2 August, 2021
HomePosts Tagged "Andrea Marras" (Page 2)

[bing_translator]

Andrea Marongiu è il nuovo allenatore della Monteponi. Dopo l’ultima pesante sconfitta, 0 a 3, subita domenica sul campo della vicecapolista La Palma Monte Urpinu, con la squadra precipitata all’ultimo posto in classifica, la società guidata dal presidente Giorgio Ciccu ha deciso di cambiare guida tecnica, chiamando l’ex tecnico del Carbonia al posto di Andrea Marras. Con il tecnico di Gonnesa, arriva a Iglesias anche Manuel Contu, suo vice nella sua recente positiva esperienza alla guida del Carbonia, che lo ha visto portare la squadra ad un secondo e ad un terzo posto in campionato e per due volte, in tre stagioni, in finale di Coppa Italia, entrambe perse ai calci di rigore dopo grandi prestazioni.

La società rossoblu ha annunciato la sua scelta con un breve comunicato pubblicato nella sua pagina faceebook.

«La società Fc Monteponi Iglesias 1923 comunica il cambio di guida tecnica. Mister Andrea Marras non sarà più l’allenatore della prima squadra. Al mister e i suoi collaboratori un ringraziamento speciale da parte di tutta la società per il lavoro svolto, si ringraziano inoltre il preparatore atletico Marcello Campus per la sua disponibilità a tornare nel mondo rossoblu e tutti gli stretti collaboratori del mister che hanno svolto comunque un gran lavoro con professionalità e dedizione. Il nuovo tecnico già ingaggiato dalla società porta il nome di Andrea Marongiu che avrà il compito di condurre la prima squadra fuori dalla crisi. Andrea dirigerà già il prossimo allenamento insieme ai suoi nuovi collaboratori. Benvenuto Andrea.

La società.

Fc Monteponi Iglesias 1923.»

Andrea Marongiu ritorna alla guida della Monteponi a distanza di sei anni dalla precedente esperienza, maturata nella stagione 2012/2013, in Prima categoria. Arriva a Iglesias con grande entusiasmo e voglia di fare bene per tirare fuori la squadra dai guai e condurla alla salvezza, pur cosciente di essere chiamato ad un impegno non facile. Partita in un clima di grande entusiasmo dopo il ripescaggio e la successiva campagna acquisti, la squadra rossoblu ha superato il primo turno di Coppa Italia eliminando il Carloforte, ma in campionato ha faticato subito e nelle prime otto giornate ha raccolto solo due punti, frutto di due pareggi e ben sei sconfitte, con sole cinque reti segnate e 15 subite. E’ stata inoltre eliminata negli ottavi di finale di Coppa Italia dal Carbonia, con ben otto reti al passivo (sconfitta 4 a 2 in casa e 4 a 0 nel ritorno in trasferta).

Andrea Marongiu farà il suo esordio sulla panchina rossoblu domenica 11 novembre nell’incontro casalingo con l’Orrolese, sette giorni dopo tornerà a Carbonia, per il derby con la squadra che ha guidato brillantemente nelle ultime tre stagioni e poi ospiterà la capolista San Marco Assemini ’80. Un calendario iniziale da brividi che, se superato positivamente, con qualche punto e buone prestazioni, potrebbe restituire alla squadra slancio ed entusiasmo nel difficile cammino verso la salvezza.

[bing_translator]

Sono punti importantissimi per l’alta classifica, quelli in palio questo pomeriggio, alle 15.00, al Comunale “Carlo Zoboli”, tra il Carbonia e l’Arborea, rispettivamente seconda e quarta in classifica, a 2 e 3 punti dalla capolista San Marco Assemini ’80, del girone A del campionato di Promozione regionale. La squadra di Fabio Piras è imbattuta e in crescita, quella ospite in leggera flessione (un punto nelle ultime due partite), dopo l’ottimo avvio di stagione che l’aveva portata al comando solitario della classifica.

La capolista San Marco Assemini ’80 ospita il Sant’Elena Quartu, il La Palma Monte Urpinu (vicecapolista insieme al Carbonia) attende la visita della Monteponi di Andrea Marras, in crisi in questo difficilissimo avvio di stagione. I rossoblu hanno bisogno di un risultato positivo per interrompere la serie negativa e, soprattutto, per ritrovare quella fiducia nei propri mezzi che sembrano aver perso.

