sardo, 1 a 0.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, distanze immutate al vertice tra la Monteponi, passata con il largo punteggio di 5 a 2 a Narcao, ed il Villamassargia, impostosi per 3 a 0 sul Pula.

La giornata è stata ricchissima di goal, complessivamente 37 in 8 partite. Il Cortoghiana la liquidato il Domusnovas Junior Santos con un tennistico 6 a 1; il Villanovafranca ha superato per 3 a 1 una Libertas Barumini sempre più in difficoltà (capolista con 23 punti alla 10ª giornata, ha messo insieme solo 11 punti nelle successive 12 giornate, scivolando al sesto posto, a ben 15 lunghezze dalla capolista Monteponi). L’Atletico Villaperuccio ha superato l’Atletico Masainas per 4 a 1; la Villacidrese s’è imposta sulla Fermassenti per 3 a 0; la Gioventù Sarroch ha battuto la Gioventà Sportiva Samassi per 2 a 0; è terminata in parità, 3 a 3, infine, Senorbì – Virtus Villamar.

 

 

[bing_translator]

Alessio Lintas e Momo Konatè (Carbonia) festeggiano il goal partita nel match casalingo con l’Arbus del 5 novembre 2017.

Il campionato di Promozione regionale entra oggi nella fase decisiva con le partite della 7ª giornata del girone di ritorno.  Quattro le squadre in corsa per il primo posto che porta in Eccellenza: la San Marco Assemini ’80, capolista con un punto di vantaggio sulla coppia Arbus-La Palma Monte Urpinu e 5 sul Carloforte.

La San Marco Assemini ’80 gioca sul campo del Vecchio Borgo Sant’Elia, formazione assetata di punti per allontanarsi dalla zona calda. La partita più attesa è quella che metterà di fronte l’Arbus di Nicola Agus al Carbonia di Andrea Marongiu (dirige Andrea Senes di Cagliari, assistenti di linea Fabrizio Murru di Cagliari ed Andrea Papalini di Nuoro). Le due squadre si affrontano per la quarta volta in questa stagione, dopo i due scontri del secondo turno di Coppa Italia e la partita del girone d’andata in campionato. E, come è avvenuto sette giorni fa con il Carloforte, il bilancio è favorevole al Carbonia che ha superato il secondo turno di Coppa Italia pareggiando 0 a 0 in casa e vincendo largamente per 4 a 0 in trasferta, ed ha vinto in campionato al “Carlo Zoboli” con un goal di Alessio Lintas.

Il La Palma Monte Urpinu rischia sul campo del ritrovato Seulo 2010, mentre il Carloforte ospita il Gonnosfanadiga (dirige Mattia Farci di Carbonia, assistenti di linea Riccardo Pazzona di Cagliari e Mauro Masia di Sassari). La squadra di Pasquale Lazzaro ha interrotto con una vittoria (in casa con l’Idolo di Arzana) e un pareggio esterno (con il Carbonia) la serie negativa di tre sconfitte consecutive che l’aveva fatta precipitare al quarto posto a sette punti dalla vetta, e deve assolutamente allungare la striscia positiva con una vittoria, per tenere la posizione e, possibilmente migliorarla, in caso di passi falsi delle tre squadre che lo precedono in classifica.

Sugli altri campi, si giocano Andromeda-Selargius, Bari Sardo-Idolo, Quartu 2000-Arborea e Siliqua-Sant’Elena Quartu.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, la capolista Monteponi Iglesias di Walter Poncellini gioca il derby sul campo dell’Atletico Narcao, mentre la prima inseguitrice, il Villamassargia di Giampaolo Murru ospita il Pula. Altri due derby tra Cortoghiana-Domusnovas Junior Santos ed Atletico Villaperuccio-Atletico Masainas. La Fermassenti gioca sul campo della Villacidrese.

Completano il programma della settima giornata del girone di ritorno, le partite Gioventù Sarroch-Gioventù Sportiva Samassi e Senorbì-Virtus Villamar.

