1 February, 2023
HomePosts Tagged "Franca Boi"

Sabato 17 settembre 2022, a Sant’Anna Arresi, piazza del Nuraghe, dalle 19.30, si terrà una serata di beneficenza organizzata dall’Associazione “Le Rondini”, con la collaborazione del Gruppo Folk San Domenico Savio (presidente Rosalia Potettu) e l’Associazione Culturale Identirari (presidente Stefania Caschili). Introdurranno la serata la presidente dell’Associazione Le Rondini Franca Boi e la sindaca di Sant’Anna Arresi Anna Maria Teresa Diana.

Verrà proiettato un breve cortometraggio sulle attività dell’Associazione “Le Rondini” e seguirà la commedia “Brullas de Stanghera”, a cura della compagnia teatrale Sa Làntia di Rio Murtas.

Grazie alla partecipazione a un bando della Fondazione di Sardegna, l’associazione Le Rondini Onlus si è aggiudicata un nuovo finanziamento di 10.000 euro annuali da qui al 2024. Le risorse, stanziate nelle more del bando pluriennale 2022-2024 – settore volontariato, filantropia e beneficenza, saranno destinate allo stabilimento “Isola del Cuore” di Sant’Antioco, per il suo rafforzamento e per assicurare agli ospiti della struttura delle esperienze sempre migliori; divertenti, accessibili, soprattutto sicure.
«Questo nuovo finanziamento ha spiegato la presidente dell’associazione Le Rondini Franca Boirappresenta un ulteriore riconoscimento della nostra costante attività a favore delle persone fragili e bisognose. Grazie a esso miglioreremo ulteriormente la funzionalità dell’Isola del Cuore.»
«La prossima stagioneha proseguito Franca Boi – sarà foriera di importanti novità. Questo sarà possibile, così come già accade nel centro Domo Noa di Carbonia, grazie allo straordinario impegno e alla creatività dei tanti volontari che quotidianamente dedicano il proprio tempo al rafforzamento dell’imponente progetto portato avanti dalle Rondini a sostegno delle persone disabili gravi.»
«Voglio ricordareha concluso Franca Boiche sono aperte le prenotazioni per accedere alle nostre casette e godere così di una vacanza accessibile. Si potrà prenotare, o chiedere informazioni, scrivendo una mail all’indirizzo lerondiniassociazioneonlus@gmail.com o chiamando allo 0781/1888033.»

Prende il via oggi, al Centro “Domo Noa” di Carbonia, il primo laboratorio per la “Pet Therapy”. Si tratta di una straordinaria pratica terapeutica in grado di promuovere importanti miglioramenti nelle persone affette da disabilità, in particolare per ciò che riguarda la sfera del benessere emotivo e comportamentale nonché l’approccio alle sindromi dello spettro autistico e in generale per la limitazione di specifiche difficoltà fisiche.

«Ringraziamo calorosamente Stefania Gambacorta, coadiutore (abilitata in ambito nazionale) del cane negli interventi assistiti con gli animali, e naturalmente il co-terapeuta, Charlie, lo straordinario cagnetto di 6 anni che ci accompagnerà a cadenza settimanale in questa nuova avventura», ha detto Franca Boi, presidente dell’associazione “Le Rondini” che gestisce il Centro “Domo Noa”.

Inclusione ed integrazione sociale sono le parole d’ordine che da sempre caratterizzano l’azione e la mission dei volontari dell’associazione “Le Rondini” di Carbonia. Valori straordinari alla base del laboratorio speciale attivato oggi – grazie alla collaborazione di alcune figure appositamente specializzate fornite dall’associazione A.S.VO.C di Carbonia, per il riconoscimento e la gestione delle emergenze. L’iniziativa, interamente dedicata agli ospiti della struttura Domo Noa, sita in via Costituente, a Carbonia, si articolerà in dieci sedute ed aiuterà a far sviluppare e far emergere nei partecipanti le proprie potenzialità allo scopo di migliorarne la condizione in riferimento alla disabilità e alle difficili sfide della quotidianità.