Il Villamassargia, reduce da due vittorie consecutive che le hanno permesso di portarsi a metà classifica dopo l’incerto avvio di stagione (positivo per il gioco espresso, meno per i risultati), ospita il Villasor per cercare di fare il tris di vittorie; il Carloforte, assetato di punti per lasciare lo scomodo ultimo posto in classifica, ospita al Comunale Nuovo Puggioni il Gonnosfanadiga.

Completano il programma dell’ottava giornata del girone d’andata, le partite Idolo-Andomeda, Orrolese-Seulo 2010 e Vecchio Borgo Sant’Elia-Selargius.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, derby attesissimo tra la capolista Atletico Villaperuccio ed il Cortoghiana, una delle prime tre inseguitrici, distanziata di un solo punto dalla vetta. La Fermassenti e la Gioventù Sportiva Samassi, le altre due seconde in classifica, giocano rispettivamente sul campo dell’Atletico Sanluri e su quello del Circolo Ricreativo Arborea.

L’Atletico Narcao, dopo aver saltato l’impegno infrasettimanale con il Circolo Ricreativo Arborea, rinviato a giovedì 8 novembre, alle 18.00, in segno di lutto per la tragica scomparsa di Vincenzo Pilloni, gioca sul campo del Gergei; l’Isola di Sant’Antioco ospita l’Oristanese.

Completano il programma dell’ottava giornata del girone d’andata, le partite Sadali-Libertas Barumini, Tharros-Seui Arcueri, Villanovafranca-Freccia Parte Martis e Virtus Villamar-Villacidrese.

[bing_translator]

I campionati dilettantistici regionali affrontano oggi il turno infrasettimanale con un programma molto interessante, sia in Promozione sia in Prima categoria. Nel girone A del campionato di Promozione, dopo il primo stop stagionale subito dall’Arborea, la classifica ha subito un profondo scossone, portando in vetta la San Marco Assemini ’80 e raggruppando ben quattro squadre in due soli punti. In virtù di questa nuova situazione, il Carbonia, una delle squadre più in forma ed in evidente crescita, una delle tre squadre ancora imbattute (le altre sono la capolista San Marco Assemini ’80 ed il La Palma Monte Urpinu che condivide con il Carbonia il terzo posto, alle spalle dell’Arborea, la difesa largamente meno battuta con un solo goal subito in sei partite, insegue una nuova vittoria sul campo del Villasor (dirige Federico Isu di Cagliari, assistenti di linea Marco Navarra di Carbonia ed Alessandra Usai di Oristano) che potrebbe portarla in testa alla classifica. La San Marco Assemini ’80 gioca sul non facile campo di Gonnosfanadiga, contro un avversario che non vince dalla terza giornata (2 a 1 sul Vecchio Borgo Sant’Elia dopo il 4 a 2 imposto alla Monteponi a Iglesias), mentre l’Arborea ospita un’Orrolese reduce da due vittorie consecutive.

Il Villamassargia, galvanizzato dalla vittoria ottenuta nel derby di Carloforte, ospita l’Idolo di Arzana (dirige Mattia Farci di Carbonia, assistenti di linea Matteo Laconi e Michele Pisano di Cagliari), alla ricerca di una nuova vittoria che consentirebbe ai ragazzi di Giampaolo Murru di sistemarsi a metà classifica.

La Monteponi, ancora a caccia della prima vittoria in campionato, ospita il Seulo 2010 (dirige Claudio Salvatore Marongiu di Sassari, assistenti di linea Andrea Papalini di Nuoro ed Annamaria Sabiu di Carbonia), avversario che in trasferta non è apparso fin qui irresistibile e dovrebbe essere alla sua portata. Se vuole tirarsi fuori dai guai ed iniziare a respirare un’aria più tranquilla, la squadra di Andrea Marras oggi deve assolutamente vincere.