 

 

[bing_translator]

Il derby del Sulcis tra Carbonia e Carloforte, disputato sul manto erboso dello stadio comunale di Villaperuccio, è terminato in parità: 1 a 1. I due goal che hanno fissato il risultato, sono arrivati nell’arco di poco più di tre minuti, a metà della ripresa. A passare in vantaggio è stato il Carloforte che, poco dopo essere rimasto in 10 uomini per l’espulsione di Pierluigi Achenza, resosi responsabile di eccessive proteste dopo un’azione contestata al centro del campo, ha sviluppato una splendida azione con Giacomo Sanna sulla fascia destra, sul cui cross millimetrico Nicola Lazzaro ha svettato di testa in area, infilando imparabilmente la sfera all’angolino basso alla destra di Daniele Bove. Subito dopo Pasquale Lazzaro ha tolto dal campo Giacomo Sanna e lo ha sostituito con Daniele Pilosu, il bomber di Sant’Antioco non ha gradito la sostituzione ed ha abbandonato il campo visibilmente contrariato, tanto che il giovane tecnico lo ha raggiunto mentre guadagnava la strada dello spogliatoio, lo ha convinto a tornare indietro ma la tensione è rimasta. Alla ripresa del gioco, il Carbonia ha conquistato un calcio di punizione da favorevole posizione, a circa 25 metri dalla porta difesa da Antonio Grosso e Marco Foddi, il migliore in campo, ha calciato con forza e precisione, sorprendendo il portiere tabarchino.

La partita, a quel punto, non ha offerto più grandi emozioni e l’1 a 1 non è più stato messo in discussione.

Il primo tempo, pur non bello, aveva offerto alcune emozioni, con un quasi goal del Carbonia (il pallone, sugli sviluppi di un calcio di punizione, è stato salvato sulla linea da un difensore a portiere battuto) ed altre due occasioni per la squadra mineraria; un palo di Giacomo Sanna ed un goal annullato allo stesso centravanti rossoblu, con forti proteste dei calciatori ospiti.

Il pari sta abbastanza bene al Carbonia che, ancora una volta, ha pagato lo scarso peso offensivo, meno bene al Carloforte che ha mancato una grande occasione per riavvicinarsi alla vetta della classifica, nella giornata in cui la capolista San Marco Assemini ’80 ha pareggiato la seconda partita consecutiva, in casa contro il Bari Sardo che lo ha costretto anche a rimontare un goal per evitare la sconfitta. Ad approfittare della frenata della squadra di Paolo Ledda sono state le prime due inseguitrici, Arbus e La Palma Monte Urpinu, vittoriose rispettivamente sul campo dell’Arbus per 2 a 1 e in casa con il Siliqua per 1 a 0, ancora appaiate al secondo posto, ora a un solo punto dalla vetta, Il Carloforte resta al quarto posto, distanziato di cinque lunghezze dalla capolista San Marco Assemini ’80.

Quello odierno era il quarto ed ultimo derby stagionale tra Carbonia e Carloforte. Il bilancio è nettamente favorevole al Carbonia, con due vittorie (una in Coppa Italia con qualificazione al secondo turno, una in campionato, nel girone d’andata) e due pareggi (uno nel match di ritorno di Coppa Italia, uno oggi in campionato).

Sugli altri campi, il Sant’Elena (avversario del Carbonia mercoledì pomeriggio a Quartu, nella gara di andata della semifinale di Coppa Italia) ha superato l’Andromeda per 2 a 0; il Seulo 2010 ha espugnato il campo del Gonnosfanadiga per 2 a 0; l’Arborea ha superato il Vecchio Borgo Sant’Elia con il largo punteggio di 4 a 2; Selargius e Quartu 2000, infine, hanno pareggiato 0 a 0.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, resta immutata la distanza di due punti tra la capolista Monteponi e la prima inseguitrice Villamassargia, entrambe vittoriose. La Monteponi ha superato il Cortoghiana con il punteggio di 2 a 0; il Villamassargia ha espugnato il campo della Libertas Barumini, quarta in classifica, con il punteggio tennistico di 6 a 1.

