25 September, 2021
HomePosts Tagged "Guglielmo Gambardella" (Page 2)

[bing_translator]

«Dopo la presentazione del Progetto di rilancio dello smetter di Portovesme da parte di SiderAlloys abbiamo bisogno di capire meglio tempi e scelte industriali,in particolare quella sulla produzione interna degli anodi che equivale ad una differenza di 70 lavoratori in più sull’organico complessivo di 376. Ad oggi manca ancora il via libera definitivo di Invitalia sul finanziamento.»

Lo ha detto nel primo pomeriggio Guglielmo Gambardella, coordinatore di settore della Uilm nazionale, al termine dell’incontro odierno al ministero dello Sviluppo economico.

«Ci attendiamo che entro il mese di maggio SiderAlloys scelga il Main Contractor per il revamping degli impianti per avviare la cantierizzazione dei lavori e partire con la riassunzione dei lavori ex Alcoa e far ripartire tutto il sistema dell’indotto – ha aggiunto Guglielmo Gambardella -. E’ necessario trovare la copertura economica straordinaria per gli ammortizzatori sociali dei lavoratori ex Alcoa in scadenza a fine giugno.»

«Il MiSE si è assunto l’impegno su questo tema – ha concluso Guglielmo Gambardella – di proporre una proposta al Parlamento per tutte le Aree di crisi complessa.»

[bing_translator]

Si è appena concluso, al ministero dello Sviluppo economico, l’incontro convocato dal responsabile della Gestione operativa del ministero dello Sviluppo economico, Giampiero Castano, tra le parti interessate al progetto di rilancio produttivo dello stabilimento ex Alcoa di Portovesme, acquisito Il ministro Carlo Calenda ha confermato che che Invitalia entrerà con il 20% nel capitale societario di Sider Alloys e, a tal fine, Invitalia sta lavorando alla perizia per valutare il valore totale dell’azienda, per poi finalizzare la sua entrata nell’azionariato. Carlo Calenda, inoltre, ha spiegato che ai lavoratori sarà assicurata una quota del 5% delle azioni totali della società. La quota di partecipazione annuale sarà simbolica. Un rappresentante dei lavoratori parteciperà nel consiglio di sorveglianza. È la prima volta che questo accade in Italia con tali modalità. Tale operazione verrà concretizzata entro il mese di aprile.
Il Sindacato ha chiesto al Governo in quali modalità dovrà palesarsi tale “partecipazione dei lavoratori”, quali aspetti giuridici dovrà rispettare e quali saranno i diritti e i doveri e, soprattutto, i vantaggi.
Da qui al 3 maggio verrà analizzata la bozza di contratto per l’entrata di Invitalia nel capitale societario della Sider Alloys e dei lavoratori con il 5%. Entro il 3 arriverà la risposta da parte del Governo e della Regione sul rifinanziamento degli ammortizzatori sociali per il secondo semestre 2018. Per il 3 maggio la Sider Alloys si è impegnata a discutere il Piano Industriale.
A domanda diretta sulle modalità di partecipazione dei lavoratori, dunque se consultiva, di indirizzo, o di partecipazione agli utili per il 5%, il Governo ha confermato che la partecipazione si declinerà anche con la ripartizione degli utili (economica) al 5% per tutti i lavoratori.

«L’annuncio fatto dal ministro Carlo Calenda dell’ingresso di Invitalia (20%) e di un’associazione dei lavoratori di ex Alcoa (5% senza scopo di lucro) nel capitale della NewCo di SiderAlloys è una sfida importante per concretizzare ed aiutare il processo di rilancio dello smelter – ha dichiarato poco fa Guglielmo Gambardella, coordinatore settore siderurgia della Uilm nazionale –Ci incontreremo di nuovo il 3 maggio per avere l’illustrazione del Piano Industriale per affrontare nel merito gli aspetti industriali ed occupazionali, anche quelli del relativo indotto. Chiederemo in quell’incontro – ha concluso Guglielmo Gambardella -, il rispetto dei tempi del riavvio perché i lavoratori soffrono da troppo tempo e gli ammortizzatori sociali sono quasi scaduti.»