Non sta meglio il Carloforte, ultimo in classifica con 1 punto ed ancora a secco di goal. Questo pomeriggio, a Selargius (dirige Matteo Manis di Oristano, assistenti di linea Daniele Usai e Nicola Atzori di Oristano), fa il suo esordio in panchina Massimo Comparetti, chiamato dal presidente Francesco Luxoro al posto del dimissionario Giancarlo Leone. Il compito che attende il nuovo tecnico, all’ennesima esperienza alla guida del Carloforte, non è certamente facile, perché l’organico a disposizione, fatto quasi interamente di calciatori dell’isola, è indubbiamente modesto per la categoria, come purtroppo ha confermato l’avvio di stagione.

Completano il programma della settima giornata di andata, le partite Andromeda-La Palma Monte Urpinu e Sant’Elena Quartu-Vecchio Borgo Sant’Elia.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, l’Atletico Villaperuccio, tornato in testa alla classifica in solitudine, ospita l’ex capolista Virtus Villamar, battuta domenica scorsa sul proprio campo dal Cortoghiana, ora tra le seconde (insieme a Fermassenti e Gioventù Sportiva Samassi) ad un solo punto dalla vetta, attesa questo pomeriggio all’impegno casalingo con la Libertas Barumini. La Fermassenti ospita il Villanovafranca, la Gioventù Sportiva Samassi attende la visita dell’Atletico Sanluri, la Villacidrese quella dell’Isola di Sant’Antioco. Completano il programma della settima giornata le partite Oristanese-Gergei, Seui Arcueri-Sadali e Freccia Parte Montis-Tharros.

La partita Atletico Narcao-Circolo Ricreativo Arborea è stata rinviata a giovedì 8 novembre, in segno di lutto per la tragica scomparsa di Vincenzo Pilloni, per moltissimi anni calciatore, allenatore, dirigente e sponsor della squadra del suo paese, la cui cerimonia funebre è in programma oggi alle 15.00.

[bing_translator]

Il girone A del campionato di Promozione regionale propone tre turni in otto giorni, con sfide molto interessanti sia al vertice sia in coda alla classifica (con il ritorno all’ora solare, le partite avranno inizio alle 15.00). Per il Carbonia di Fabio Piras, in crescita, come hanno confermato il derby di campionato di Carloforte e quello di Coppa Italia con la Monteponi, è atteso da un vero e proprio “tour de force” (cinque partite tra il 21 ottobre e il 4 novembre) che potrebbe consentirle di spiccare il volo in campionato, considerato  che, dopo la partita casalinga odierna con il Gonnosfanadiga (dirige Alberto Enrico Argiolas di Cagliari, assistenti di linea Marco Ambu e Matteo Laconi di Cagliari), giovedì 1 novembre giocherà a Villasor e domenica prossima ospiterà l’imbattuta capolista Arborea.

La Monteponi, scossa dai risultati negativi dell’avvio di stagione, molto inferiori alle attese, e dalle dimissioni del direttore sportivo Carlo Maramarco, comunicate tre giorni fa al presidente Giorgio Ciccu («l’andamento negativo della squadra fino a questo momento mi ha spinto a pensare che sia arrivato il momento in cui tutti, nessuno escluso, ed io per primo, inizino ad assumersi le proprie responsabilità – ha scritto tra l’altro Carlo Maramarco al presidente della Monteponi -. Come giusto, mi prendo la mia parte ed esorto tutte le altre componenti a fare una seria analisi critica. Bisogna necessariamente trovare il modo di invertire lo stato attuale delle cose per il bene di un sodalizio al quale tutti lo dobbiamo. Non c’è più tempo da perdere se si vuole riuscire a salvare la categoria conquistata con grandi sforzi e sacrifici la passata stagione. Non è più tempo di personalismi infruttuosi. E’ il tempo della consapevolezza, delle scelte coraggiose, degli uomini con gli attributi che si sacrificano per il bene comune. Per tutti gli altri, non potrà e non dovrà esserci più spazio se si vorrà salvaguardare un patrimonio sociale e sportivo di inestimabile valore per la città»), la squadra di Andrea Marras affronta oggi una trasferta assai impegnativa sul campo del Vecchio Borgo Sant’Elia (dirige Luca Casula di Carbonia, assistenti di linea Paolo Manca di Cagliari ed Enrico Basciu di Carbonia), giovedì ospiterà il Seulo 2010 e domenica prossima sarà di scena sul campo del La Palma Monte Urpinu.