La Gioventù Sportiva Samassi ha superato di misura l’Atletico Villaperuccio per 3 a 2; il Villanovafranca ha espugnato il campo del Domusnovas Junior Santos con il largo punteggio di 5 a 0; l’Atletico Masainas ha superato il Sernorbì in un importante scontro salvezza il Senorbì per 2 a 0; la Virtus Villamar ha avuto la meglio sulla Villacidrese per 3 a 1; parità, infine, tra Fermassenti ed Atletico Narcao (0 a 0) e tra Pula e Gioventù Sarroch (2 a 2).

[bing_translator]

Lo stadio Comunale di Villaperuccio ospita domenica pomeriggio, alle 15.00, il derby del Sulcis tra Carbonia e Carloforte (dirigerà Federico Isu di Cagliari, assistenti di linea Michel Melis di Cagliari e Filippo Noschese di Oristano), per la sesta giornata di ritorno del girone A del campionato di Promozione regionale. E’ la quarta volta dall’inizio della stagione che le due squadre si affrontano ed il bilancio è nettamente favorevole alla squadra di Andrea Marongiu che ha vinto due volte e pareggiato nella terza occasione. Il confronto tra le due squadre è iniziato nel primo turno eliminatorio della Coppa Italia, che ha visto la qualificazione del Carbonia (ancora in corsa e attesa mercoledì 7 marzo dalla gara di andata di semifinale con il Sant’Elena Quartu, in trasferta; il ritorno il 21 marzo a campo invertito), grazie alla vittoria per 3 a 2 maturata a Villamassargia (poi tramutata in 3 a 0 dal giudice sportivo a seguito del ricorso presentato dal Carbonia per la posizione irregolare del calciatore rossoblu Gianluca Recano, accolto dal giudice sportivo) ed il pareggio per 1 a 1 nel ritorno a Carloforte; ed è proseguito in campionato a Carloforte, dove il Carbonia s’è imposto nettamente per 2 a 0.

Nel Carloforte, che per la prima volta in stagione avrà in panchina il giovane tecnico Pasquale Lazzaro, domani pomeriggio, potrebbe fare il suo esordio l’ultimo acquisto, l’ennesimo di questa stagione, il difensore laterale Nicola Marongiu, classe 1984, ex di turno, tornato a Carloforte a distanza di tre anni, dopo un’esperienza lavorativa, da ingegnere, in Australia.

La capolista San Marco Assemini ’80 ospita il Bari Sardo, mentre le prime due inseguitrici, Arbus e La Palma Monte Urpinu, giocano rispettivamente sul campo dell’Idolo ad Arzana e in casa contro il Siliqua. Completano il programma della giornata le partite Arborea-Vecchio Borgo Sant’Elia, Gonnosfanadiga-Seulo 2010, Sant’Elena-Andromeda e, infine, Selargius-Quartu 2000.

Nicola Marongiu.

La sesta giornata di ritorno del girone B del campionato di Prima categoria, propone due derby del Sulcis Iglesiente, tra Monteponi e Cortoghiana, Fermassenti ed Atletico Narcao. La capolista deve vincere se vuole avere la certezza di conservare il primo posto, in quanto domenica scorsa la prima inseguitrice, il Villamassargia, ha dimezzato il ritardo in classifica, da 4 a 2 punti. I ragazzi di Giampaolo Murru domani giocheranno sul campo della Libertas Barumini, formazione in calo dopo un avvio di stagione esplosivo che l’aveva lanciata in vetta alla classifica (dopo la decima giornata, con 23 punti, era sola in testa con 23 punti, 3 in più di Monteponi, Villamassargia e Gioventù Sportiva Samassi; da allora, nelle successive 10 giornate, iniziate con la sconfitta sul campo della Monteponi per 2 a 0, ha messo insieme solo 11 punti). La Fermassenti deve confermare la recente crescita (due vittorie, entrambe per 3 a 2, nelle ultime due giornate, rispettivamente in casa con il Senorbì e sul campo dell’Atletico Villaperuccio del capocannoniere Federico Trogu, già oltre 30 reti in stagione). L’Atletico Narcao ha bisogno di punti per tirarsi fuori dalla zona calda della classifica (3 punti nelle ultime quattro giornate, frutto di tre pareggi ed una sconfitta).