«Grazie a questo laboratoriospiega Franca Boi, presidente dell’associazione “Le Rondini”, i nostri ragazzi impareranno a riconoscere un’emergenza, dentro e fuori dalla propria abitazione, a saperla gestire e, nel rispetto della mission che caratterizza il nostro impegno sociale quotidiano, a sentirsi utili e importanti verso il prossimo e la realtà che li circonda.»

«Ma non solo, i nostri ragazziaggiunge Franca Boiverranno preparati verso, eventuali, nuove forme di collaborazione in altre tipologie di volontariato, magari proprio nell’ambito del soccorso alle persone. Nonché aiutati a far emergere le proprie potenzialità allo scopo di dotarli di quegli strumenti indispensabili per far fronte alle sfide della quotidianità. Perciò ringraziamo gli amici dell’A.S.VO.C. conclude la presidente dell’associazione “Le Rondini”per il concreto quanto costante sostegno a favore delle nostre attività.»

Nella seduta di ieri, il Consiglio regionale ha dato il via libera definitivo alla legge Omnibus. Tra i vari interventi inseriti nel testo approvato, figurano un finanziamento di 360.000 euro a favore dell’associazione di volontariato “Le Rondini” di Carbonia, impegnata nel campo dei “servizi educativi, ricreativi e socializzanti destinati a disabili con forti bisogni di accompagnamento al recupero di una relazione sociale e di autonomie personali per la propria cura e gestione quotidiana”, in particolare nell’attuazione dei progetti “L’Isola del cuore” nella spiaggia di Maladroxia, a Sant’Antioco, e “Domo noa”, nella Casa della Domotica di via della Costituente, a Carbonia; e un secondo finanziamento di 160.000 euro, per la manutenzione dello stadio Comunale “Carlo Zoboli”, del campo di calcio di Cortoghiana e di altri impianti sportivi di Carbonia.

Questo pomeriggio le finalità dei due finanziamenti sono state spiegate dal consigliere regionale Fabio Usai, componente del gruppo sardista, che li ha proposti e sostenuti nel lungo iter che ha portato alla definitiva approvazione maturata ieri nell’Aula di via Roma, nel corso di un primo incontro svoltosi nella sala riunioni della Casa della Domotica, nel quale è intervenuto telefonicamente il sindaco Pietro Morittu, e di un secondo incontro davanti allo stadio “Carlo Zoboli”.

Alleghiamo le interviste realizzate con Franca Boi, presidente dell’associazione Le Rondini; il consigliere regionale Fabio Usai; e Damiano Basciu, “storico” leader dell’associazione I Briganti.

 

Da ieri, grazie alla generosità di 27 imprenditori locali, l’associazione Le Rondini dispone del “pulmino solidale”. La presentazione ufficiale, organizzata con il patrocinio gratuito del comune di Carbonia, si è svolta ieri pomeriggio, nel Centro ricreativo sociale “Domotica” di via della Costituente 87, a Carbonia, sede dove l’associazione attua il progetto “Domo noa”, «opportunità di sperimentazione e di sviluppo di servizi educativi, ricreativi e socializzanti destinati a disabili con forti bisogni di accompagnamento al recupero di una relazione sociale e di autonomie personali per la propria cura e gestione quotidiana».
Il pulmino solidale rappresenta l’ennesima conferma del grande cuore solidale di Carbonia e del territorio del Sulcis, come emerge dall’elenco dei 27 imprenditori locali che, con i loro contributi, hanno permesso la realizzazione di un sogno: Medianet, Euralcoop, Francesco Contini Eredi Carbonia, Alice Surgelati, Macelleria Rocco Carbonia, Nuova Mobilità Sarda, Laboratorio Analisi Cliniche Calabrò, Sulcis Gomme Carbonia, Erboristeria Fiordaliso Carbonia, Farmacia Fenu Carbonia, Agenzia funebre La Sulcitana, Cancedda Assicurazioni Carbonia, Studio di Radiologia medica e Terapia fisica dott. Ignazio Puddu Carbonia, Refill Center Carbonia di Alessandro Mallocci, Carolina Ranch, Laboratorio Analisi Biologiche sud carbonia, Paolo Pala Ottica Gioielleria, Farmacia Soru, Studio Sala commercialista Sant’Antioco, Farmacia Turacchi Gloria Carbonia, Veri Conglomerati Carbonia, Maddaminù San Giovanni Suergiu, Agenzia Martinelli Carbonia, Cirdu Frutti di Mare Sant’Antioco, L’Antico Fornaio Carbonia, Farmacia Urgu Carbonia, Me.Pu. Sas Studio Dentistico Mezzena.
Durante la presentazione che ha visto anche la consegna delle chiavi, abbiamo intervistato Paola Massidda, sindaco di Carbonia, e Franca Boi, presidente dell’associazione Le Rondini.
Giampaolo Cirronis