Il calendario propone un altro derby del Sulcis, tra Carloforte e Villamassargia (dirige Andrea Senes di Cagliari, assistenti di linea Alberto Renna e Martino Fadda di Carbonia), entrambe bisognose di punti per allontanarsi dalla zona calda della classifica (il Carloforte è ultimo con 1 punto, il Villamassargia è terz’ultimo con 3 punti, frutto di tre pareggi).

Completano il programma della sesta giornata, le partite Idolo-Villasor, La Palma Monte Urpinu-Arborea, Orrolese-Sant’Elena, San Marco Assemini ’80-Andromeda e Seulo 2010-Selargius.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, derby importantissimo al Comunale di Sant’Antioco tra Isola di Sant’Antioco ed Atletico Villaperuccio, due squadre in cerca di un riscatto dopo le amare sconfitte subite sette giorni, l’Isola di Sant’Antioco a Villamar (0 a 4), l’Atletico Villaperuccio in casa con il Gergei (0 a 1, ko costato alla squadra di Gian Marco Manca il primato in classifica dopo le quattro vittorie iniziali).

L’Atletico Narcao di Walter Poncellini sul campo dell’Atletico Sanluri cerca la terza vittoria consecutiva, il Cortoghiana a Villamar tenta di fermare la marcia della neocapolista (in condominio con la Villacidrese, di scena a Gergei), la Fermassenti punta al bottino pieno sul campo della Tharros, formazione dal passato glorioso, malinconicamente ultima in classifica ancora a 0 punti.

Completano il programma della sesta giornata, le partite Circolo Ricreativo Arborea-Oristanese, Libertas Barumini-Seui Arcueri, Sadali-Freccia Parte Montis e Villanovafranca-Gioventù Sportiva Samassi.

Il presidente della Monteponi Giorgio Ciccu.

[bing_translator]

Il Carbonia vince nettamente un derby senza storia fin dalle battute iniziali, 4 a 0 (primo tempo 2 a 0), dopo il 4 a 2 della partita di andata, ed accede con autorità ai quarti di finale della Coppa Italia di Promozione regionale per il quarto anno consecutivo.

Le reti sono state messe a segno da Milia, Foddi, Cosa e Cacciuto (quest’ultimo, come a Iglesias nella gara d’andata, tenuto inizialmente in panchina, ha realizzato complessivamente tre reti in due spezzoni di partita).

Il Carbonia ha confermato di essere in crescita e di avere un notevole potenziale per una stagione da grande protagonista; la Monteponi, viceversa, di essere ancora in ritardo di condizione e, probabilmente, di dover pensare innanzitutto a conservare la categoria, lavorando per il futuro.

Le formazioni scese in campo inizialmente.

Carbonia: Bove Daniele, Arrais, Bove Andrea, Milia, Boi, Cogotti, Lazzaro, Orgiana, Mastino, Foddi, Cosa.
A disposizione: Murroni, Mameli, Sanna, Marreddu, Todde, Casu, Giovagnoli, Biccheddu, Cacciuto. All. Fabio Piras.

Monteponi: Biancu Mattia, De Santana Martini, Carboni, Casula, Biancu Davide, Marongiu, Pili, Nonnis, Flumini, Cappai, Monni.

A disposizione: Rubbiani, Ballocco, Cossu, Dessì, Melis, Murgia, Damele, Pischedda, Cani. All. Andrea Marras.

Reti: Milia, Foddi, Cosa, Cacciuto.

Sono in programma questo pomeriggio sei delle otto partite del ritorno degli ottavi di finale della Coppa Italia di Promozione regionale. Alle 15.00, al Comunale “Carlo Zoboli” di Carbonia è in programma il derby tra il Carbonia e la Monteponi. Le due squadre partono dal netto punteggio di 4 a 2 imposto dai biancoblu di Fabio Piras ai rossoblu di Andrea Marras due settimane fa al Monteponi di Iglesias e con uno stato d’animo differente, sempre a vantaggio del Carbonia, per i risultati maturati fino qui in campionato, nelle prime cinque giornate, che hanno portato il Carbonia al terzo posto con 9 punti, in virtù di 2 vittorie e 3 pareggi, e vedono la Monteponi penultima con soli due punti, frutto di 2 pareggi e 3 sconfitte. Sugli altri campi si giocano le seguenti partite. Borore-Fonni (andata 1 a 4); Calangianus-Thiesi (andata 0 a 3); Idolo-Orrolese (andata 0 a 3); Usinese-Ozierese (andata 3 a 1); Valledoria-Porto Torres (andata 1 a 0).