Completano il programma della giornata, le partite Gioventù Sportiva Samassi-Atletico Villaperuccio, Atletico Masainas-Senorbì, Domusnovas Junior Santos-Villanovafranca, Pula-Gioventù-Sarroch e, infine, Virtus Villamar-Villacidrese.

 

[bing_translator]

Un goal di Mattia Bodano ha dato la vittoria al Carloforte contro l’Idolo di Arzana nella quinta giornata di ritorno del girone A del campionato di Promozione. La squadra di Pasquale Lazzaro ha interrotto così la serie di tre sconfitte consecutive ed ha ridotto da 7 a 5 lunghezze il ritardo dalla capolista San Marco Assemini ’80 che ha pareggiato senza goal il big match con l’Arbus, e a 2 quello sulla coppia Arbus-La Palma Monte Urpinu che occupa la seconda posizione.  Per il resto la classifica è rimasta pressoché immutata, in conseguenza di ben 5 pareggi nelle 8 partite disputate, con soli 10 goal realizzati. Le altre due vittorie, entrambe esterne e di misura, le hanno conquistate il La Palma Monte Urpinu sul campo dell’Andromeda a Siurgus Donigala, 1 a 0, e il Gonnosfanadiga a Siliqua, 2 a 1.

Il Carbonia ha strappato un prezioso pari a Villanovatulo, sul campo del Seulo 2010, una delle formazioni più in forma di questo scorcio di stagione (10 punti nelle ultime 5 giornate). La squadra di Andrea Marongiu ha confermato una grande affidabilità difensiva e, allo stesso tempo, difficoltà in chiave offensiva. Il pari lascia inalterata la posizione delle due squadre, divise da un solo punto (il Seulo 2010 è 6°, il Carbonia 7°).

Sugli altri campi, tre pareggi con l’identico punteggio di 1 a 1, tra Bari Sardo ed Arborea, Vecchio Borgo Sant’Elia e Quartu 2000 e, infine, tra Sant’Elena Quartu e Selargius.

Nel girone B del campionato di 1ª categoria, il pari della capolista Monteponi a Senorbì, 2 a 2, e la contemporanea netta vittoria del Villamassargia a Cortoghiana, 5 a 0, hanno ridotto a due punti il divario tra le due squadre in vetta alla classifica e rende la corsa verso la promozione diretta incerta e ricca di interesse. La quinta giornata del girone di ritorno ha registrato la vittoria della Fermassenti nel derby di Villaperuccio, 3 a 2; due pareggi per 1 a 1 tra Gioventù Sportiva Samassi ed Atletico Masainas, Atletico Narcao e Libertas Barumini; larghe vittorie della Gioventù Sarroch sulla Virtus Villamar, 6 a 1, e della Villacidrese sul Domusnovas Junior Santos, 6 a 2; vittoria di misura ma con tanti goal, 4 a 3, per il Villanovafranca sul Pula.

Complessivamente sono stati messi a segno 40 goal in 8 partite, alla media di 5 a partita.

[bing_translator]

La capolista San Marco Assemini ’80 si è aggiudicata il big match interno con il Carloforte con un goal realizzato da Davide Farci al 30′ del primo tempo e continua a comandare la classifica del girone A del campionato di Promozione regionale, con 3 lunghezze di vantaggio sull’Arbus, impostosi sul difficile campo dell’Arborea, con identico punteggio. La squadra di Paolo Ledda ha resistito nel finale al forcing del Carloforte del neo tecnico Pasquale Lazzaro ed è riuscita a portare a casa un fondamentale successo, nonostante la prematura uscita dal campo di Davide Meloni, infortunatosi nelle battute iniziali dell’incontro. Per il Carloforte si tratta della terza sconfitta consecutiva che fa precipitare la squadra rossoblu a ben 7 punti dalla vetta.

