22 June, 2024
HomePosts Tagged "Carla Medau"

Il Consiglio comunale di Pula ha approvato il progetto di fattibilità per il canile comunale che sorgerà in località “Salomone”.
«Per la prima volta, con 100mila euro di fondi comunali possiamo avviare un percorso reale e concreto di realizzazione dell’Oasi rifugio. In questo modo ridurremo i costi della convenzione col Canile Dog Hotel, che attualmente si occupa con grande dedizione e competenza dei nostri cani abbandonatiha detto la sindaca, Carla Medau -. Con l’oasi rifugio potremo accogliere tempestivamente i cani in difficoltà, favorire le adozioni e collaborare con le volontarie e i volontari che si occupano dei cani e dei gatti in difficoltà.»
Antonio Caria

Il Consiglio comunale di Pula ha approvato il documento unico di programmazione, il bilancio di previsione e il piano triennale delle opere pubbliche 2022-2024.
«L’ ultimo bilancio di questa Amministrazione, in carica dal 2017, contiene molte attività che danno atto del grande impegno di questa squadra che ha lavorato in modo continuo nonostante gli ultimi due anni resi difficoltosi della pandemiaha spiegato la sindaca, Carla Medau -. Abbiamo dimostrato una grande attenzione alle famiglie, al sociale, alla cultura e alla promozione turistica, al sostegno alle nuove imprese, al settore agricolo ed alla tutela ambientale, senza dimenticare il grande impiego di risorse per l’edilizia economica agevolata per le giovani coppie.»
«Siamo stati inoltre virtuosi nell’intercettare numerosi finanziamenti tra i quali vi parlerò di quelli relativi agli “Appalti innovativiribadisce ancora la prima cittadina -. Grazie all’approvazione del bilancio riusciremo anche completare alcune assunzioni, in modo da far funzionare al meglio la macchina amministrativa.»
Inoltre, su proposta dell’assessorato del Turismo guidato da Ombretta Pirisinu, è stata l’adesione all’Associazione Pula Turismo Ets. «Il comune di Pulaconclude Carla Medauè diventato socio affiliato dell’Associazione degli “albergatori”, ma non solo, che si sono uniti per promuovere oltre alle loro strutture la destinazione Pula. L’Amministrazione starà al loro fianco supportando progetti di valorizzazione e promozione turistica. Un ringraziamento particolare per il risultato raggiunto ieri va a tutta la squadra, assessori, consiglieri, responsabili di ogni settore.»
Antonio Caria
 

Si chiama “Tendi la zampa” il progetto approvato a maggioranza dal Consiglio comunale di Pula per incentivare l’adozione dei cani randagi catturati sul territorio comunale e custoditi nel canile convenzionato. Chi decide di adottarne uno, riceverà un contributo economico di 600 euro (400 euro per il primo anno e 200 euro per il secondo) da utilizzare per spese alimentari e veterinarie.
«In questo modo otteniamo alcuni risultati, un dialogo aperto con i cittadini che usufruiranno di un contributo comunale, ridurre il costo della gestione attuale del canile convenzionato ma, soprattutto, daremo ad un cane una vita migliore lontano dalle gabbie del canile», ha detto la sindaca Carla Medau.
Antonio Caria

È stato presentato nell’Aula consiliare del comune di Pula il progetto “Promuovere Impresa per lo sviluppo locale sostenibile” nato da un’idea dell’Amministrazione in collaborazione con il “GAL Sulcis Iglesiente, Capoterra e Campidano di Cagliari”.
«Con questo traguardo, raggiunto dopo due anni di costante lavoro, puntiamo allo sviluppo imprenditoriale dei giovani, delle donne e all’ammodernamento delle imprese preesistentidichiara la sindaca, Carla Medau -. Il Gal del Sulcis metterà a disposizione gruppi di esperti in varie discipline che attraverso uno studio basato sulla valorizzazione del patrimonio ambientale, paesaggistico, culturale e identitario, sapranno indicare i portatori d’interesse a nuovi e moderni metodi d’impresa.»
L’obiettivo è promuovere il lavoro autonomo e favorire l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali.
Antonio Caria