Il Carbonia ha fatto suo il derby di Carloforte con due goal di Casu e Milia ed ha agganciato al terzo posto in classifica il La Palma, insieme a Idolo e Andromeda, a quattro punti dalla capolista Arborea e a due dalla San Marco Assemini ’80. Dopo cinque giornate il campionato comincia a delineare le forze in campo e il Carbonia sta dimostrando di avere le carte in regola per lottare al vertice della classifica. Ancora non brilla, non segna tanto ma subisce poco, quasi niente (1 goal in 5 partite) e nel calcio, a tutti i livelli, per emergere bisogna avere la miglior difesa ancora prima che il migliore attacco.

La Monteponi ha interrotto la serie negativa, pareggiando senza goal la gara esterna con il Sant’Elena. Anche per i rossoblu di Andrea Marras è importante aver chiuso la partita senza subire goal, dopo averne subito 12 nelle ultime quattro partite, tutte perse, tra campionato e Coppa Italia.

Il Villamassargia ha perso in casa, con il minimo scarto, con la vicecapolista San Marco Assemini ’80. La classifica non rende merito alla squadra di Giampaolo Murru per il gioco espresso fin qui, anche in considerazione della qualità degli avversari affrontati.

Sugli altri campi, la capolista Arborea ha vinto ancora, 3 a 1 contro il Seulo 2010; il La Palma è stato bloccato sul pari, senza goal, a Villasor; l’Andromeda ha superato di misura il Vecchio Borgo Sant’Elia 3 a 2; l’Orrolese ha violato il campo del Gonnosfanadiga, 4 a 2; l’Idolo ha vinto con largo punteggio a Selargius, 3 a 0.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, l’inattesa prima sconfitta stagionale è costata il primato in classifica solitario al Villaperuccio, piegato in casa dal Gergei, penultima in classifica. Giornata ampiamente positiva per le altre squadre sulcitane, eccezion fatta per l’Isola di Sant’Antioco, travolta a Villamar, 4 a 0. Il Cortoghiana ha superato il Seui Arcieri, 1 a 0; la Fermassenti ha battuto il Sadali, 3 a 1; l’Atletico Narcao ha travolto il Villanovafranca, 5 a 1.

La Villacidrese ha superato il Circolo Ricreativo Arborea 2 a 1 ed è balzata in testa alla classifica insieme alla Virtus Villamar.

Sugli altri campi: Freccia Parte Montis – Libertà Barumini 2 a 2; Gioventù Sportiva Samassi – Tharros 3 s 0; Oristanese – Atletico Sanluri 1 a 1.

[bing_translator]

6 goal e tante emozioni, questo pomeriggio, allo stadio Monteponi di Iglesias, tra la Monteponi ed il Carbonia, nella gara di andata degli ottavi di finale della Coppa Italia di Promozione regionale. La vittoria è andata meritatamente al Carbonia, con il punteggio di 4 a 2, ma i goal sarebbero potuti essere anche di più, perché gli attacchi hanno prevalso sulle difese, soprattutto nel secondo tempo (il primo si era concluso con il Carbonia nettamente avanti sul 2 a 0, con goal di Marco Foddi e Nicola Lazzaro), quando la Monteponi ha cercato la rimonta, riuscendo a realizzare due goal (con Diego Flumini su calcio di rigore, accordato per un fallo di mano di Nicola Boi, e l’ex Stefano Demontis, ed un terzo le è stato annullato per fuorigioco) ma, inevitabilmente, scoprendosi in difesa, finendo così con il subire altri due goal, realizzati da Christian Cacciuto.