La San Marco ha iniziato con piglio aggressivo: dopo 60 secondi Serra ha proposto un cross interessante, ma leggermente troppo lungo per Fanni. Poco dopo Matteo Tosi ha cercato la conclusione dai venti metri, con la palla alta di poco. Al 7’ la San Marco ha perso una delle pedine più importanti, Davide Meloni, a seguito di uno scontro con Youssou Pape Diop. Al suo posto è entrato Davide Farci. All’11’ la San Marco è andata ad un passo dal vantaggio: Fanni ha ricevuto da Mura, si è lanciato in fuga sulla sinistra ed ha calciato da posizione defilata: solo il palo ha salvato il Carloforte dalla capitolazione. Dieci minuti più tardi un nuovo tentativo del numero 10 asseminese è termina di poco alto sopra la traversa. La supremazia dei padroni di casa è stata coronata dal gol al 30′: Pilleri ha messo in mezzo su calcio di punizione, Farci è svettato ed ha battuto Grosso, siglando il goal dell’1 a 0.

Il Carloforte ha provato a reagire e Daddi è stato impegnato per la prima volta al 39’, disinnescando una conclusione pericolosa di Sanna. Sul finire del primo tempo Pilleri ha messo un altro bel pallone all’interno dei 16 metri, ma Porcu e Farci non sono riusciti a trovare la deviazione vincente.

Nella ripresa, al 18’, Farci è stato provvidenziale nel negare la gioia del gol a Bodano. Botta e risposta al 30’: prima una percussione di Lazzaro è stata bloccata da Sirigu, poi Farci, ben imbeccato da Fanni, ha calciato altissimo da posizione vantaggiosa. I tabarchini hanno provato il tutto per tutto nel finale, ma Daddi è stato ancora una volta attento sul tiro Achenza. Nel corso del lunghissimo recupero concesso dal signor Casula di Ozieri, la San Marco è andata vicina al raddoppio prima con Fanni, poi con Mastromarino. A un minuto dal termine sospiro di sollievo per mister Ledda, con Dinaro che ha salvato miracolosamente il risultato al termine di un’azione d’attacco del Carloforte. Pilleri e compagni hanno stretto i denti durante il forcing finale dei tabarchini e al triplice fischio hanno esultato per una vittoria di cruciale importanza per il prosieguo della stagione.

San Marco Assemini 80 – Carloforte 1-0

San Marco: Daddi, S. Tosi, D. Corda, Pilleri, Porcu, Sirigu, Meloni (dal 7’ pt Farci, dal 36’ Mastromarino), Serra (dal 43’ st Dinaro), Mura, Fanni, M. Tosi (dal 40’ st Cao). A disposizione: Muccione, Cordeddu, Barry Alseni. Allenatore: Paolo Ledda.

Carloforte: Grosso, Granara (dal 17’ st Uccheddu), Diop, Donnola, Recano, Pancotto, Lazzaro, Achenza, Pilosu (dall’11’st Iesu), Bodano (dal 38’ st Pintus), Sanna. A disposizione: Milia, Napoli, Leone, Garau. Allenatore: Pasquale Lazzaro.

Arbitro: Casula di Ozieri (assistenti di linea Siddi di Cagliari e Deriu di Oristano)

Marcatore: 30’ pt Farci (SM).

Ammoniti: 37’ pt Bodano (C), 41’ pt Mura (SM), 2’ st Pilleri (SM), 3’ st Sanna (C), 17’ st Sirigu (SM), 21’ st Muccione (SM), 50’ st Mastromarino (SM).

Il match winner Davide Farci.

Il match winner Davide Farci.