Crescono i contagi da Coronavirus anche a Pula. Secondo quanto comunicato dalla sindaca, Carla Medau, sono diventati 89 i cittadini attualmente positivi al Coronavirus. I nuovi positivi, comunica la prima cittadina, sono 60 e si registrano 26 guarigioni.
«I positivi ufficialisottolinea Carla Medau -, da registri Ats, sono 25. Tutti gli altri sono stati conteggiati da noi, in quanto mi hanno contattata personalmente. Questo ci fa comprendere quanti di voi non siano stati ancora contattati dall’Ats, cioè almeno 65 persone, ma stiamo sollecitando affinché avvenga in tempi rapidi per aiutarvi a risolvere al meglio questo periodo di isolamento. Siamo inoltre a conoscenza di diverse famiglie che non ci hanno contatto seppur in stato di positività, sarebbe opportuno lo facessero quanto prima per attivare procedure previste dal protocollo.»
Antonio Caria

Gli amministratori pulesi parlano di svolta epocale: è stata assegnata alla Fondazione Pula Cultura Diffusa la gestione dell’Area Archeologica di Nora, della Biblioteca Comunale, del Museo Patroni e del Teatro Maria Carta.
Il Consiglio di amministrazione della Fondazione, composto dalla presidente Emilia Pinna Noè, dal vicepresidente Giancarlo Nonnoi e dai consiglieri Gianluca Nonnis, Raimondo Mandis, Anna Oppo e dalla direttrice Clara Pili, avrà il compito di valorizzare e promuovere l’Area Archeologica di Nora rendendola maggiormente competitiva sul mercato turistico/archeologico.
La gestione dei beni e delle attività culturali rappresenta uno dei pilastri fondamentali delle Amministrazioni, tuttavia si registra anche un elemento critico in quanto le Amministrazioni per limiti burocratici, di personale e di competenze, rischiano di ridimensionare le possibilità e le potenzialità di valorizzazione dei presidi culturali stessi, questo è il senso della nascita della Fondazione.
L’assessore della Cultura Massimiliano Zucca parla di un traguardo desiderato e rincorso per anni, mentre la sindaca Carla Medau parla di «passaggio di testimone per tutelare maggiormente e fornire maggior stabilità lavorativa ai dipendenti resa difficile negli anni dal susseguirsi delle cooperative».
Antonio Caria

Pula ospita l’edizione numero 25 di Monumenti Aperti, la manifestazione promossa dalla Imago Mundi. Oggi e domani, domenica 21 novembre, possono essere visitate la zona archeologica di Nora, la laguna di Nora, le chiese di Sant’Efisio e San Raimondo. Ad accompagnare i visitatori saranno gli studenti dell’istituto Azuni ed i volontari delle associazioni locali.
“Pula, anche quest’anno, rinnova il suo appuntamento con “Monumenti aperti”, aprendo le porte della cittadina ai turisti e ai curiosi appassionati di archeologia, ambiente e culturaha detto la sindaca, Carla Medau -. Saranno gli studenti e i volontari delle associazioni locali a raccontare la storia e le tradizioni del territorio. Il percorso culturale ha inizio ai piedi del Capo di Pula, nell’antica città di Nora, dove affondano le radici storiche degli abitanti del luogo. Essa fu un fiorente centro culturale e commerciale, luogo di scambio e incontro di numerosi popoli del Mediterraneo e dell’Asia Minore. Il mare limpido e cristallino, che incornicia la sabbia dorata della spiaggia di Nora, custodisce da secoli i preziosi resti di un acquedotto romano. Più in là il colore del mare si compenetra con lo specchio delle acque della Laguna di Nora, immerse nei profumi della macchia mediterranea e abitate da numerose specie animali, tra cui il gabbiano corso, gli aironi, i fenicotteri e il martin pescatore. Il cammino culturale prosegue in due luoghi di culto cristiano, la Chiesa di Sant’Efisio e la Chiesa di San Raimondo, tradizionali tappe della Festa di Sant’Efisio.”

Antonio Caria

 

Sono diventati 14 i casi di Coronavirus a Pula. Lo annuncia la sindaca Carla Medau che ha dato notizia di 3 nuove positività.

«I contagi stanno aumentando di giorno in giornoha specificato la prima cittadina. Esorto ad avere atteggiamenti responsabili, mantenere le distanze e utilizzare la mascherina in presenza di altre persone anche se all’aperto. Invito a prenotare il vaccino, ricordandovi che attualmente rappresenta l’unica arma contro il Covid-19. In assenza di questi atteggiamenti di autoresponsabilità comprendete bene che saremo chiamati tutti a sacrifici più importanti.»

Antonio Caria