Le due squadre, qualificatesi nei doppi confronti con Carloforte e Villamassargia, si sono presentate a questo appuntamento con stati d’animo differenti: sereno il Carbonia, che in campionato ha collezionato una vittoria interna e due pareggi esterni nelle prime tre giornate del campionato; decisamente meno sereno la Monteponi, che in tre partite ha messo insieme solo un punto, frutto del pari all’esordio con l’Andromeda, e delle due sconfitte subite con Gonnosfanadiga ed Arborea (la prima in casa).

Il tecnico rossoblu Andrea Marras ha presentato la squadra quasi al completo, priva del solo regista Cristian Dessì, mentre il collega biancoblu Fabio Piras ha fatto turnover, tenendo inizialmente in panchina Christian Cacciuto, Giacomo Sanna (al rientro da un infortunio), Riccardo Milia, Fabio Mastino (al rientro da un infortunio), Alberto Arrais e Claudio Cogotti (anche lui al rientro da un infortunio e ancora non completamente ristabilito).

In avvio è stato il Carbonia a fare la partita, riuscendo a creare grosse difficoltà alla difesa della Monteponi, soprattutto sulla fascia destra, con le incursioni di Marco Foddi, e sulla fascia sinistra, dove ha creato scompiglio uno scatenato Nicola Lazzaro. E, dopo alcune occasioni sciupate, al 21′ il Carbonia è passato in vantaggio proprio con Marco Foddi, con un gran diagonale che non ha lasciato scampo all’ex Marco Rubbiani; ed ha raddoppiato al 28′ con Nicola Lazzaro, con una gran botta sotto la traversa scagliata da posizione centrale.

La Monteponi ha subito il colpo dell’uno-due del Carbonia e nel finale del tempo, è riuscito a creare una sola grande occasione da rete, che Diego Flumini non è riuscito a concretizzare con un colpo di tacco.

Nel secondo tempo è scesa in campo un’altra Monteponi, decisamente più determinata e desiderosa di riaprire la partita. E, dopo un paio di tentativi non concretizzati, al 16′ è arrivato l’episodio che ha riacceso le speranze rossoblu, quando l’arbitro ha concesso giustamente un calcio di rigore per un fallo di mano di Nicola Boi che ha intercettato con un braccio largo un cross da sinistra. Sul dischetto si è portato Diego Flumini (fino a quel punto controllato bene dai difensori biancoblu), la cui conclusione non ha lasciato scampo a Daniele Bove.

Per poco più di un quarto d’ora il punteggio è rimasto in equilibrio ma poi la Monteponi ha verificato a proprie spese l’importanza di avere in squadra un bomber come Christian Cacciuto (entrato al 10′ della ripresa al posto di Nicola Lazzaro), che al 33′ ha segnato il goal del 3 a 1, ribadendo da pochi passi una respinta di Marco Rubbiani, dopo una splendida conclusione acrobatica dell’ex Giacomo Sanna, entrato pochi minuti prima al posto di Momo Cosa. La Monteponi ha avuto ancora una bella reazione d’orgoglio, andando a segno con un altro ex, Stefano Demontis, al 36′, con un gran destro che ha sorpreso, per potenza e precisione, Daniele Bove; ed ha reclamato poi per l’annullamento, per fuorigioco, del goal del 3 a 3.

La partita ha regalato emozioni anche nei cinque minuti di recupero, concessi dal direttore di gara Gianluca Deriu di Oristano per le numerose sostituzioni effettuate dai due tecnici, ed è stato ancora Christian Cacciuto a mettere la sua firma sul sesto goal del derby e sulla doppietta personale, con un preciso colpo di testa su cross dell’ottimo Andrea Bove, che ha fissato il risultato sul definitivo 4 a 2.

Monteponi: Rubbiani, Ballocco, De Santana Martini, Garau, Cappai, Melis, Casula, Nonnis, Flumini, Demontis, Marongiu. A disposizione: Biancu Mattia, Biancu Davide, Caria, Monni, Pili, Murgia, Damele, Pischedda, Cani. All. Andrea Marras.

Carbonia: Bove Daniele, Boi, Bove Andrea, Biccheddu, Mameli, Todde, Foddi, Giovagnoli, Lazzaro, Casu, Cosa. A disposizione: Murroni, Cogotti, Arrais, Marreddu, Milia, Orgiana, Mastino, Sanna, Cacciuto.