[bing_translator]

Mercoledì 26 febbraio, alle 16.00, nell’Aula consiliare del comune di Sant’Antioco, l’associazione di volontariato “le Rondini” incontra i cittadini di Sant’Antioco per la presentazione del progetto “Domo Noa”. Saranno presenti il sindaco Ignazio Locci; l’assessore delle Politiche sociali Eleonora Spiga; la responsabile del Servizio Politiche sociali, Antonella Serrenti; la presidente ed il direttore scientifico dell’associazione “Le Rondini”, rispettivamente Franca Boi e Leonardo Tola; la pedagogista ed educatrice del centro Domo Noa, Laura Manca. L’ingresso al convegno è libero e gratuito. Dopo la presentazione seguiranno il dibattito e la proiezione del video “Una piccola grande storia”.

Cosa è “Domo Noa”?

«“Domo Noa” è un Centro ricreativo Sociale, uno spazio (situato in Costituente 87, a Carbonia) appositamente strutturato e idoneo a favorire il processo di crescita e di integrazione sociale di persone disabili con forti bisogni di accompagnamento, al recupero di una relazione sociale e di autonomie personali per la propria cura e gestione quotidiana. I principali fruitori sono disabili fisici e motori; disabili intellettivi e relazionali; soggetti con disabilità sensoriali e disabili gravissimi tracheotomizzati. Il progetto Domo Noa segue la realizzazione, sempre ad opera dell’associazione “le Rondini”, del primo stabilimento balneare accessibile ai malati gravi e gravissimi, “Isola del Cuore”, che ha sede nella spiaggia di Maladroxia, a Sant’Antioco.»

 

[bing_translator]

E’ stato inaugurato questo pomeriggio, a Carbonia, il primo centro di domotica della Sardegna, “Domo Noa”. Al taglio del nastro, effettuato dal sindaco Paola Massidda e dalla presidente dell’associazione di volontariato Le Rondini che gestirà la struttura, Franca Boi, erano presenti il direttore scientifico dell’associazione Leonardo Tola e numerosi sindaci ed amministratori del Comuni del Sulcis Iglesiente.

Con l’inaugurazione del Centro che, lo ricordiamo, venne inaugurato una prima volta nel 2010 ma non è stato finora utilizzato per i fini proposti, la città di Carbonia compie un passo avanti importante nel campo dell’inclusione sociale dei disabili. “Domo Noa” è uno spazio appositamente strutturato e idoneo a favorire il processo di crescita e di integrazione sociale di persone disabili con forti bisogni di accompagnamento, al recupero di una relazione sociale e di autonomie personali per la propria cura e gestione quotidiana. I principali fruitori saranno disabili fisici e motori; disabili intellettivi e relazionali; soggetti con disabilità sensoriali e disabili gravissimi tracheotomizzati. “Domo Noa” sarà anche un centro ricreativo sociale, punto di riferimento per l’integrazione e l’aggregazione dei ragazzi.