Arbitro: Gianluca Deriu di Oristano (assistenti di linea Riccardo Loi e Luca Mocci di Oristano).

Reti: 21′ Foddi (C), 28′ Lazzaro (C), 16′ s.t. Flumini (M) su rigore, 33′ Cacciuto (C), 36′ Demontis (M), 47′ Cacciuto (C).

Gli altri risultati delle partite disputate oggi:

Ozierese- Usinese 1 a 3

Porto Torres – Valledoria 0 a 1

Thiesi – Calangianus 1905 3 a 0

Orrolese – Idolo 3 a 0

Fonni Calcio – Borore 1967 4 a 1

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10217708872221496/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10217709431915488/

 

[bing_translator]

Due pareggi e due sconfitte per le squadre sulcitane, nella terza giornata di andata del girone A del campionato di Promozione regionale. Il Carbonia ad Arzana ha ripetuto lo 0 a 0 maturato 7 giorni fa sul campo della San Marco Assemini ’80, e con il punto conquistato, sale a quota 5 punti in classifica, a due lunghezze dalle due nuove capolista, Gonnosfanadiga ed Arborea, impostesi rispettivamente per 2 a 1 suil Vecchio Borgo Sant’Elia (scavalcato in vetta alla classifica) e per 1 a 0 sulla Monteponi. Per la squadra di Andrea Marras, alla seconda sconfitta consecutiva, questo avvio di stagione si conferma inferiore alle attese della vigilia, con un bilancio di 1 punto in tre partite e l’ultimo posto in classifica in compagnia del Selargius e del Carloforte. La squadra tabarchina ha perso di misura in casa, 0 a 1, con il La Palma Monte Urpinu. Giornata positiva per il Villamassargia, al secondo pareggio casalingo nel match che l’opponeva al forte La Palma Monte Urpinu, 1 a 1 in rimonta con goal di Nicola Farci.

Sugli altri campi, il Sant’Elena Quartu ha vinto a Selargius, 3 a 1; Andromeda e Seulo 2010 hanno pareggiato 1 a 1; il Villasor s’è imposto per 1 a 0 sull’Orrolese.

Domenica prossima il calendario proporrà il primo derby del Sulcis, al Comunale “Carlo Zoboli“, tra Carbonia e Villamassargia (già avversarie nel primo turno di Coppa Italia, con doppia vittoria del Carbonia, 3 a 1 in casa e 1 a 0 in trasferta), mentre la Monteponi ospiterà il Selargius ed il Carloforte giocherà sul campo dell’Idolo, ad Arzana. Mercoledì 10 ottobre, intanto, torna la Coppa Italia, con le partite di andata del secondo turno eliminatorio, in evidenza il derby Monteponi-Carbonia (stadio Monteponi, fischio d’inizio alle ore 15.00). Le altre partite in programma sono: Villasor-Vecchio Borgo Sant’Elia ore 15.00), Sant’Elena-Arborea (ore 16.00), Orrolese-Idolo (ore 16.30), Fonni-Borore (ore 17.30), Thiesi-Calangianus (ore 15.00), Ozierese-Usinese (ore 15.00) e Porto Torres-Valledoria (ore 15.00).

Nel girone B del campionato di Prima categoria, com’era non era stato difficile prevedere, le tre capolista Atletico Villaperuccio, Villacidrese e Virtus Villamar, hanno vinto ancora e restano appaiate in vetta alla classifica, a punteggio pieno. L’Atletico Villaperuccio ha superato di misura l’Atletico Sanluri per 2 a 1, la Villacidrese ha travolto il Villanovafranca per 5 a 1 e la Virtus Villamar ha liquidato il Circolo Ricreativo Arborea con un netto 3 a 0.

Seconda vittoria consecutiva per il Cortoghiana che, impostosi per 3 a 1 sulla Freccia Parte Montis, si conferma al quarto posto con 7 punti, sulla stessa linea della Gioventù Sportiva Samassi che ha superato la Libertas Barumini in un match ricco di goal, 4 a 3. Netta prima vittoria stagionale per la Fermassenti, 3 a 0 sul Seui Arcueri; prima vittoria ancora più netta per l’Isola di Sant’Antioco, 4 a 0 sul Gergei, mentre l’Atletico Narcao ha perso di misura in casa con il Sadali, 1 a 0, e resta ultimo in classifica, ancora a digiuno di punti, in compagnia di Gergei, Tharros (travolta per 3 a 0 dall’Oristanese nel derby della città di Eleonora) e Villanofranca.

[bing_translator]

Dopo 180′ c’è una sola squadra a punteggio pieno nel girone A del campionato di Promozione regionale, il Vecchio Borgo Sant’Elia, impostosi di misura sul Villamassargia, con il punteggio di 2 a 1, ed ora capolista solitario con due punti di vantaggio sulle più immediate inseguitrici: Carbonia, Gonnosfanadiga, Seulo 2010, La Palma Monte Urpinu, Arborea ed Andromeda.

Il Carbonia è tornato da San Sperate, sede delle partite casalinghe della San Marco Assemini ’80, con un pari senza goal e più di un rimpianto. La squadra di Fabio Piras ha costruito tanto ma non ha trovato lo spunto vincente neppure su calcio di rigore, assegnato dal direttore di gara al 13′ del primo tempo per un fallo ai danni di Christian Cacciuto. E’ stato lo stesso bomber biancoblu a sciupare la grande occasione (il secondo dopo quello sbagliato sette giorni fa con il Selargius), facendosi parare il tiro dal portiere di casa Mattana. Anche la San Marco Assemini ’80 ha avuto alcune buone occasioni da goal, colpendo anche una traversa, ma nel secondo tempo è stato il Carbonia ad andare più spesso vicino al goal della vittoria.

Era attesa alla prova la Monteponi, all’esordio in casa contro il Gonnosfanadiga nel rinnovato stadio Monteponi, dopo il pari iniziale di Siurgus Donigala con l’Andromeda. Le cose non sono andate bene, la squadra di Andrea Marras ha perso con un punteggio netto, 4 a 2, dimostrando di avere ancora bisogno di tempo per trovare i giusti equilibri tra i reparti dopo i numerosi inserimenti. Bisogna avere pazienza, il campionato è lungo e l’esperienza insegna che sarebbe un grave errore drammatizzare un avvio di campionato incerto.

La giornata ha fatto registrare il primo risultato positivo per il Carloforte, uscito con un punto dal difficile campo dell’Orrolese, dove la partita è finita senza goal, mentre ha perso a testa alta il Villamassargia sul campo della capolista Vecchio Borgo Sant’Elia, 2 a 1.

Sugli altri campi, sono terminati in parità le partite La Palma Monte Urpinu-Idolo e Selargius-Arborea, entrambe per 1 a 1; il Seulo 2010 ha superato di misura il Villasor, 1 a 0, stesso punteggio con il quale l’Andromeda ha espugnato il campo del Sant’Elena Quartu.

Pioggia di goal, 31 in 9 partite (media 3,444 a partita), nella seconda giornata del girone B del campionato di Prima categoria. Ma più del numero complessivo dei goal, va rimarcato che tutte le 18 squadre sono andate in goal.

Tre le squadre a punteggio pieno: Atletico Villaperuccio, Villacidrese e Virtus Villamar. Dopo il 6 a 1 inflitto alla Tharros, l’Atletico Villaperuccio ha vinto 3 a 1 a Villanovafranca; la Villacidrese ha espugnato il campo della Tharros con il punteggio di 4 a 1 (la squadra oristanese ha già subito 10 goal in due partite); la Virtus Villamar ha vinto di misura sul campo dell’Atletico Sanluri, 2 a 1.

Il Cortoghiana ha avuto la meglio sul Gergei per 2 a 1; la Fermassenti è tornata imbattuta dal campo della Freccia Parte Montis, 2 a 2; l’Atletico Narcao ha perso 2 a 1 sul campo della Libertas Barumini ed è ancora all’asciutto di punti; l’Isola di Sant’Antioco ha colto il primo punto sul campo del Circolo Ricreativo Arborea, 1 a 1. Sugli altri campi, il Sadali ha travolto l’Oristanese, 4 a 1, e Seui Arcueri-Gioventù Sportiva Samassi è terminata in parità, 1 a 1.

Christian Cacciuto.