Allegati gli interventi del sindaco Paola Massidda, dell’assessore dei Servizi sociali Loredana La Barbera e della presidente dell’associazione “Le Rondini”, Franca Boi.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10221075814312944/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10221075838233542/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10221075865154215/UzpfSTk0OTU2ODE2NTA3Nzk0MjoyODI2Mzg5OTUwNzI5MDc4/

[bing_translator]

Giovedì 28 novembre, alle ore 16.00, in via Costituente 87, a Carbonia, verrà inaugurato il primo Centro di Domotica in Sardegna, un centro ricreativo sociale, punto di riferimento per l’integrazione e l’aggregazione dei ragazzi. L’iniziativa è organizzata dal comune di Carbonia e dall’associazione di volontariato “Le Rondini”, che gestirà la struttura, denominata “Domo Noa”, uno spazio appositamente strutturato e idoneo a favorire il processo di crescita e di integrazione sociale di persone disabili con forti bisogni di accompagnamento, al recupero di una relazione sociale e di autonomie personali per la propria cura e gestione quotidiana. I principali fruitori saranno disabili fisici e motori; disabili intellettivi e relazionali; soggetti con disabilità sensoriali e disabili gravissimi tracheotomizzati.

Il sindaco Paola Massidda esprime la sua soddisfazione per il decollo di una struttura inaugurata nel 2010, ma fino ad ora inutilizzata per i fini preposti: «Un’opera incompiuta che finalmente potrà prendere corpo favorendo lo sviluppo di una città sempre più moderna e inclusiva. Un progetto innovativo, unico in Sardegna, in grado di favorire la socializzazione, l’emersione delle potenzialità personali per rafforzare il senso di autostima e creare, attraverso processi di compartecipazione, il coinvolgimento delle famiglie. Il tutto, attraverso il lavoro di figure specializzate che opereranno in stretta sinergia con i volontari dell’associazione “Le Rondini”, recentemente distintasi per il meraviglioso progetto “Isola del Cuore”, attuato a favore dei disabili nella spiaggia di Maladroxia.»

«Si tratta di una struttura d’eccellenza e siamo orgogliosi che la nostra città possa fregiarsene, garantendo un servizio fondamentale per i disabili con attività mirate al sostegno e alla consulenza psicologica, all’attività di integrazione sociale, alla terapia occupazionale, ai laboratori di gruppo, alle attività motorie e alla consulenza tecnica per il miglioramento dell’accessibilità», ha rimarcato l’assessore dei Servizi sociali, Loredana La Barbera.

L’inaugurazione del centro “Domo Noa” prevede una visita guidata all’interno della struttura e, a seguire, un piccolo rinfresco.

Interverranno all’iniziativa il sindaco Paola Massidda, l’assessore ai Servizi sociali Loredana La Barbara, il presidente dell’associazione di volontariato “Le Rondini” Franca Boi e il direttore scientifico dell’associazione Leonardo Tola.

[bing_translator]

Un notevole passo avanti nel campo dell’inclusione sociale grazie alla realizzazione di un nuovo servizio, il primo Centro Domotico in Sardegna – denominato “Domo Noa” – che sta per avviare le proprie attività nella città di Carbonia.

“Domo Noa” è uno spazio appositamente strutturato e idoneo a favorire il processo di crescita e di integrazione sociale di persone disabili con forti bisogni di accompagnamento, al recupero di una relazione sociale e di autonomie personali per la propria cura e gestione quotidiana. I principali fruitori saranno disabili fisici e motori; disabili intellettivi e relazionali; soggetti con disabilità sensoriali e disabili gravissimi tracheotomizzati.

Per presentare il nuovo centro ricreativo sociale, il comune di Carbonia e l’associazione “Le Rondini” hanno indetto per giovedì 14 novembre, alle ore 10.00, nella sala riunioni della Torre Civica, una conferenza stampa alla presenza del sindaco Paola Massidda, dell’assessore dei Servizi sociali Loredana La Barbera e del presidente dell’associazione “Le Rondini” Franca Boi.